G. Rossi: “Commisso, che personaggio! Il tridente con Gomez e Cuadrado un vero rimpianto”

Le parole dell’ex attaccante viola

di Redazione VN

L’ex attaccante gigliato Giuseppe Rossi ha parlato con i giornalisti che da Firenze si trovano attualmente a New York al seguito della truppa viola. Ecco le sue parole riportate da Radio Bruno:

Non ho la fortuna di conoscere personalmente Rocco Commisso, di sicuro è stata una gran bella cosa veder arrivare in Serie A un italo-americano come presidente, poi lui ha fatto la storia qui a New York nel calcio, spero ci riesca anche a Firenze. Quando dice una cosa, la realizza. La situazione di Chiesa? Non voglio entrare in questioni personali, gli consiglio solo di rimanere tranquillo e stare con la propria famiglia, sul campo ha dimostrato di essere già molto bravo. Firenze e a Fiorentina sono nel mio cuore, ho ancora casa lì e spesso la mia famiglia mi chiede di tornare per vivere nuovamente la città. E poi ancora oggi, quando incontro i tifosi viola, mi ringraziano per la tripletta alla Juve. Quello era davvero un gran gruppo, quanti bei ricordi… Pradè? Se mi chiama rispondo per dargli un grande in bocca al lupo. Io mi sto allenando e mi sento un calciatore, sono ancora giovane e posso dare tanto. Un vero peccato che il tridente con me, Gomez e Cuadrado si sia visto così poco, avremmo potuto fare tanto…

Come seguire Fiorentina-Benfica di stanotte, terza partita dei viola nella ICC

 

 

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Rui10 - 2 anni fa

    Rocco riportalo qui!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. CippoViola - 2 anni fa

    Accanto a Vlahovic sai che usciva fuori maremma.. che peccato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pepito4ever - 2 anni fa

    io sono di parte, per me Pepito è il calcio. Lo seguo sempre e magari fargli fare una prova non farebbe male, con il gioco di Montella è l’ideale e ce lo ricordiamo tutti. Forza Viola e Forza Pepito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bati - 2 anni fa

      bravo, Pepito è il calcio, pura poesia calcistica. Il destino infame si è accanito su uno dei brillanti calcistici più puri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Etrusco - 2 anni fa

    La vostra Pepito è stata la Viola del canto del cigno, dopo c’è stato solo il buio. Rimettiti presto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Aliseo - 2 anni fa

    lo riprenderei di corsa.
    Grande Giuseppe, come calciatore e come uomo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Dellone68 - 2 anni fa

    L’ultimo grandissimo giocoliere visto a Firenze. Che rimpianti ragazzi…..in bocca al lupo Pepito!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy