Hancko e Norgaard: oggetti non identificati in cerca di spazio

I due giocatori della Fiorentina reclamano spazio in un tour de force finale senza grandi pretese in campionato

di Alessandro Lilloni, @AleLilloni

È arrivato il momento della stagione in cui tirare le somme, e valutare quali siano stati gli acquisti promossi e quali quelli da bocciare. Esiste anche un’altra categoria, ovvero quella dei giocatori che non hanno avuto abbastanza spazio per poter formulare un giudizio definitivo, come Hancko e Norgaard.

Il primo ha sostituito in alcune circostanze Biraghi sulla fascia sinistra, non sfigurando nel suo ruolo e mostrando una buona corsa unita all’atleticità, ma palesando limiti tecnici nella gestione della palla. Si è visto anche come centrale nella prima parte del match contro il Napoli (prestazione complessiva da rivedere in quell’occasione), dimostrando una grande generosità in un ruolo che nella Fiorentina ha ricoperto unicamente in quella singola circostanza, per ovviare alle assenze di Milenkovic ed un acciaccato Hugo (poi subentrato nella ripresa proprio al posto dello slovacco). Mentre Norgaard, nelle poche occasioni in cui è stato chiamato in causa, ha sempre deluso, senza riuscire a prendere in mano le redini della mediana ne ad essere nemmeno lontanamente il tanto conclamato sostituto di Badelj, condannando Jordan Veretout a ricoprire il ruolo di regista. Il danese non ha mostrato, a differenza di Hancko, delle basi solide su cui cercare di sviluppare il proprio gioco.

Pioli, in questi ultimi sprazzi di campionato, con il sogno della qualificazione europea sempre più irraggiungibile, può avere la possibilità di variare maggiormente la rosa dando maggiore spazio a chi ha giocato meno, cercando di chiarire se nella prossima stagione potranno essere utili alla squadra o necessiteranno di un prestito per accumulare esperienza e minutaggio.

 

 

 

 

Violanews consiglia

 

 

Le prime pagine dei quotidiani sportivi nazionali

 

VIDEO – Cinque curiosità su Alban Lafont: tra tennis, inizio da attaccante e… politica

 

 

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. CippoViola - 2 anni fa

    Norgaard 25 anni.. prima volta in italia, provenienza campionato danese dal Brondy, una sola convocazione in nazionale nell’estate del 2018 senza giocare. Ruolo? sostituire Badelj come regista arretrato in una prima squadra italiana senza mai aver giocato in Italia… se gli fosse riuscito anche solo 1/4 del suo ruolo sarebbe stato un fenomeno a prescindere. Altri 4mln buttati.
    Su Hancko giusto una sufficienza, da provare ora che non costa nulla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy