Fiorentina contro Sarajevo o Banants ai preliminari di EL? C’è l’incognita di un cambio

Quante incognite sulla testa della Fiorentina

di Redazione VN

Tutti sospesi fino all’ultimo. Il Milan, l’Atalanta e soprattutto la Fiorentina. Nel caso in cui infatti i rossoneri, dopo la pesantissima sentenza della Uefa in arrivo nell’arco delle prossime 48 ore, fossero estromessi dall’Europa League, si innescherebbe il cosiddetto «effetto domino» che in tanti in questi giorni a Firenze si stanno augurando: Dea subito ai gironi e viola ripescati al secondo turno preliminare.

Già, ma contro chi? Non è infatti così scontato – scrive La Nazione – che Pezzella e compagni siano chiamati in automatico ad affrontare una delle due formazioni che sono state sorteggiate mercoledì scorso a Nyon contro la squadra di Gasperini, ovvero i bosniaci del Sarajevo e gli armeni del Banants (che si giocheranno il passaggio del turno in gara di andata e ritorno tra il 12 e il 19 luglio).

La Uefa infatti, nell’ipotesi in cui fosse la Fiorentina a disputare i preliminari una volta archiviato anche l’iter di ricorso del Milan al Tas di Losanna, si prenderà un po’ di tempo per stabilire in via definitiva se i viola si aggiudicheranno il posto dell’Atalanta oppure se sarà preso in considerazione un nuovo abbinamento.

Una strada, quest’ultima, che potrebbe essere percorsa qualora l’organo centrale del calcio europeo giudicasse troppo differente il livello di ranking tra i bergamaschi e la società dei Della Valle (che negli ultimi cinque anni ha accumulato un punteggio a livello europeo nettamente superiore: i viola sono al 30° posto, i nerazzurri addirittura al 92°).

vnconsiglia1-e1510555251366

Una nuova pretendente francese per Veretout: ecco quanto offre alla Fiorentina

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Violentina - 3 anni fa

    m***n m***a.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. folder - 3 anni fa

    Mi rallegro per tutti quelli che ancora credono che saremo al posto del Milan
    nell’EL!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Up The Violets - 3 anni fa

    Premessa: m’interesserò davvero dei nostri avversari europei solo quando sarà ufficiale la nostra partecipazione all’Europa League. Visti gli estremamente sospetti ritardi dell’Uefa e le contemporanee trattative per l’acquisto del Milan, temo che sia ancora molto lunga prima di poter dire che quest’anno faremo le coppe.

    Premesso ciò, se queste fossero le avversarie che secondo Giovanni Galli, come quest’ultimo ebbe modo di dire l’altro giorno in radio, potrebbero creare problemi “perché più avanti nella preparazione” e compromettere la stagione a una formazione mista di elementi della prima Squadra e dei migliori della Primavera come Gori, Sottil e Diakhaté (che hanno smesso di giocare pochi giorni fa), allora ciò confermerebbe come mai il buon Giovanni sia stato a suo tempo un totale flop da direttore sportivo viola. Il discorso varrebbe anche nel caso in cui ci fosse assegnata un’avversaria di livello superiore a Sarajevo e Banants, perché tanto siamo ai preliminari di Europa League, non ci sono certo il Real di Puskas e Di Stéfano né l’Ajax di Cruijff e Neeskens e, anche nel caso, proprio il coefficiente Uefa ci eviterebbe di beccarli.

    Chi invece conosce bene il gioco del calcio sa che queste partite sono ottime per preparare la stagione, perché il livello medio che trovi non è troppo superiore a quello delle varie squadrette che incontri in amichevole a giro per le Alpi e in più c’è anche l’aspetto agonistico, che ti permette di migliorare più in fretta la condizione atletica ed eventualmente d’inserire in maniera più veloce i nuovi. È inoltre l’occasione giusta per testare i giovani (cosa che noi dovremmo fare per forza, dato che Corvino come sempre deve ancora iniziare a fare il suo dovere quando gli altri hanno già preso mezzo mondo): proprio il Milan, nel giocare i preliminari, l’anno scorso scovò quel Cutrone che altrimenti sarebbe stato prestato a qualche squadretta di B o di C e che invece si è rivelato l’unico innesto valido al cospetto di un assurdo mercato da duecentotrenta milioni.

    Tutto questo, comunque, per il momento m’interessa poco o nulla: questi ritardi dell’Uefa sono iper sospetti, finché non mi smentiranno e il Tas non confermerà la loro sentenza sarà come discutere della migliore autoradio per un’automobile che non ci possiamo comprare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SoloBorja - 3 anni fa

      Bravissimo! Sei un grande!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ghibellino viola - 3 anni fa

    La nazione coglie un dettaglio giusto. Non tanto nei confronti nostri, quanti nei confronti di Sarajevo e banants. Con il loro coefficiente uefa avrebbero il diritto di trovare una squadra di livello 92 come l’Atalanta e non di livello 30 come la fiorentina. O almeno il sorteggio aveva dato quell’esito. Cioè sarebbe opportuno rifare il sorteggio. Questo però dovrebbe far capire all’uefa che non ci possono mettere tre mesi a decidere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Soloviola78 - 3 anni fa

    Ma non vi pare strano che la UEFA non abbia ancora deciso? E che, contemporaneamente, il Milan stia per passare di mano? Pare addirittura che la cessione verrà chiusa oggi. E’ chiaro a questo punto che se il Milan passa al massimo sarà multa….e noi il giovedì si starà alla televisione…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. zachini - 3 anni fa

    Non si capisce bene redazione: se cambiano gli abbinamenti in virtù del ranking ci danno la vincente di una coppia inferiore alla coppia Sarajevo/Banants o superiore?
    A rigor di logica, dovrebbero darci la vincente di una coppia con ranking inferiore alle 2 designate per l’Atalanta.
    Potete confermare?
    grazie
    Vdz

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Fantero - 3 anni fa

    Se Corvino non prende Pjaca o qualcuno di simile, deve essere cacciato….. Non si può arrivare a Luglio senza portiere e regista titolare…. ma la proprietà dov’è? RIDICOLI, serve pìù rispetto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ghibellino viola - 3 anni fa

      Tanto le squadre le faranno tutti gli ultimi giorni di mercato come sempre. Funziona così

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Fantero - 3 anni fa

        Non mi sembra che la Roma e l’ Inter stiano aspettando l’ ultimo giorno di mercato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Zeno - 3 anni fa

    Chi dice gatto……………..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. fioraio62 - 3 anni fa

    credo tu non abbia capito un granche.. il “prenderebbe il posto dell’atalanta” stava nel senso degli accoppiamenti nei preliminari.. ma visto il diff coefic uefa puo darsi che li cambino.. non che noi prendiamo il posto dell’atalanta nella classifica coampionato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Sergio S - 3 anni fa

    Cioè, in virtù del ranking sarebbe la Fiorentina a sostituire in tutto e per tutto il Milan, andando quindi direttamente alla fase a gironi? Oddio, avrebbe una sua logica, anche perché fra ritardi e ricorsi, sempre che alla fine non finisca tutto a tarallucci e vino (ma mi pare improbabile, nell’ottica di “dover dare un esempio”), la Viola si troverebbe a dover giocare delle partite senza una adeguata preparazione e pure organizzazione dell’evento. In questo modo l’Atalanta farebbe un percorso comunque già fissato e noi avremmo tutto il tempo di gestire il cambiamento. Troppo bello per essere vero, di certo ne a Milano né a Bergamo la prenderebbero troppo bene!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. zachini - 3 anni fa

      Non è assolutamente così e non sarebbe corretto dato che l’Atalanta ci è arrivata davanti e quindi merita la qualificazione diretta
      Vdz

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy