Gamberini truffato da due amici pratesi. Il suo racconto: “Mi sono sentito soffocare”

L’ex difensore della Fiorentina al centro di una brutta storia

di Redazione VN

Una brutta storia ha avuto come protagonista l’ex giocatore della Fiorentina Alessandro Gamberini, 37 anni. Ecco cosa ha riportato Il Tirreno in merito, col difensore che è stato sentito in Tribunale nel processo che lo vede parte lesa nei confronti dei suoi due ex amici, gli imprenditori pratesi Filippo e Alessio Paoli, oltre al bancario Stefano Magnani, tutte e tre accusati di truffa nei confronti di Gamberini per un totale di oltre un milione e mezzo di euro.

Fu chiamato da Magnani, funzionario della Banca di credito cooperativo di Vignole, per comunicazioni urgenti. Lo convocarono a Prato e gli spiegarono in sostanza che aveva perso tutto: un milione di euro che lui, su consiglio dei fratelli Paoli, credeva di aver investito un anno prima in un fondo obbligazionario al 3% e 620.000 euro di una fideiussione che lui dice di non aver nemmeno saputo di aver firmato. “Quel giorno mi si è spenta la luce, non vedevo l’ora di uscire dalla stanza, mi sentivo soffocare”, ha dichiarato Gamberini.In realtà il milione era stato usato per aprire una linea di credito dei fratelli Paoli, già proprietari dell’agriturismo Sottotono a Carmignano, e la fideiussione era a favore di una società degli stessi fratelli, che poi andò male. Sulle firme non c’è discussione: lo stesso Gamberini le riconosce come sue, ma dice di non aver letto i documenti perché si fidava dei fratelli Paoli, conosciuti a Firenze nel 2006 e poi diventati suoi grandi amici.

Violanews consiglia

I due pazienti e l’equilibrio psicologico: l’enigma per il dottor Pioli

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. biongborg - 2 anni fa

    Ma come si fa a dire ho firmato i documenti senza leggerli quando ci sono quei numeri. Testa di giocatore …………

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bura_370 - 2 anni fa

    Dei veri amiconi…Certo se si cercano i soldi facili, gli investimenti miracolosi, c’è il rischio di prendere la fregatura

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy