Ferrara scrive: “Eredi e promesse, la ricostruzione della difesa viola”

Ferrara scrive: “Eredi e promesse, la ricostruzione della difesa viola”

La trasferta contro il Torino (domani) sarà la prima gara vera dopo i giorni più duri. Da Vitor Hugo a Milenkovic, le scelte di Pioli in difesa

di Redazione VN

Il campo. Adesso. Dove la Fiorentina ricostruisce se stessa e la sua determinazione. C’è il sentimento, chiaro. Ma c’è anche un gioco da verificare e una squadra a cui ridare certezze. Se quella col Benevento è stata una partita per modo di dire, quella di Torino sarà la prima vera sfida in cui la Fiorentina misurerà il suo calcio e la sua forza contro una squadra più o meno equivalente dal punto di vista tecnico. (…) Per i viola sarà l’occasione per cercare di tenere vivo l’orgoglio e provare a vivere una nuova vita, quella ripartenza interiore che servirà per dare il massimo da qui alla fine della stagione. Dopo il dramma di Udine e la settimana di dolore vissuta insieme a tutta la città, il tecnico ha provato a concentrarsi sul lavoro sul campo. Riorganizzare la difesa è stata la sua missione obbligata, quella che era già iniziata con il dirottamento di Milenkovic sulla fascia destra, nel ruolo di terzino. Il difensore serbo ha talento, e tenerlo in panchina è uno spreco. (…)

Naturalmente contro giocatori veloci e tecnicamente molto dotati, vedi Gomez dell’Atalanta, il discorso è meno semplice, ma il tecnico sembra deciso a tenere fede a questa scelta, tenendo presente che il serbo può essere un ottimo ricambio sia per Pezzella che per Vitor Hugo, e che in caso di necessità c’è sempre il buon Laurini. Ma a Torino sarà molto interessante valutare la prestazione del brasiliano, l’erede naturale di Astori. (…) Un difensore sul quale la società ha investito molto (8 milioni) e che adesso dovrà dimostrare di valere l’investimento, dando una mano alla squadra e al suo reparto a fare bene da qui a fine stagione. Hugo ha un ottimo sinistro, ha carattere e buona confidenza col gol, cosa che la Fiorentina sta faticando ad avere con i suoi attaccanti, che stentano a trovare continuità. (…) Squadra che comunque ha bisogno di infoltire il parco difensori per non farsi trovare spiazzata da emergenze improvvise. In questo senso il tecnico ha già deciso di aggregare alla prima squadra il giovane talento bulgaro Petko Hristov, classe ‘99, attualmente impegnato nella Viareggio Cup con la Primavera di Bigica. (…) Su di lui la Fiorentina crede molto ed è probabile che Pioli lo porti con sé per completare il reparto difensivo.

L’ARTICOLO COMPLETO DI BENEDETTO FERRARA IN EDICOLA CON LA REPUBBLICA

Violanews consiglia

A. Della Valle torna vicino alla squadra. Possibile ritorno a Firenze per Pasqua

Pioli scalda Saponara: la probabile formazione anti-Torino

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Dellone68 - 2 anni fa

    Penso che, nella situazione attuale, dopo una settimana incredibile, sia necessario davvero ricompattare tutto. Intanto la grande partecipazione ed il sincero dolore che ha accomunato tutti, compreso la proprietà, e devo dire che è stata una cosa molto toccante. Ma poi dovremo tornare a ragionare sul piano sportivo e sul piano delle prospettive future. Alcuni nodi sono irrisolti. Forse, a fine campionato, sarà possibile capire in che direzione prenderà la proprietà e la squadra che sarà fatta dopo quest’annata davvero particolare. Intanto, sarebbe una bella cosa se riuscissimo a risalire di qualche posizione. L’Europa League pare non essere alla nostra portata, ma i miracoli sportivi possono sempre accadere. Se riuscissimo a superare l’Atalanta o comunque a finire il campionato almeno all’ottavo posto, potremmo avere il calendario della Coppa Italia del prossimo anno ancora favorevole perché resteremmo fra le otto teste di serie. Forza viola, forza ragazzi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. frigo - 2 anni fa

    Puntare sui giovani mi sembra un buon obiettivo per il finire di stagione

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy