Dainelli: “Ribery ha risvegliato la fiorentinità. Iachini allenatore della mia top 11 della Serie A”

Dainelli: “Ribery ha risvegliato la fiorentinità. Iachini allenatore della mia top 11 della Serie A”

L’Intervista via Instagram a Dario Dainelli

di Redazione VN

Dario Dainelli, supervisore dell’area tecnica della Fiorentina,ha rilasciato un’intervista alla pagina Instagram Tuttofantacalcio, queste le sue dichiarazioni:

Sulla fase 2 c’erano tante aspettative, purtroppo dobbiamo avere ancora prudenza e aspettare. Tutti ci aspettavamo qualcosa di più, compreso noi del mondo del calcio. Porte chiuse? E’ brutto, siamo abituati a palcoscenici diversi, si rischia di avere quella sensazione di amichevole o di partita non abbastanza importante. E’ un’abitudine, servirà un periodo di prova per prepararsi a quest’atmosfera, ma sicuramente non sarà facile né bello.
Meglio la vita da calciatore o da dirigente? Da dirigente conosco ancora poco, è tutto nuovo per me, non ho la piena consapevolezza di cosa sarà il mio lavoro. Da calciatore ho fatto vent’anni di carriera, mi sono divertito da morire. L’ho tirata per le lunghe arrivando a chiudere la mia carriera a quarant’anni (ride ndr), probabilmente mi era piaciuto tanto.
La Fiorentina rappresenta tutto per me. E’ la squadra con cui sono stato di più, e con cui ho vissuto degli anni bellissimi; siamo arrivati in Champions e ci siamo tolte tanti soddisfazioni. Da toscano e tifoso viola, è stato il coronamento di un sogno, ho solo ricordi positivi della mia esperienza in maglia viola.
Top 11 della Serie A attuale? Sczesny, Asamoah, Acerbi, Chiellini, Lirola, Castrovilli, Barella, Tonali, Chiesa, Ribery, Ronaldo. Come allenatore non posso che mettere il grande Beppe Iachini.
Ribery ha portato entusiasmo e ha risvegliato tutta la fiorentinità che era un pochino svanita nell’ultimo anno. Quando si è fatto conoscere ho avuto modo di apprezzare tutto quello che rappresenta dal punto di vista umano e nello spogliatoio, è l’emblema del’essere positivo a tutto tondo.
Chiesa e Castrovilli sono due ragazzi che hanno qualità incredibili sia fisiche che tecniche, con la maturità non avranno che da migliorare ancora. Possono fare grandi cose anche in nazionale.

Ceccherini: “Mi manca la curva Fiesole, Nesta il mio idolo”. E scherza su Cutrone…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy