Guerini: “Quando giocavo io eravamo attaccati alla maglia, ora…”

Guerini: “Quando giocavo io eravamo attaccati alla maglia, ora…”

Nel corso dell’evento “La Coppa del Giubileo 1975-2015″, in cui si ricorda la vittoria di Coppa Itali del 1975 quaranta anni dopo, arrivano le parole del dirigente della Fiorentina Vincenzo …

di Redazione VN

Nel corso dell’evento “La Coppa del Giubileo 1975-2015”, in cui si ricorda la vittoria di Coppa Itali del 1975 quaranta anni dopo, arrivano le parole del dirigente della Fiorentina Vincenzo Guerini: “Ci siamo accorti che la Fiorentina era troppo ‘chiusa’ con i tifosi perciò abbiamo deciso che apriremo gli allenamenti almeno una volta al mese, personalmente ho anche chiesto di aprirli ai tifosi una volta ogni 15 giorni. Paulo Sousa si è integrato subito bene e ha percepito l’affetto dei tifosi viola. I giovani di oggi? Estremamente diversi da quelli del calcio che abbiamo vissuto noi. Ai nostri tempi i ragazzi portavano le borse agli giocatori, oggi non solo non succederebbe mai qualcosa del genere ma ho anche visto dei comportamenti al limite. Vi porto il saluto del presidente che anche se non è qui tiene molto a tutto ciò che ruota intorno alla Fiorentina. Passare da Moena a qui mi ha fatto capire quanto eravamo attaccati alla maglia noi e mi rendo conto che sto provando a trasmettere la stessa cosa ai giocatori, forse però non ci sto riuscendo del tutto. Spero che la nuova Fiorentina possa fare bene come ha fatto negli ultimi 3 anni”.

 

ALESSANDRO GUETTA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy