Iachini: “Il gruppo è questo al 98%. Chiesa esemplare, ad oggi è qua con testa e cuore”

Il tecnico viola parla alla vigilia del debutto stagionale

di Federico Targetti, @fedetarge

Ad un mese e mezzo dalla fine dello scorso campionato, è già tempo di pensare ad una nuova stagione. Che per la Fiorentina prenderà ufficialmente il via domani alle 18 allo stadio Artemio Franchi, avversario il Torino. Mister Beppe Iachini, confermato sulla panchina viola, racconta così in conferenza stampa le sue sensazioni e le sue aspettative.

“Obiettivi stagionali? La ripartenza non è molto diversa da come ci siamo lasciati. Abbiamo dovuto accorciare la preparazione, c’è stato poco tempo, anche per conoscerci meglio. La sosta nazionali poi c’è stata per tutte le squadre. I ragazzi nuovi cercheremo di portarli nelle condizioni migliori nel minor tempo possibile. Le basi ci sono, vogliamo fare una stagione molto positiva, anche se c’è tanto da migliorare. Ho in mente di mandare in campo una squadra organizzata, che giochi un calcio di qualità. Non a caso a centrocampo sono arrivati certi profili. Con i 5 cambi avremo bisogno di tutti e di una squadra pronta in entrambe le fasi di gioco. Se oltre alla miglior difesa dalla ripresa in poi riusciremo concretizzare più occasioni, allora potremo giocarcela con tutti. Sia in casa sia fuori, vogliamo regalare soddisfazioni a società, presidente e tifosi.

Quando si rinizia dopo un mese e mezzo non si sa mai come si trova la squadra. Affrontiamo il Torino, squadra organizzata, dovremo essere attenti e concentrati. Siamo solo alla prima giornata, ma i ragazzi sanno che vogliamo partire col piede giusto. Belotti ha esordito con me in A a 18 anni, so che è un pericolo per la Fiorentina, ma ho i miei attaccanti con delle ottime qualità, che faranno parlare molto di loro in futuro.

Felice per il ritorno di Rocco, vederlo di nuovo qui è un grande piacere. Il gruppo, al 95-98% è questo, poi io ho fiducia nel fatto che sfrutteremo le occasioni interessanti, posto che si presentino. La squadra è pronta per cominciare la sua avventura, poi si vedrà se potrà arrivare qualcuno per chiudere le fila e completare. Sono fiducioso.

Ribery è un giocatore importante, stiamo cercando di gestirlo al meglio. Se la squadra è in difficoltà Franck non può esprimersi al meglio, e viceversa. Tutte le componenti si conoscono bene, questo è un buon punto di partenza. Il Torino è allenato da Giampaolo, è un tecnico che presenta squadre molto organizzate. La sfida si può decidere negli episodi, dovremo essere bravi a farli volgere a nostro favore. Oltretutto è la prima, va presa nella maniera giusta.

Non c’è nessun discorso di moduli, dobbiamo essere imprevedibili e cambiare atteggiamento nel corso della gara. Chiesa ha dimostrato di sapersi rendere utile in più situazioni, battendo il suo record di gol. Lavorando per i compagni, rimanendo umile, potrà dare il suo contributo come ci aspettiamo da lui.

Castrovilli? A Firenze il 10 è sempre stato un numero importante. Ha responsabilità, ma deve pensare a fare quello che sa fare, e deve aggiungere i gol alla sua prestazione. Un centrocampista del suo tipo diventa grande quando segna 8-10 gol a campionato, mi aspetto questa crescita da lui.

I giocatori devono dare tutto dal primo all’ultimo minuto, e Chiesa non fa eccezione. Il suo comportamento è esemplare, non c’è un allenamento che non abbia svolto al 100%. Poi il mercato è imprevedibile, ma ad oggi è qui con testa e cuore, e si vede ogni giorno. Con me centrocampisti e attaccanti hanno sempre segnato, ma non ci possiamo appoggiare su un uomo solo. Comunque sono contento se l’attaccante segna, perché a lui spetta il compito di sbloccare certe situazioni.

Ho voluto che alla squadra fossero aggiunti giocatori di qualità. La scelta di innalzare i tassi di qualità e personalità non è casuale, aumenteranno i fraseggi e le palle gol. Bonaventura è uno di quelli che possono interpretare più ruoli, tornerà utile soprattutto coi cinque cambi per la sua duttilità, ci sarà bisogno di ruotare molto e non posso non dire che per me sono tutti titolari. Se non gioca Tizio, vuol dire che può essere determinante a gara in corso. Centrocampisti di questo calibro danno molte opzioni in più per affrontare più tipi di partite.

La scelta sui protocolli sanitari la lascio a chi è più competente; nessuno vuole giocare a porte chiuse, i tifosi fanno sentire la squadra più partecipe, ma dobbiamo trovare certe sensazioni dentro di noi, essendo ancora più bravi. Quando giochiamo in casa, dobbiamo figurarci lo stadio colorato di viola.

Amrabat può fare tutto, se da tre centrocampisti diventiamo due avanzando un interno per lui non cambia nulla. Così saremo sempre incisivi in ogni zona del campo. Sofyan può occupare tutte le posizioni, a tre come a due. Abbiamo ancora due allenamenti, valutiamo chi ha ancora qualche problema, decideremo con lo staff medico dopo i prossimi due allenamenti. Pulgar ha superato un brutto periodo, per lui le valutazioni sono diverse e vanno ponderate bene.

La difesa è diventata la migliore in assoluto nell’ultimo periodo, i ragazzi sono stati valorizzati dal lavoro di gruppo, ma io mi aspetto ancora di più. Voglio costanza di attenzione, se non la manteniamo il giochino non funziona. Basta un nulla per andare a pagare dazio. Mettere in fuorigioco gli avversari richiede un lavoro perfetto. In attacco non ho gerarchie, li valuto in base a momento ed avversario. La loro prospettiva è ideale, continuerò a lavorarci ogni giorno. Valuteremo anche in base al possibile mercato. Io posso dire che sono tre titolari, qualcuno partirà dall’inizio, altri risolveranno la partita.

Rispetto le opinioni dei tifosi, abbiamo fatto un bel percorso la scorsa stagione. Se c’è un momento in cui posso fermarmi ed elargire qualcosa allo spettacolo, lo faccio volentieri, ma se non ho spiccioli e il verde scatta subito, devo accendere il motore e partire verso i punti in classifica. Potevamo fare molti gol in più, siamo stati i terzi in assoluto per occasioni, ma non voglio creare alibi. Voglio solo arrivare più in alto possibile, con lavoro, organizzazione e sacrificio“.

La novità della Conference League: è questo il nuovo obiettivo della Fiorentina?

20 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. SPIRITO VIOLA - 1 mese fa

    Quando il Palermo salì in serie A giocava davanti con 3 tra questi 5 giocatori
    Dybala, Hernandez, Lafferty, Vazquez e Belotti facendo il 3.4.2.1 oppure il 3.4.1.2. Giocando con 3 di questi 6:Bonavventura-Castrovilli-Ribery-Kuamè-Vlahovic-Cutrone con a centrocampo Ambarabat-Duncan.Valero-Pulgar per me si potrebbe vendere anche Chiesa per prendere Luca Pellegrini cootitolare a SX di Biraghi più soldi che servirebbero per avere un cootitolare sulla destra di Lirola, e magari una alternativa meglio sarebbe 2 di spessore ai 3 centrali, da affiancare ad Igor.
    Saremmo da corsa.SFV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ritornodifiamna - 1 mese fa

    È questa.
    E qualunque sia va sostenuta!

    Forza viola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mario - 1 mese fa

    Vorrei ma non ci credo… Beppe stupiscimi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. simuan - 1 mese fa

    …vai Beppe, forza!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. BVLGARO - 1 mese fa

    mi turo il naso e dico Forza Beppe. peccato, la proprietà aveva il dovere di fare di più

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Graz - 1 mese fa

    Non sarai il mio allenatore preferito ma so di certo che gioisci come me per la maglia Viola. Speriamo bene!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Dellone68 - 1 mese fa

    Due sole parole: GRANDE BEPPE.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. antonio capo d'orlando - 1 mese fa

    Beppe farà meglio dello scorso anno. Vedo troppo disfattismo nei commenti qui sotto. Ho paura solo degli infortuni. Come siamo adesso ce la giochiamo con chiunque. Saranno gli episodi a decidere le partite. Almeno quest’anno abbiamo anche qualità a centrocampo. Forza Viola ed un grosso in bocca al lupo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Ivo - 1 mese fa

    Anche perchè se si guarda al tasso tecnico delle due squadre non c’è proprio paragone. Il Torino è una banda di raccattati dalla piena. L’unico giocatore con un tasso tecnico da serie A dovrebbe essere in teoria Verdi, che però per qualche motivo non ne ha beccata una lo scorso anno. Se come sembra giocheremo con Kouamè, RIbery, Chiesa, Castro e Jack non ci dovrebbe essere storia. C’è un abisso tecnico tra le due squadre. Non accetto nessun risultato che non sia la vittoria.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. 29agosto1926 - 1 mese fa

    Beppe è una gran persona come ce ne sono poche nel suo mondo. Deve dimostrare di essere un buon tecnico allora oltre che a volergli bene lo apprezzerò anche come professionista. Speriamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. claudiog197_3585294 - 1 mese fa

    Forza Beppe. Forza ragazzi .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. rumbaviola - 1 mese fa

    Qualitativo is the new emozionale!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Eziogòl - 1 mese fa

    Chiacchiere, mai fatti. Sarà durissima salvarsi. Cerchi do non sprofondare mai nei bassifondi, ma se il gruppo fosse questo siamo da 12/14 posto. E siccome il gruppo non sarà questo, venderanno i migliori senza acquistare nessino, allora sarà dura salvarsi. Intanto Parma agli americani, squadrone, Toro gran bella squadra, Bologna al pari nostro. Si rischia, si rischia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudiog197_3585294 - 1 mese fa

      Bello sparare sempre a zero contro tutto e tutti . Se avessero comprato in blocco il Barcellona diresti che con una squadra che ha preso 8 gol dal bayern si rischia di retrocedere

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. MATTEO1926 - 1 mese fa

      Ahahahah….l’ottimismo è il profumo della vita….siamo da Europa proprio perché abbiamo cambiato poco…il gruppo c’è

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Sempre Viola - 1 mese fa

      Sono d’accordo solo sulla prima frase, per il resto mi pare un discorso pesantemente pessimistico. Parma squadrone? Toro gran bella squadra? Ma di cosa stiamo parlando? La nostra rosa non rispecchia la classifica dello scorso anno, ne sono sicuro. Ci vorrebbe un po’ più di onestà intellettuale e un po’ meno di pessimismo. Un saluto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. BarrosBaggioBorgonovo - 1 mese fa

      Marisa!!!! Un amaro Cora!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Ritornodifiamna - 1 mese fa

      Vaia gobbo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Ivo - 1 mese fa

    Tanti bei discorsi. Spero di non ritrovarmi anche quest’anno come unico schema palla a Ribéry e che Dio ce la mandi buona

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ritornodifiamna - 1 mese fa

      A chi la vuoi dare?
      A Terracciano?

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy