Dir. CorFio e pres. AST: “Controversie con Commisso, ecco cos’è successo”

I due interventi

di Redazione VN

Roberto De Ponti, direttore del Corriere Fiorentino, e Sandro Bennucci, presidente dell’Associazione Stampa Toscana, hanno fatto chiarezza sugli attriti con Rocco Commisso in onda su TMW Radio:

De Ponti: “Era venuta fuori la storia dei cartellini gialli, non è la prima volta che si crea questo tipo di tensione. Puntare il dito contro uno o l’altro giornalista è come scegliere un colpevole e dire fate di lui ciò che volete. A mio avviso la Fiorentina ha gravi problemi di comunicazione. Se tu sei in trattativa per capire come fare uno stadio nuovo e hai un ministro che sta decidendo, non puoi deriderlo dicendogli “caro Franceschini con i tuoi soldi tu fai quello che vuoi”, è un modo un po’ stravagante di trattare. Credo che quando è arrivato a Firenze Commisso immaginasse un appoggio totale su ogni cosa che faceva. E per certi versi lo ha anche avuto. Ma poi ha cominciato ad alzare i toni e a forzare i paletti. Aldilà di tutto penso che si tratti di un’arma di distrazione di massa. Perché nonostante tutto la Fiorentina in questi due anni non è mai stata nella parte sinistra della classifica avendo comunque il settimo monte ingaggi della A. E non vorrei che si venissero a creare degli alibi del tipo ‘qua non mi vogliono, a questo punto traggo le mie conclusioni‘. Il presidente Commisso ha tutto il diritto di difendersi dalle critiche, ma quello che reputo pericoloso è il fatto di ‘chi non la pensa come me si prende un cartellino‘. Dare di spia ad un cronista è fuorviante”

Bennucci: “Vorrei precisare una cosa. Ordine dei giornalisti della Toscana, Associazione Stampa Toscana e Gruppo toscano giornalisti sportivi-Ussi, sono intervenuti perché chiediamo rispetto per chi fa il nostro mestiere. E’ la seconda volta nel giro di un mese e mezzo che Commisso entra a gamba tesa sui giornalisti. Ci siamo fatti sentire con un comunicato prima di Natale: quando parlava della storia dei cartellini gialli e rossi. I giornalisti danno delle notizie, poi se il direttore del giornale decide di fare un commento è libero di farlo ovviamente rispettando quello che prevede la nostra carta deontologica. L’opinione non può essere attaccata o censurata. Noi siamo voluti intervenire per ribadire il fatto che i giornalisti devono essere liberi di fare il loro mestiere con serenità. Non è accettabile una censura su commenti e opinioni. Il cronista deve avere la possibilità di fare il suo mestiere, di intercettare i personaggi pubblici. Fa parte del mestiere. Se la situazione non funziona e ci sono delle critiche bisogna saperle anche prendere. Se Commisso avesse delle cose da dire, potrebbe aprire una conferenza stampa, dove ci sarebbe così il contradditorio. Ma iniziare a sparare su una categoria mi sembra eccessivo. Noi siamo intervenuti solo due volte, ma non vogliamo fare gli avvocati difensori. Interveniamo quando c’è da intervenire. La conferenza stampa aperta potrebbe essere un’ottima palestra su cui confrontarsi”.

GERMOGLI PH 13 GENNAIO 2021 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI COPPA ITALIA OTTAVI DI FINALE FIORENTINA VS INTER NELLA FOTO ROCCO COMMISSO
11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fornamas63 - 4 settimane fa

    Se faceste il vostro mestiere degnamente come dichiarate, magari i nostri politici eviterebbero di affermare una cosa un giorno e il contrario il giorno dopo senza tema di smentita da parte vostra.
    Mettete il microfono davanti alla bocca dei politici di turno e fate solo da megafoni, mai una considerazione critica in replica a risposte anche imbarazzanti.
    Vedi come Nardella possa annunciare in questi giorni la settima meraviglia del mondo a Campo di Marte senza che nessuno chieda come pensa di finanziare concretamente non dico l’opera ma il solo progetto, vedi come sempre lo stesso Nardella possa cambiare opinione sul Franchi dal fallimento del progetto mercafir senza che nessuno gli ricordi cosa ne diceva prima e vedi Giani che passa nel giro di qualche mese dalla massima disponibilità sul progetto Campi alla fredda puntualizzazione che nell’area non è stato definito niente. E i giornalisti zitti e mosca, sempre col microfono alzato ma zitti.
    Se questo è giornalismo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. simo911 - 4 settimane fa

    Il Corriere Fiorentino è il nuovo Novella 2000…o forse CHI…il livello è quello

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Cosimo de' Medici - 4 settimane fa

    Ora, con tutto il rispetto per i giornalisti, ma che uno senza arte nè parte, vada dal 115º uomo più ricco del mondo a dire come comportarsi nelle trattative, l’è da barzelletta!
    De Ponti, scendi dal piedistallo, non sei nessuno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. simo911 - 4 settimane fa

    Quindi De Ponti può insinuare che Rocco sia un fascista, ma Rocco non può dire a Franceschini ” se vuoi fare come vuoi te usa i tuoi soldi” ?? Discorso cartellini : Ci terrei a far presente che la Fiorentina è una società privata, quindi in casa propria fa entrare chi vuole. Liberissima perciò di far partecipare alle conferenze stampa solo alcuni giornalisti.
    Discorso pedinamento : francamente quando sono a tavola non voglio essere disturbato nè osservato. Il cronista avrebbe fatto figura migliore presentandosi a Rocco, magari avrebbero anche scambiato due battute.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tagliagobbi - 4 settimane fa

    Avreste fatto meglio a tacere. Più chiacchierate su quest’argomento e meno siete credibili…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. claudio.viola - 4 settimane fa

    Commisso ha sbagliato. Non c’è dubbio. Non si danno cartellini alla stampa. La soluzione migliore infatti sarebbe stata non considerarvi proprio visto che è evidente che in molti casi i commenti di certa stampa Fiorentina risentono della prostrazione ai poteri costituiti. Gli stessi che da anni non consentono uno sviluppo per questa città. Forse non sarà stato elegante ma è evidente che se il ministero, il comune e la regione pensano di mettere vincoli eccessivi stile opere da realizzare, lui ha tutto il diritto di non metterci i suoi soldi e di dirlo. È un atteggiamento da uomo libero e non da suddito come alcuni lo vorrebbero. E non c’entra il rispetto o meno per un’opera d’arte, bensì la ragionevole valutazione del rapporto costi benefici. La stessa valutazione che i politici (e chi li incensa) non fanno perché i benefici sono i loro e i costi delle loro decisioni vengono sopportati dalla collettività.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. bianco - 4 settimane fa

    Io sono anni che compro il corriere fiorentino da ieri ho chiuso che se lo leggano il gatto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. SoloViola - 4 settimane fa

    La Lobby dei giornalisti, la casta dei giornalisti… intoccabile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. MARIO T. - 4 settimane fa

    Il Sig. DePonti pensa che noi tutti e ommisso si sia riportati dalla piena. Fa l’innocentino cascano dal però dicendo che lui ha solo scritto per intero il nome del Presidente guardacaso aggiungendo quel Benito tra Rocco e Commisso che molti ignoravano e che niente aggiungeva al suo pezzo.
    Occomemmai! Dai. Faceva più bella figura a tacere…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. daniele - 4 settimane fa

    condivido la critica al progetto sportivo…..tutto il resto fa capire che si ritengono intoccabili, le lobbie dei giornali…..!
    Caro Bennucci e Caro De Ponti, se volete il diritto di poter scrivere a vs piacimento di una persona (libera cronaca ma di che?..) dovete concedere il diritto alla persona di poter dire a piacimento di voi.
    MI sembra semplice come equazione!
    Gli attacchi di Rocco non minano la vostra credibilità di categoria, ci riuscite benissimo da soli in questo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. bianco - 4 settimane fa

    Rocco non gli ascoltare sono nella combriccola del gatto e la volpe ( Nardella e Giani )tra politici e giornalisti Fiorentini non saprei chi scegliere il corriere fiorentino mi risulta che ultimamente con gli attacchi a Rocco abbia diminuito la vendita delle già poche copie di giornali

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy