Il Coronavirus “rafforza” Mediacom, ecco i numeri. Commisso: “Mai stati così forti. Saldati oltre 300 milioni di debiti”

Il Coronavirus “rafforza” Mediacom, ecco i numeri. Commisso: “Mai stati così forti. Saldati oltre 300 milioni di debiti”

I numeri dell’azienda del Presidente viola sono sempre più rosei

di Redazione VN
Commisso

Mediacom Communications Corporations ha riportato i risultati relativi al trimestre chiusosi il 30 giugno 2020. Nel periodo contrassegnato dall’epidemia del Coronavirus, Rocco Commisso può ritenersi molto soddisfatto dei numeri della sua azienda che appare in continua crescita. I ricavi sfondano il muro dei 500 milioni di dollari, mentre l’utile è di 218 milioni, in aumento dell’8% rispetto all’anno precedente. Importante anche il dato relativo al flusso di cassa libero: ben 135,2 milioni di dollari, in aumento del 35% sullo stesso periodo dell’anno precedente.

Queste le parole del Presidente Commisso:

Coronavirus

In 42 anni di carriera nel settore delle telecomunicazioni, anzi, in tutta la mia vita, non ho mai visto un contesto economico così disastroso come quello causato dalla pandemia da coronavirus in cui moltissime aziende grandi e piccole hanno dichiarato bancarotta o sono state salvate dal fallimento grazie ad enormi aiuti da parte dello stato. In questa situazione negativa generale, Mediacom è andata in forte controtendenza, registrando il proprio novantaquattresimo trimestre consecutivo di crescita dei ricavi anno su anno, un traguardo unico e impressionante per gli annali dell’economia e della finanza americana

Crescita costante

La nostra posizione finanziaria non è mai stata così forte. Le banche e i finanziatori di lungo corso di Mediacom possono contare su uno stato patrimoniale molto interessante per gli investitori e sul nostro impegno a mantenere la leva finanziaria al di sotto del 3.0x. Sin dalla fine del 2018, nonostante i prestiti e i movimenti finanziari sostanziali per l’acquisizione e l’operatività di ACF Fiorentina, abbiamo saldato oltre 300 milioni di dollari di debito grazie alla capacità crescente di Mediacom di generare liquidità. Ci aspettiamo di superare i 500 milioni di dollari di flusso di cassa libero entro la fine del 2020, un vero e proprio record per la nostra azienda.

La rivista Cablefox celebra Commisso: “Personaggio leggendario”

 

 

27 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ambasciatoreviola - 2 mesi fa

    Beh cambia poco tanto è il classico imprenditore americano che non investirà mai nella Fiorentina se non i propri ricavi, sarà mercato di plusvalenze per recuperare gli investimenti di gennaio sperando almeno di investire bene i proventi delle cessioni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. 29agosto1926 - 2 mesi fa

    Come la “sindrome di Stoccolma” qualcuno soffre della “sindrome di Casette d’Ete”. Fanno ridere quegli individui che pur di fare polemica si arrampicano sui dividendi delle aziende di Commisso e dei Della Valle. Il discorso sarebbe ampio ma inutile spiegarlo ai bambini dell’asilo che lascio blaterare quanto vogliono.
    I della Valle erano, non ci sono più!
    I della Valle hanno fatto tanti errori, arroganti, disamorati, braccini, mettetene quante ne volete ma per una decina d’anni ci anno fatto divertire e anche parecchio.
    Non ritorneranno perché nessuno li rivorrebbe ricordandosi giustamente degli ultimi anni e di quanto non hanno fatto ma ricordandosi poco di quello che hanno fatto in precedenza.
    Per quest’ann0 e per ora mi sono divertito poco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Burlamacchi - 2 mesi fa

      Certo certo, quanti discorsi a biscaro ahahahahah

      Amici ed amiche son partiti e anche quest’anno ti ritrovi da solo in cameretta a scrivere ste scemenze? ahahahahahahahahahahah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Masai - 2 mesi fa

    A me pare che il covid rafforzi anche i contagi…..maremma impestata!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. batigol222 - 2 mesi fa

    Il fatto che guadagni tanto non significa che spenderà questi soldi nel mercato, anzi ha detto proprio il contrario. E’ comunque un buon segno, significa che non falliremo neanche se ci fosse un nuovo covid (cosa che altre società rischiano di brutto) e che in caso di grossi problemi di classifica possono arrivare aiuti in extremis, come a gennaio scorso che rischiavamo la retrocessione.
    Non vuol dire che siamo prossimi a diventare una big grazie a questi soldi, se ci diventeremo mai sarà per un percorso di crescita progressivo tipo atalanta e lazio (cosa anche questa detta da pradè e commisso più volte). Se poi uno vuole vedere solo il nuovo cecchi gori ci rimarrà male perchè rocco non lo è

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Barsineee - 2 mesi fa

    Fino alla fine del calcio mercato non mi pronunciò su Commisso perché dopo la scelta “umana” di confermare Iachini ha solo una soluzione: fare una squadra degna di tutti questi stupendi numeri. I fatturati ci insegnano che non fanno goal, per quelli ci vuole i giocatori. Piatek + Torreira e saremmo già un passo avanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Melo69 - 2 mesi fa

      Torreira OK, ma Piatek non è che mi faccia impazzire, ha avuto un anno spettacolare a Genova, poi……

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. glover_3713546 - 2 mesi fa

    94 trimestri di crescita, sono 24 anni… pazzesco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. rudy - 2 mesi fa

    Sarà un caso, ma tutti quelli che acquistano la Fiorentina dopo poco vedono salire alle stelle i fatturati delle proprie aziende. Accadde anche con il Gruppo Tod’s.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Johan Ingvarson - 2 mesi fa

      Commento pertinente… Mediacom ha aumentato il fatturato a causa della crisi del Covid, che ha reso ancora più fondamentali i settori telematici.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. glover_3713546 - 2 mesi fa

        Altro leccavalle antiviola in giornata nera… ahahahah ahahahaah ahahahah

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. 29agosto1926 - 2 mesi fa

          Te, hai dei problemi seri.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Burlamacchi - 2 mesi fa

      Se è il 94esimo trimestre di fila in crescita, direi che il fatturato gli cresceva da MOLTO prima di acquistare la Fiorentina.

      Addirittura da prima che i Della Valle la acquistassero.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Paolo - 2 mesi fa

    Vista la situazione economica di Mediacom e i buoni propositi di Commisso sulla Fiorentina, adesso per prima cosa occorre che Pradè si dia una svegliata e alla svelta, perché quest’anno il mercato dei giocatori è ancora più complicato rispetto agli anni scorsi (ed anche con meno tempo a disposizione).

    Adesso ci sono ancora più squadre (rispetto al passato) che possono insidiare la Fiorentina nell’acquisto di giocatori da inserire nella rosa: oltre alle strisciate, alla Roma (che ha cambiato proprietà proprio oggi) e al Napoli, ci sono anche la Lazio e l’Atalanta che in questo momento sono molto appetite da giocatori anche di prima fascia, per cui è indispensabile fare le cose con molta cautela (non facendo trapelare nulla sui nostri veri obiettivi) ed anche operare con tempismo, per evitare che qualcuno possa venire a romperci le uova nel paniere come purtroppo è già successo per Fares della SPAL (che è andato alla Lazio) o per Vertonghen (che è stato acquisito dalla Roma).

    Inoltre, sarebbe anche opportuno cercare di far valere anche la volontà della Società su quei giocatori i cui procuratori vogliono portarceli via a tutti i costi (vedi Milenkovic), perché altrimenti il mercato si fa ancora più difficile proprio perché in questo modo siamo obbligati a sostituire anche quei giocatori che per noi sono dei veri e propri punti fermi per il futuro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Michele1508 - 2 mesi fa

    Ecco qualche sforzo economico (oltre quelli già fatti) e si riparte più forti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. glover_3713546 - 2 mesi fa

    526 milioni di fatturato a trimestre, significano 2 miliardi e 100 milioni all’anno… i DV si fermano a 850 milioni annui. La disponibilità finanziaria è più che doppia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 2 mesi fa

      Ma va?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. glover_3713546 - 2 mesi fa

        Brutta giornata, eh?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. 29agosto1926 - 2 mesi fa

          Bruttissima. Come hai fatto ad indovinare? Sei furbo come un cervo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. gianni69 - 2 mesi fa

        Sembra di essere tornati indietro di anni fa quando si godeva dei ricavi altrui. A me non è arrivato in banca un euro per adesso

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. glover_3713546 - 2 mesi fa

          Se era pieno di debiti e senza un euro, era peggio anche per la Fiorentina… che dici?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. 29agosto1926 - 2 mesi fa

          Si consolano così! Cosa vuoi farci

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. glover_3713546 - 2 mesi fa

            Per i leccavalle pessima giornata

            Mi piace Non mi piace
          2. 29agosto1926 - 2 mesi fa

            Davvero. Mi dispiace un sacco. Furbo come un cervo!

            Mi piace Non mi piace
    2. Burlamacchi - 2 mesi fa

      Glover ci vuole pazienza con ste vedovalliane.

      A quanto pare il maalox non basta mai e sperano ancora in un ritorno dei loro prodi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. CippoViola - 2 mesi fa

      500MIL$ sono 422MIL di Euro, ti sei fregato 100MIL, restituiscili!
      Il problema non è quanto ce l’hai grosso comunque ma il buco dove lo metti che resta sempre lo stesso (cioè il fairplay) anche se quest’anno non lo applicano. Poi in realtà riguarda chi va in Europa e questa società non sembra esserne interessata, puntiamo solo al lato sinistro della classifica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. glover_3713546 - 2 mesi fa

        Veramente 526 milioni di dollari, al cambio attuale sono 445 milioni di euro… restituisci i 45 milioni di euro

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy