Il mercato piange, la classifica vuole tre punti: Verona, un girone dopo

Il mercato piange, la classifica vuole tre punti: Verona, un girone dopo

La Fiorentina ritrova l’Hellas Verona: all’andata la ‘manita’, domani il riscatto

di Giacomo Brunetti, @gia_brunetti
Fiorentina

Fu il primo vagito della nuova Fiorentina. Cinque reti a un più che claudicante Hellas Verona, con Nicolas in giornata di grazia per i viola, e una strada che sembrava spianata. Invece, la squadra di Pioli piombò in uno stato di altalenante catalessi dal quale si è ripresa attraversando il filotto di partite senza sconfitte. Fu la prima volta per molti: per Simeone, che sulla respinta corta del portiere veneto aprì la strada; per Thereau, subito a segno su rigore con la nuova maglia; per Dias, che siglò il quinto gol prima di cadere in un sonno stagionale profondo. E così via, con i gigliati che passarono senza problemi al ‘Bentegodi’.

Adesso, nuovamente contro la formazione di Pecchia – che a Firenze si gioca la panchina – per cercare la prima vittoria, stavolta del girone di ritorno. Dopo l’entusiasmante partita contro l’Inter, la sosta e la Sampdoria hanno ridimensionato l’euforia e le ambizioni, complice anche un mercato che, a quattro giorni dal gong finale, non ha ancora battuto ciglio. Un errore, viste le palesi necessità. Tornare a prendere i tre punti, subito. Anche perché le concorrenti corrono e la classifica non aspetta.

Thereau, non Thereau. Alla fine il francese partirà dall’inizio. La sua assenza non sarebbe stata un dramma, viste le recenti prestazioni. Un problema, invece, se l’allenatore avesse dovuto voltarsi verso la panchina e scegliere un sostituto. Quindi, forse, meglio così. Proprio per questo il mercato è fallimentare: per modi, tempistiche e metodo d’intervento. Qualcuno arriverà, chiaramente, ma dovrà adattarsi e inserirsi, quando a questa Fiorentina serve totalmente altro. Un girone dopo, ancora l’Hellas Verona: vincere sul campo, aspettando gli ultimi sussulti dalla dirigenza.

Violanews consiglia

Il sogno di Simeone: “Essere allenato da mio padre. Vi spiego perché”

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tommolo - 3 anni fa

    Dai, dai!
    E’ la nostra grande occasione per dimostrare che siamo una grande squadra!!
    Se ci impegniamo e tiriamo fuori il cuore con il Verona possiamo farcela!!!

    :-)))

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Up The Violets - 3 anni fa

    Perfetta la seconda parte del pezzo, quella sul mercato e Thereau.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy