Di Marzio sr: “Fiorentina non segna. Prima punta deve dare profondità”

Il parere di Gianni Di Marzio che conosce bene il mondo Napoli, prossimo avversario della Fiorentina

di Redazione VN

Il consulente di mercato Gianni Di Marzio è intervenuto al “Pentasport” di Radio Bruno Toscana:

La prima punta deve dare profondità, come fa Osimhen. Kouame vuole, invece, la palla addosso, pure troppo. Prandelli gli dovrebbe far fare tecnica individuale e insegnarli per bene i movimenti dell’attaccante in funzione anche del centrocampo. La Fiorentina ha segnato 18 gol, sono pochi in funzione dell’impostazione tattica della squadra. Ieri con Bonaventura e Castrovilli la Fiorentina ha giocato meglio. Per quanto riguarda Amrabat, è un grande interdittore.

Callejon? Non può fare la seconda punta, è un giocatore da 4-3-3. Il problema è che la Fiorentina non segna.

Il Napoli? Intanto ha la difesa blindata, ma se la retroguardia viene lasciata scoperta, è un problema. Gli azzurri non hanno continuità, non hanno i leader che accelerano e rallentano il gioco. Il Napoli è forte se gli avversari concedono spazi.

Una punta giusta per la Fiorentina? Se i giocatori non sono rapidi e tecnici, la squadra tende a soccombere, serve fare pressing alto.

Di Marzio

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Lapo19 - 2 settimane fa

    Ma Osihmen quello che il Napoli ha pagato 80 milioni che ha segnato due reti in campionato? Quello che ha saltato più partite che giocato? Il fenomeno multato per il festino in Nigeria?
    Ma perché i Di Marzio (padre e figlio) non riescono ad essere oggettivi quando parlano/fanno la telecronaca del Napoli? Sono imbarazzanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy