La Serie A tuona contro Spadafora: “Il calcio un fenomeno sociale, vale l’1% del PIL”

La Lega non ci sta e replica duramente al Ministro dello Sport Spadafora

di Redazione VN
serie-a-cronaca-partite

Non si è fatta attendere la riposta della Lega Serie A alle dichiarazioni rese oggi dal ministro dello Sport Vincenzo Spadafora. Questo il comunicato emesso in serata:

In Italia oltre 32 milioni di appassionati seguono il calcio, un fenomeno sociale ed economico che dà lavoro a più di 300mila persone generando l’1% del PIL nazionale. La Serie A da sempre svolge un riconosciuto ruolo di locomotiva del comparto, producendo direttamente ogni anno circa 3 miliardi di euro di ricavi totali e generando un indotto di 8 miliardi a beneficio dell’intera piramide calcistica, oltre a una contribuzione fiscale e previdenziale di 1 miliardo di euro. In questi anni l’importo contributivo e solidaristico della Serie A, per lo sviluppo dell’impiantistica, per la valorizzazione dei settori giovanili e per sostenere sport diversi dal calcio, è sempre cresciuto: dai 93 milioni che la Lega Serie A destinava nel primo anno della sua fondazione nel 2010, agli oltre 130 che saranno versati al termine dell’attuale stagione. Cifre importanti, sulle quali si regge l’intera filiera, che la Lega Serie A spera di continuare ad erogare anche per il futuro, a salvaguardia di tutto il movimento calcistico italiano.

Il Presidente, Paolo Dal Pino, ha aggiunto:

In riferimento alle odierne affermazioni del Ministro dello Sport Spadafora ritengo non sia il momento di fare polemiche e demagogia. I numeri sopra riportati parlano da soli e non serve aggiungere altro per evidenziare il ruolo della Lega Serie A a sostegno del calcio, di base, e indirettamente di tutto lo sport italiano.

 

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Marco Chianti - 10 mesi fa

    Ma cosa vogliono questi cialtroni? Soldi in questo momento? Chiedeteli AI CALCIATORI. E non rompete i c******i.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy