Commisso: “Sognavo la Champions subito. Chiesa? Se vuole andare serve un’offerta giusta. I miei errori…”

Commisso: “Sognavo la Champions subito. Chiesa? Se vuole andare serve un’offerta giusta. I miei errori…”

Le parole del presidente viola Commisso su tanti temi di attualità

di Redazione VN

Di presente e di futuro, di mercato e di stadio. Il presidente della Fiorentina Rocco Commisso ha fatto il punto a 360° sul mondo viola a Lady Radio:

“Si lavora e si mangia assai. Cutrone? Sapevo che sarebbe arrivato ma non potevo dire niente, stamattina fa gli esami medici, ancora non l’ho visto perché ieri sera sono andato a dormire. Identikit del giocatore di prospettiva? Sì, è uno dei più grandi investimenti della storia della Fiorentina, speriamo vada bene e che non stia seduto (ride n.d.r.). Nei limiti dei nostri ricavi vogliamo fare una squadra più forte, così accontento pure i tifosi che per ora non sono stati accontentati. Ora centrocampo e difesa? Vedremo, dipende dalle occasioni, dai costi, ma non posso dire niente”.

Sulle prospettive viola rispetto al Fair Play Finanziario: “Voglio preparare la Fiorentina ad avere più ricavi, questo anche grazie al Centro Sportivo. Abbiamo già cominciato, anche se per ora i risultati non ci sono: a Pradè ho detto che non voglio giocatori per sei mesi, ma chi arriva ora deve restare 18 mesi, due o tre anni. Risultati negativi? Nessuno se li aspettava, in campionato non ho ancora visto dal vivo una vittoria al Franchi, solo in Coppa Italia con il Cardinale… magari torna e ci fa una preghiera (ride n.d.r.)”.

Sulla squadra: “Pradè non ha avuto sei mesi prima di giugno per allestire la squadra, ma a partire da giugno e tanti di questi giocatori sono arrivati ad agosto. Non mi aspettavo questi risultati ma la colpa me la prendo io che sognavo la Champions League. Per alcune giornate siamo stati nella parte sinistra della classifica, ma per quest’anno non ci possiamo aspettare Champions o Europa League“.

Sullo stadio: “Dopo il primo progetto di restyling non abbiamo più parlato con la Soprintendenza. Poi con Nardella ci siamo concentrati sulla Mercafir: ci sarà un negoziato per capire se noi faremo parte del bando. Aree commerciali? Perché no, sono disposto a fare l’investimento: ho i soldi per investire, ma devono essere un ritorno per la Fiorentina per emulare le migliori 20 squadre d’Europa. Se il Centro Sportivo lo ripaghi sviluppando dei Chiesa e dei Bernardeschi, per lo stadio servono ricavi”.

Sullo stadio fuori dai confini comunali: “Non penso che il sindaco di Bagno a Ripoli me lo faccia fare. Ho un’opzione per allargare i miei terreni a Bagno ma ancora non è certo cosa potremmo farci. Prima di partire avrò un altro incontro con il sindaco Dario Nardella: ribadirò il nostro concetto di fast, total control e costi giusti. Il nuovo stadio al posto delle ex caserme? Mi hanno detto che c’è la sovrintendenza e ci sono strutture che non si possono toccare”.

Sulla situazione della burocrazia e delle strutture in Italia: “Sapevo dei problemi che ci sono stati a Roma con Pallotta e con Della Valle a Firenze. Intanto il centro sportivo è stato comprato in meno di sei mesi e già iniziato a costruire. E’ un terreno privato, ma c’è comunque la sovrintendenza di mezzo”.

Obiettivo top 20 in Europa?: “Sul lungo termine dobbiamo incrementare i ricavi per cercare di fare parte delle top 20 in Europa: siamo in ritardo, per questo serve il fast fast fast e un occhio di riguardo del Fair Play Finanziario su chi vuole investire. Con la mia Mediacom siamo partiti da zero per arrivare ad investire 9 miliardi di dollari. La mia idea è quella di fare come il Manchester City: hanno acquistato 100 ettari di terreni e messo due miliardi nella squadra, che adesso è un top club mondiale”.

Sul restyling del Franchi: “Dobbiamo farci più idee, vagliamo tutte le opzioni. Ci sono tanti concetti da considerare: la storia di Campo di Marte, l’aspetto commerciale, i trasporti pubblici. Se puntiamo sul restyling, vogliamo fare come l’Udinese, ossia di giocare mentre ci sono i lavori, settore per settore”.

Sulla squadra B: “Per l’anno prossimo non ci penso, ci vogliamo concentrare sulla squadra principale (ride n.d.r.)”.

Su Tonali? “Appena è uscita la voce che lo cercavamo, il prezzo si è alzato tantissimo”.

Su Chiesa: “Ho già visto il babbo, sono venuto a Firenze sette volte e ho tanti incontri da rispettare. Ho parlato con Federico e il discorso è sempre lo stesso: se vuole andare via, quando arriverà un’offerta giusta forse partirà. Mi dispiacerebbe mandare via un giocatore che può diventare una bandiera come gli Scirea, i Maldini, i Collovati, i Totti. Anche De Rossi, che Pradè in estate ha provato a portare a Firenze”.

Se la conferma di Montella è stata un errore?: “Quando uno fa l’imprenditore commette tanti errori, basta che siano piccoli”

Su Iachini?: “Mamma mia, è tipo Rocco. Quando le cose non vanno bene grida come facevo io. Deve motivare ognuno individualmente, lo sta facendo”.

Su Castrovilli: “Ha un contratto lungo, in questi mesi abbiamo fatto anche cose buone come i tanti rinnovi di contratto”.

Sulla preparazione: “Non torneremo a New York (ride n.d.r.). Abbiamo interrotto la preparazione e forse è stato uno sbaglio, mi assumo le responsabilità e credo che torneremo a Moena. Tournée? Probabile, ma non in America”.

Nuovo stadio: da Palazzo Vecchio trapela fastidio per le parole di Commisso

29 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. gianni69 - 6 mesi fa

    Champion league? Nooooo aumenta il monte ingaggi è una iattura. Meglio lottare per la salvezza dai retta rocco. Rivoglio i della valle corvino e gnigni. Mi mancate dove siete

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BVLGARO - 6 mesi fa

      Ringrazio il presidente per la chiarezza e per la sua sincerità, merce rara nel calcio di oggi. Cutrone è già un ottimo inizio. Assieme a Vlahovic fanno un 9 e un 11 d’altri tempi. La squadra ancora deve farsi ma ho un buon presentimento. Per noi andrebbero benissimo due nomi: Dominik Szoboszlai e Valentin Mihaila. Il primo subito a completare un centrocampo discreto con Pulgar e Castrovilli. Il secondo a fine stagione. Metterci subito le mani perchè questi sono due potenziali top player e profili di calciatori che sono appetibili per la viola.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 6 mesi fa

        Mihaila è bono davvero lui l’ha visto un sacco di volte nel campionato Rumeno. C’ha una parabolica orientata su Arad

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. isiraider - 6 mesi fa

    C’è qualcosa di surreale o qualcosa che mi sfugge nella narrazione un po’parossistica di questi giorni. In sintesi, siamo di fronte (o meglio, dovremmo essere di fronte) ad un progetto complessivo da oltre 500 milioni tra acquisto società, CS e nuovo stadio e, qua e là,, leggo trapelare incertezze del tipo l’IMU alla Mercafir, i 22 milioni alla stessa Mercafir, ecc. Cioè tutto il progetto si incaglierebbe per differenze monetarie che ballano e balleranno tra un max e un min di prezzo d’acquisto, tra una tassa e l’altra, e che nel loro insieme non valgono neanche l’1% della massa critica dell’intero progetto. Voi che siete a Firenze, ditemi: sbaglio?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ghibellino viola - 6 mesi fa

      Non sbagli. L’ho già scritto in passato: si parla di 600 milioni di investimento complessivo e ci si fa spaventare dai 22 della Mercafir. Che poi, se non ho capito male, se chiedevano 12 andava bene. Quindi fai saltare tutto per una decina di milioni. Per me sono tanti (ovvio), ma in progetti come questo sono briciole. Mah.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Valdemaro falla finita - 6 mesi fa

    Tu vedi come torni fast, fast, fast a NY se retrocediamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. 29agosto1926 - 6 mesi fa

    Purtroppo la maturità di noi tifosi si manifesta sempre e ci fa capire come siamo poco obiettivi sulle questioni importanti come quelle sollevate da Rocco in queste sue ultime interviste. Cinta molto di più la contrapposizione Pradè-Corvino che, invece, analizzare i motivi, le intenzioni, le possibilità che Rocco cerca di farci capire. Si viene liquidati con frasi puerili e non si analizzano i veri problemi.
    Rocco è anche troppo accondiscendente nelle sue considerazioni perché potrebbe anche spazientirsi e mandare tutti quelli che lo incolpano già di qualcosa a farsi benedire.
    Se Rocco ha una colpa è quella di aver ascoltato personaggi, suppostamente conoscitori della realtà calcistica italiana e che, invece, di calcio e di strategie di mercato, specialmente, non capiscono quasi niente. Questa è stata la sua sola colpa, non avere il coraggio di creare un ambiente nuovo con gente nuova allontanando tutti quelli che avevano fatto parte della vecchia gestione è stata la sua colpa. Probabilmente ha ascoltato Antognoni e forse anche I della Valle per quanto riguarda Montella ed ha sbagliato tutto prendendo solo cavalli di ritorno. Il primo investimento era da fare sulle persone della conduzione tecnica ed invece si è fidato.
    L’ho scritto altre volte che tra Corvino e Pradè, a mio parere, sono due mediocri direttori ma se dovessi scegliere prenderei certamente il primo che perlomeno qualche giovane è riuscito a portarlo.
    Mi fanno ridere tutti quelli che qui si scannano per portare avanti la preferenza per l’uno e l’altro. Oggi c’è Pradè e Pradè deve essere giudicato e il giudizio è estremamente negativo avendo sbagliato tutto quello che c’era da sbagliare. I fatti parlano chiaro.
    Adesso il rimedio è quello di concentrare le forze sulla permanenza in Serie A per poi trarre tutte le considerazioni del caso, il resto, Stadio, CS e altri discorsi, sono da rimandare a dopo.
    Si vede lontano un miglio che Rocco non ha idea di quella che è la realtà calcistica in Italia altrimenti non avrebbe messo Barone a fare il DG ma lo avrebbe solo incaricato di gestire i soldi e la parte amministrativa. Lo si vede dai discorsi che fa che deve essere affiancato da qualcuno che sia veramente un MAGO del calcio, deve essere individuato e preso insieme ad un DS che sappia agire internazionalmente e non si rifugi sempre dietro a quei 10 giocatori che conosce.
    Lasciate stare Rocco perché se si stanca, e ci è abbastanza vicino, ci lascia in una situazione che per i prossimi 30 anni si gioca al Bozzi davvero.
    Ci vuole pazienza, va giustificato in tante cose meno che sulla scelta delle persone che deve essere fatta scrupolosamente con professionisti di primo piano, solo così si potrà costruire qualcosa d’importante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mcweb - 6 mesi fa

      Guarda su Antognoni è tutto il contrario. Proprio perché è relegato solo ad uomo immagine come con la vecchia gestione si sono commessi errori invece di dare fiducia piena a chi di calcio ci capisce ASSAI per dirla alla Rocco. Lui non si fida di nessuno esattamente come i DV.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 6 mesi fa

        Io non lo so, le mie sono supposizioni, ma in società non c’era nessuno della vecchia guardia ed il fatto che Antognoni sia rimasto e che Pradè abbia dichiarato, seduto ad un tavolo con lui e Barone, che tutte le decisioni erano condivise mi fa pensare che Rocco abbia proprio confidato nei consigli di Antognoni per chiamare l’attuale DS. Comunque o che conti parecchio o che conti poco abbiamo bisogno di altri profili molto più professionali.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. gianni - 6 mesi fa

      È vero .. analisi perfetta. Barone deve fare il segretario di Commisso e niente più. Non siamo nella serie c degli usa. Troppo provincialismo da squadra parrocchiale.ci vuole un DS tipo giuntoli o carli e un DG con le palle altro che Barone e Prade.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. fudo77 - 6 mesi fa

    “… per cinque o sei settimane siamo comunque stati nella parte sinistra della classifica, ora siamo a destra e vogliamo migliorare …” le soddisfazioni per quest’anno, le abbiamo già avute … in più abbiamo pareggiato con Juve ed Inter, direi che possiamo accontentarci e pensare al 2020/2021 !!!
    TOOOOOOP !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. MATTEO1926 - 6 mesi fa

    Il concetto è sempre uno e molto chiaro….senza le tonnellate di cemento i ricavi non si alzano….quindi….o cemento o mercati fantasiosi!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Labaroviola72 - 6 mesi fa

      No ci sono altre strade, piu’ lente purtroppo. Tipo la Lazio, decantata oggi da molti, molti che si dimenticano quanti anni ci son voluti, e la fortuna di avere un DS capacie, un progetto tecnico stabile, ma ai tempi di Reja gli stavamo sempre davanti. L’Atalanta son venti anni che ha le giovanili al top, per venderli poi tutti, andando in B diverse volte.
      Ci vuole pazienza o cemento, fate voi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Antiviola - 6 mesi fa

        E siccome la pazienza scarseggia a queste latitudini…. preparare cardarella, cazzuola e mazzette per i soliti noti!
        Dopo di voi solo rovine.
        Fate festa.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. max688 - 6 mesi fa

    come no..non aver preso de paul adesso è un merito…in estate abbiamo passato quasi 2 mesi con de paul o niente…questo campionato ha dimostrato che la scelta era sbagliata a prescindere dallo spendere 30 e non 40 come chiedeva l’udinese …..ma prade sa che esistono dei buoni calciatori (10-20 milioni) maturi, affidabili, tipo quelli presi dal cagliari, parma, ora dal napoli?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Tato - 6 mesi fa

    L’indole del tifoso è quella di passare dall’esaltazione al disfattismo, in un batter d’occhio. Aspettiamo la fine del campionato per dare giudizi. De Paul, per cui ci ave chiesto 40 milioni circa, sta brillando quest ‘anno?. Prade’ non lo ha preso e giù critiche. Lo avesse preso e il giocatore, avesse avuto scarso rendimento, tutti a dire che con 40 milioni si era presobun bidone

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Burlamacchi - 6 mesi fa

      Esatto.

      Se non si spende piovono critiche, se invece si spende piovono critiche comunque.

      Purtroppo è il modo in cui vedono il calcio sti ragazzini che “tifano” oggi: bizze e pianti continui.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. giusetex7_9905901 - 6 mesi fa

      Il discorso non fa una piega. A me non piace De Paul e per esempio l’anno scorso fui contento di pjaca, rivelatosi poi un acquisto sbagliato. Il problema del tifoso in realtà non è che ha sbagliato a spendere i soldi, anche se su Pedro ci sarebbe da scrivere un libro, ma che quei soldi li ha tenuti in saccoccia mentre c’erano falle evidenti nella squadra. Dicendo tra l’altro che non li avrebbe spesi tanto per spendere. Tutto lì.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Il_Mediatore - 6 mesi fa

    Mi dispiace ma dopo questo “investimento” capirai ( tardi ) che Pradè è da allontanare il prima possibile. Cutrone purtroppo è un attaccante scarso, 0 tecnica, 0 fisico, non fa reparto da solo, non male dentro l’ area ma niente di più. E alla fiorentina serve ben altro. Io non capisco come si faccia a non vedere. Abbiamo Vlahovic che ad ora escluso un bel gol, tanta qualità non la sta dimostrando sia a livello tecnico ( i passaggi di domenica in ripartenza da brividi che hanno fatto ripartire il bologna sulla nostra trequarti e in generale non stoppa bene mezzo pallone) che incredibilmente fisico ( non gli ho visto ancora prendere un pallone di testa su rinvio). In pratica abbiamo degli attaccanti che ad oggi non fanno reparto, non tengono pallone e fanno pochi gol.

    Aggiungiamo poi che i soldi non si sono visti e quelli che sono stati presi dalle vendite sono stati rinvestiti male ( pedro – lirola 30mln). Sostituito Muriel con Pedro – Pulgar con Veretout. e di fair play e ricavi come dv ( attenzione che qui sono d’ accordo con tutti e due) ed ecco che lottiamo per la salvezza.
    Quindi serve un lavoro di qualità da parte dei dirigenti e Cutrone è e sarà un altro investimento sbagliato. Speriamo di sbagliarsi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-2073653 - 6 mesi fa

      Aridatece er Mago der Salento!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Il_Mediatore - 6 mesi fa

        Figuriamoci se rimpiango Corvino. Anche se a ricordo non credo che abbia mai speso 15-18 mln per giocatori mediocri, forse il cholito che comunque il primo anno segnò una 15ina di reti.

        Poi se la gente si entusiasma per Cutrone si ricrederà presto. A parità di prezzo io mi tenevo Muriel, a questo ora si lottava almeno per l’ Europa league.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Burlamacchi - 6 mesi fa

          Il problema è che il tuo Corvino ne ha spesi centinaia di milioni su giocatori mediocri.

          Perchè il problema non è tanto spenderene 15 o 20 su uno (peraltro rivenduto al prezzo d’acquisto), ma tutte quelle operazioncine che faceva Corvino su giocatori non mediocri, ma proprio scarsi, che sommate facevano decine di milioni.

          Vado un po’ a braccio, ma vorrei farti capire il concetto (visto che nonostante tutto siete ancora qua a rimpiangerlo): Rasmussen 7 milioni , Diks 3 milioni, Eysseric 4 milioni, Maxi Olivera 2,5 milioni, Pjaca 2 milioni per il prestito, Cristoforo 3,5 milioni, Bruno Gaspar 4 milioni, Hancko 3,5 milioni, Norgaard 3,5 milioni.

          Potrei continuare ma mi fermo qua per carità di patria.
          Chi ha seguito la Fiorentina negli anni di Corvino sa che la lista è molto più lunga e comprenderebbe anche giocatori per la primavera strapagati e mai sbocciati.

          Solo questi sono 33 milioni spesi su giocatori che peraltro fatichiamo anche a rivendere.
          Corvino comprava tanti giocatori mediocri a cifre medio-basse, così non era mai evidente che fossero acquisti sbagliati.

          Allora scusami, l’errore sarebbe investire 15-18 milioni su un giovane come Cutrone e non averne spesi 33 milioni totali per i sopracitati?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Il_Mediatore - 6 mesi fa

            Vatti a rivedere i nomi che hai fatto quasi tutti sono stati rivenduti allo stesso prezzo, alcuni poco meno alcuni poco di più. L’unico è Rasmussen che rientrava nell’ affare Traorè e che Pradè non ha voluto riscattare,ma che è molto meglio di Pulgar. Qui si fa fatica a capire che se uno critica non è automaticamente dellavalliano, corviniano ecc ecc, a me Corvino faceva pena come ds quindi figurati.

            E no il tuo ragionamento è sbagliato proprio, il grosso investimento lo devi fare bene sennò tutto il resto va in malora. Per Cutrone sono spesi malissimo e mi chiedo se qualcuno ha mai visto le partite del Milan. Ma purtroppo su questo sito non si analizza, si aggredisce perchè guai a criticare la nuova proprietà. Lo stesso successe per Gomez, si vedeva che sarebbe stato un flop, ma la storia e l’esborso per lui non riusciva a far vedere se non dopo anni, il pacco che avevamo preso.

            Ma vedremo tra qualche mese chi aveva ragione su Cutrone. Io spero che mi rinfaccerete questi messaggi.

            Mi piace Non mi piace
    2. bianco - 6 mesi fa

      Sto telefonando a Rocco x consigliarli di ingaggiare te II Mediatore saresti un grande direttore sportivo ah ah ah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Il_Mediatore - 6 mesi fa

        Quindi nell’ era di dv e corvino ti potevo rispondere: fallo te il presidente o il direttore sportivo 🙂

        Elencami i giocatori presi da Pradè che stanno brillando in questo campionato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. ben hur - 6 mesi fa

      Cutrone è il miglior giocatore sul mercato di gennaio. Oppure pensi che Mbappe viene a Firenze?Siete solo gobbi e nostalgici dei fratellini e dell’analfabeta. Vattene a Casette!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Il_Mediatore - 6 mesi fa

        Mandzukic(è andato in medio oriente così per dire)? Ibrahimovic nel milan più scandaloso degli ultimi anni? O riscattare Muriel?

        Vedrai che con qualche $$$ li convincevi come è successo con Ribery e sicuramente sono meglio di Cutrone.

        Se bisogna spendere per giocatori come lui meglio stare non spenderli e puntare su altri ruoli dove abbiamo lacune tipo una mezz ala.

        E poi basta questa tiritera dei dv, ma cosa ho detto a loro favore dimmelo. Il problema è che come è successo in passato siete tutti ancora post sbronza per Commisso e chi come me ha criticato il mercato estivo ( e per ora Cutrone) viene subito aggredito, nonostante classifica e rendimento, dati oggettivi, ci diano ragione.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Labaroviola72 - 6 mesi fa

          Ma dai, Mandzukic prendeva 7 netti dalla rubentus e 10 netti dagli arabi. Siamo seri.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Enzo2 - 6 mesi fa

    Avanti Rocccooo!! Non mollare! E avanti Violaaa!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy