Il falso mito del nuovo regista Edimilson. Le statistiche non migliorano, e come mediano…

Il falso mito del nuovo regista Edimilson. Le statistiche non migliorano, e come mediano…

Lo svizzero si è preso la scena nel centrocampo della Fiorentina, ma deve migliorare sotto tanti aspetti

di Giacomo Brunetti, @gia_brunetti

Seguendo i parametri che delineano un regista per impostazione e fase difensiva – più marcata la prima, più debole la seconda per compiti corali nella Fiorentina – si può notare come le ultime partite di Edimilson Fernandes siano in linea, almeno nei dati, con quelle precedentemente disputate. Lo svizzero, arretrato davanti alla difesa dopo il ritiro di Malta, ha attraversato un miglioramento riconducibile esclusivamente al gol contro l’Udinese. Sebbene le heatmaps evidenzino un cambiamento di posizione, le statistiche chiave del centrocampista non sono mutate radicalmente.

LA REGIA – Seguendo il grafico dei passaggi effettuati dal classe ’96, i 38 passaggi corretti su 44 (86.4%) a Udine rappresentano sì una buona prestazione stagionale (decimo risultato complessivo, contando anche la Nazionale), ma un unicum nel 2019, dove lo svizzero non ha tenuto fede alle precedenti apparizioni (tab.1). E se la partita di Udine è una delle più prolifiche dal punto di vista dei passaggi, la stessa cosa non tiene fede se si parla, ad esempio, delle sfide a Roma e Torino. Aumentati sensibilmente, invece, i lanci lunghi: i veri fasti di Edimilson si sono visti nelle prime uscite in Serie A – quando Veretout era squalificato – ma l’accuratezza della mira non è mai stato il punto di forza delle sue pennellate. Basso il rating relativo agli Expected Assists (0.06).

PROPOSIZIONE – Grazie alla nuova posizione, i passaggi ricevuti dai compagni hanno alzato leggermente il numero per partita. Nella gara contro il Parma, a Edimilson ne sono stati recapitati 40, record stagionale: a Udine la terza “miglior prestazione” in tal senso, escludendo l’ottima partita – dal punto di vista statistico – in Nations League contro il Belgio. Lo svizzero subisce generalmente pochi falli, mentre nel 2019 i passaggi che hanno portato a un tiro si sono praticamente azzerati dopo un buon periodo tra novembre e dicembre.

FASE DIFENSIVA – Confrontando le statistiche tra prima e dopo la sosta invernale, è evidente come Edimilson abbia implementato – anche grazie alla posizione occupata, che ne aumenta l’esposizione a determinati fenomeni – le movenze difensive. Non per forza migliorandole. I duelli difensivi vinti – illustra WyScout – sono mediamente aumentati nelle quattro partite disputate nell’anno corrente, ma la percentuale di riuscita non è aumentata (tab.2). Tornati ai fasti d’inizio stagione i palloni intercettati (punta di 7 contro l’Udinese), male le palle perse, anche con la Roma (con la Sampdoria, una di queste ha scaturito il primo giallo). Edimilson si sta prendendo la Fiorentina, per farne una certezza c’è ancora molta strada da percorrere.

tab. 1

fonte: WyScout
fonte: WyScout

tab. 2

fonte: WyScout
fonte: WyScout
30 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ViolaLuke - 4 mesi fa

    Il West Ham “celebra” Edy, noi gli facciamo la radiografia a raggi X proprio ora che sta migliorando.
    Ma per favore…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. glomanti_2150976 - 4 mesi fa

    Già questo articolo è pertinente alla realtà, no quello di ieri il mediano homemade dove sembrava di aver trovato un giocatorone…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. CippoViola - 4 mesi fa

    Non era più facile come avevo scritto io? Da “gravemente insufficiente” a “insufficiente”? 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Antonino - 4 mesi fa

    Edimilson, in base a quello che ha fatto vedere in campo fino ad oggi merita di stare nei sei del centrocampo della Fiorentina del prossimo anno assieme a Veretout, Benassi, Traore, Zurkovic e un forte centrocampista mediano regista che doveva essere acquistato già quest’anno sapendo di perdere Badelj. Ma Corvino non si occupa della squadra ma delle potenziali plusvalenze.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Up The Violets - 4 mesi fa

    Preferisco nettamente Norgaard a Fernandes, almeno finché lo svizzero non imparerà come giocare davanti alla difesa (cioè giocare semplice, veloce e senza perdere palla a c***o, evitando per esempio i doppi passi al limite della tua area come quello che ha costretto Milenkovic a farsi ammonire, condizionandolo per il resto della partita contro l’Udinese e facendogli saltare la prossima, contro il Napoli e con Hugo già fuori).

    Va anche detto che ormai è passato un anno da quando abbiamo avuto la sicurezza che Badelj non avrebbe rinnovato e ancora non è stato preso un sostituto di ruolo e di eguale valore; durante l’ultimo mercato a un certo punto ci si è messi a comprare mezzeali per il futuro anziché mediani per l’immediato, e stanti così le cose Pioli è costretto a fare di necessità virtù.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. damci - 4 mesi fa

    personalmente fin dalle prime partite ho intravisto in edmilson potenzialità molto maggiori rispetto a gerson,che per me sarebbe in tribuna da un pezzo.Detto questo per me è sempre cresciuto lentamente ,ma progressivamente.Nei 40 minuti con la sampdoria è stato di gran lunga il migliore in campo,poiha fatto quello che ha fatto.Ad Udine accanto al fantasma di Veretout ed al consueto fantasma Gerson è stato l’unico a tentare di dare un pò di appoggio alla difesa e qualche passaggio verso l’attacco.Oltretutto l’udinese con le sue ripartenze fulminee ed i lanci lunghi,aggravava le difficoltà del ns. centrocampo.Le statistiche sono valide ,ma non tengono conto del rendimento dei compagni di reparto e,più in generale, della squadra,nè delle modalità di gioco e di rendimento della squadra avversaria.Concludo considerando edmilson decisamente promettente per il ns.centrocampo.Ah mi dimenticavo di aggiungere che dopo l’espulsione ,che ha sicuramente pesato nella testa del giocatore,ha affrontato la partita di Udine imponendosi giustamente di non rischiare nuovi falli,,e questo ne ha probabilmente un pò ridotto l’efficacia.Anche questo la statistica non è in grado di rilevarlo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. baba - 4 mesi fa

    Esprimo solidarietà al giornalista Brunetti. Nell’era di internet, purtroppo, si tende a dar voce a chi prima non fa girare le sinapsi, aggiungendo che viviamo nel paese della delegittimazione dei numeri e delle statistiche, ne consegue la scarsa fortuna dell’articolo tra le genti. Rimane un buon articolo che mi ha dato visione di prestazioni numeriche a me oscure.
    Per gli altri scienziati che commentano a vanvera io recito la fine dell’articolo:
    “Edimilson si sta prendendo la Fiorentina, per farne una certezza c’è ancora molta strada da percorrere.”
    Ve lo traduco anche: Edimilson è in rampa di lancio ma ha ancora un gran potenziale da scoprire. Se lavora sodo e migliora i numeri diventa un pilastro.
    Sulla traduzione chiedo a lei Brunetti di commentare se dico bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giacomo Brunetti - 4 mesi fa

      La ringrazio! Esattamente, ha colto il senso del mio articolo. Un commento ineccepibile!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Gionnigionni - 4 mesi fa

    Ricordo molto bene Badelj quando arrivò in Viola.. Un disastro per mesi e mesi! Questo ragazzo tutto sommato non ha mai deluso pur senza brillare.. Sono convinto che potrà andare meglio già nel prossimo futuro..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Etrusco - 4 mesi fa

    Fernandes eccetto il goal non è che abbia fatto molto in questa prima parte di campionato ne come interdizione ne in fase di attacco ma è giovane e possiamo sperare che da dopo il goal sia finalmente in una fase di miglioramento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Cagliostro - 4 mesi fa

    i numeri sono inequivocabili, ma mi sembra banale giudicare un giocatore guardando solo questi due dati. la prestazione di un calciatore è composta da molte altre variabili ed è riduttivo prenderne solo due per dare un giudizio. poi la statistica è importante e utile, ma solo se viene utilizzata come base per dare una interpretazione e come supporto per argomentare qualcosa. il numero preso e sbattuto così è giusto, ma privo di senso. Mi sembra un articolo lacunoso e sterile, soprattutto ora che edmilson sta dimostrando di non essere proprio quel bidone che noi tutti credevamo fino a poche settimane fa.poi edmilson non sarà di certo modric, però neanche l’ultimo degli scarsi.
    un saluto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giacomo Brunetti - 4 mesi fa

      La ringrazio. Non ho detto che sia l’ultimo degli scarsi, ci mancherebbe, c’è chi fa di gran lunga peggio di lui. I numeri non sono “sbattuti lì”, e non sono solamente due i dati presi in analisi. Servirebbe un trattato per evidenziare tutte le variabili delle prestazioni di Edimilson, ho evidenziato le più attinenti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. biongborg - 4 mesi fa

    Cazzate

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Up The Violets - 4 mesi fa

      Un po’ come il pallone perso grazie al quale dopodomani si giocherà contro il Napoli senza Milenkovic, oltre a Hugo e a Benassi. Anzi, devo ammettere che quella è una cazzata decisamente più grossa, e purtroppo non è neppure l’unica, se si pensa alla Samp.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. massimopr_744052 - 4 mesi fa

    Quando giocava male veniva ignorato come se non potesse fare più di così. Ora che gioca bene viene sminuito con tabelle ridicole ed insignificanti. Sicuramente Edimilson è meglio di Brunetti anche come giornalista.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giacomo Brunetti - 4 mesi fa

      E dunque anche dei tecnici di WyScout, leader mondiale nelle statistiche 🙂
      Un saluto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. massimopr_744052 - 4 mesi fa

        Il fatto è che in questa testata sembra che viga l’ordine di attaccare comunque società, allenatore e giocatori a prescindere e si vanno a cercare anche i dati più sconosciti alla massa pur di raggiungere l’obettivo della denigrazione continua. Complimenti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. user-14014713 - 4 mesi fa

    È ancora giovane e progredisce a vista d occhio,chiaro? È scrivete come mangiate,che codesti geroglifici sono pure antiestetici!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giacomo Brunetti - 4 mesi fa

      Si chiamano analisi, i numeri rispecchiano la realtà.
      Un saluto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bianco - 4 mesi fa

        Brunetti non mi sembra che con queste tabelle tu abbia riscosso un gran successo prova dico prova a fare il giornalista ma un consiglio non fare cose strane x far vedere che sei bravo fai le cose semplici

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Giacomo Brunetti - 4 mesi fa

          Accetto il consiglio e la ringrazio, ma non si tratta di “cose strane”, bensì di numeri tangibili: il giornalismo si basa anche su questo, ho constatato dei fatti. Il riscuotere successo non c’entra.
          Un saluto!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Up The Violets - 4 mesi fa

            Brunetti, devi capire che per questo qui, che non è in grado neppure di scegliersi un username, le “cose strane” sono tutte quelle che superano le tre righe di lunghezza. Passate quelle comincia a fumargli i’ capo. Sii comprensivo, su!

            Mi piace Non mi piace
  14. simuan - 4 mesi fa

    …ma icche’ sarebbe questa roba???….oh giovanotto, l’e’ inutile che tu ti nascondi dietro numeri e grafici e tu sei carente a bestia nella materia calcistica, punto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giacomo Brunetti - 4 mesi fa

      Ho riportato dei semplici dati, non mi nascondo dietro a niente, anche perché non vedo di cosa dovrei aver paura.
      Un saluto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. bianco - 4 mesi fa

    Tabella uno tabella due il grafico i dati tutte cavolate io vedo che migliora di partita in partita il resto son discorsi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giacomo Brunetti - 4 mesi fa

      I numeri parlano chiaro, ma va bene comunque.
      Un saluto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Ghibellino viola - 4 mesi fa

    Il calcio è una poesia di Saffo non un diagramma di keynes

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Elmauri - 4 mesi fa

      Se è così, la situazione non migliora di certo. Di poetico in 6 mesi solo il gol di Udine. Poesia sono le sgroppate quasi d’altri tempi di Chiesa, i dribbling funambolici di Muriel, non certo le giocate di Edimilson (con tutto il rispetto)…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Up The Violets - 4 mesi fa

      Parlare di poesia per i palloni persi da Edimilson in un ruolo in cui abbiamo visto gente come Chiappella, De Sisti, Dunga o Pizarro lo ritengo cosa ancor peggiore.

      Meglio restare ai diagrammi keynesiani.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy