Cutrone: “C’è ancora paura, ma prevale la voglia di giocare. Ribery mi insegna tanto”

Cutrone: “C’è ancora paura, ma prevale la voglia di giocare. Ribery mi insegna tanto”

L’attaccante della Fiorentina racconta la sua esperienza col coronavirus ad un’agenzia di stampa francese

di Simone Bargellini, @SimBarg
Patrick-Cutrone

A distanza di qualche settimana dalla sua guarigione dal coronavirus, Patrick Cutrone racconta la sua esperienza all’agenza di stampa francese AFP. “Ho avuto un po’ di febbre, tosse per alcuni giorni e mi sentivo debole. Ma dopo due settimane, ha iniziato ad andare via. Non ho avuto problemi di respirazione e ora sto bene. E’ stato un periodo difficile per tutti, ma ritrovare il campo e i compagni è stata una sensazione bellissima” ha detto l’attaccante della Fiorentina. Che sulla ripresa del campionato ha aggiunto: “Non conosciamo ancora questo virus e un po’ di paura c’è ancora. Ma è stato fatto ogni sforzo per permetterci di ricominciare e la voglia è tanta, ora penso solo a giocare e vincere. Giocare con i tifosi è strano, speriamo di ritrovarli presto. Se segnerò festeggerò con i miei compagni, rispettando le distanze e tutto il resto (ride)”. Inevitabile anche un riferimento a Franck Ribery: “E’ un campione e per me è un onore allenarmi con lui, posso solo imparare. È molto umile ed è sempre pronto ad aiutarti e darti consigli, mi spiega che movimento fare in base a come si sposta lui. E’ bello averlo come compagno” ha detto Cutrone.

L’Equipe: Blanc cerca un progetto ambizioso, anche la Fiorentina è in corsa

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy