De Sisti: “Ribery magico, Castrovilli nemmeno lo conoscevo. Florenzi? Magari…”

De Sisti: “Ribery magico, Castrovilli nemmeno lo conoscevo. Florenzi? Magari…”

Le parole dell’ex, in viola sia in campo che in panchina ma con un passato anche giallorosso

di Redazione VN

Intervenuto a Radio Bruno, l’ex viola (campione d’Italia nel 1969) Giancarlo De Sisti ha parlato del momento della Fiorentina, e non solo: “Florenzi? A me dispiace che non stia trovando posto nella Roma e non ne capisco il motivo, a meno che non ci siano problemi di natura fisica. Perché Spinazzola che è sempre mezzo acciaccato gioca terzino destro e l’allenatore dichiara che la squadra è stanca? Se giocano sempre gli stessi… Se dovesse andare via dalla Roma, magari venisse alla Fiorentina. Può giocare non solo terzino, ma anche esterno alto oppure in un centrocampo a tre”.

Su Castrovilli: “Non lo conoscevo neanche. Questo ragazzo sta facendo cose progressivamente sempre più importanti, quando pensi alla sua inesperienza lui sgombera i dubbi con le giocate. E’ bravo nel calciare in porta, colpisce bene di testa, il riconoscimento di Mancini suggella questo bellissimo pezzo di campionato dove possiamo annoverarlo tra i più bravi”.

Sul Centrocampo: “È impensabile che tutti stiano bene contemporaneamente, speriamo che Badelj riesca a far quadrare i conti del suo gioco. Basterebbe un suo ritorno a condizioni migliori”.

Su Montella: “La nuova proprietà lo ha confermato nonostante il finale dello scorso campionato. Mi è simpatico oltre che un bravissimo allenatore, a volte le cose però non vanno come vorresti. Non mi aspettavo la sua conferma, però conta anche l’ambiente: a me la gente voleva bene nonostante pareggiavamo in casa e perdevamo in trasferta. Ma finché ha giocato Ribery le cose andavano diversamente, la sua magia in campo portava rendimento anche in altri giocatori, come Chiesa”.

Radio Bruno: Chiesa, alla Fiorentina non è piaciuto l’atteggiamento a Cagliari

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy