Il contatto Acerbi-Simeone e il motivo del mancato fischio di Orsato

L’attaccante della Fiorentina si trovava in posizione di fuorigioco quando è arrivato sulla palla

di Redazione VN

Nel corso della gara tra Lazio e Fiorentina c’è stato un episodio particolarmente discusso all’interno dell’area dei biancocelesti, con lo scontro Acerbi-Simeone passibile di fallo da rigore. Tuttavia il fischio non è arrivato: il motivo viene specificato dall’ex arbitro Luca Marelli sul suo blog:

Netta l’irregolarità commessa dal difensore della Lazio che, anticipato da Simeone, lo colpisce al piede destro. Rigore piuttosto evidente ma il VAR non interviene. Il motivo? Non entrare in una scelta soggettiva dell’arbitro? Difficile ipotizzare questa soluzione, soprattutto considerando che Orsato, dalla sua posizione, non avrebbe mai potuto individuare l’irregolarità di Acerbi. Il motivo per cui il VAR non è intervenuto, in realtà, è un altro: Simeone, nel momento in cui riceve il pallone, è in posizione di fuorigioco non rilevata dall’assistente Prenna. Errore grave, per la verità: l’attaccante si trova oltre il penultimo difendente di non poco, circa mezzo metro, ed in un dinamica che non prevedeva incroci “alto/basso” di difesa ed attacco. Nel caso in cui Orsato avesse assegnato un calcio di rigore alla Fiorentina, lo stesso sarebbe stato revocato (senza “on field review”) dopo la rilevazione del VAR.

Violanews consiglia

Calamai: “Lafont mi preoccupa. Realtà misteriose in squadra, Thereau dov’è?”

Nardella ottimista: “Nuovo stadio? Mai così a buon punto. La Fiorentina terrà fede agli impegni”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. gianluca - 2 anni fa

    Come mai il guarda linee non ha alzato la bandierina? Nessuno ha guardato se il difensore della Lazio ha toccato il pallone e in quel caso ha ragione il guardalinee non è fuori gioco

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy