“Commisso non può permttersi di cedere Chiesa, non può inimicarsi i tifosi”

Il parere dell’avvocato Claudio Pasqualin sulle vicenda Chiesa

di Redazione VN

Intervenuto a TMW Radio, Claudio Pasqualin, procuratore e avvocato, ha parlato così di Federico Chiesa:

Commisso non si può permettere di cederlo. Per caratteristiche avrà sempre un prezzo molto alto. Commisso, visto l’ambiente viola, deve ripartire da lui. Non può inimicarsi la tifoseria con questa operazione in uscita. Resterà alla Fiorentina e nel caso contrario si creerebbe un’asta importante. Ma credo ci sarà la prossima estate.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. CippoViola - 1 anno fa

    Bah c’è l’europeo e a Firenze avrebbe la certezza di giocare un anno con continuità, chi glielo fa fare?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ammazzalavecchiacolgas - 1 anno fa

    Dubito che si inimicherebbe la tifoseria con la sola cessione di Chiesa, ha ancora un sacco di bonus da spendere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Xela - 1 anno fa

    Ma tranquillo…. in questo momento commisso potrebbe anche farsi tutte le donne dei lenzuolai di fiesole e lo difenderebbero comunque. per adesso ha l’immunità totale. poi appena finisce l’euforia al primo pareggio in casa con la spal di turno si ritorna ai bei vecchi tempi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Kewell - 1 anno fa

    aggiungerei… alla Juventus! se lo vende bene all’estero e ci compra 5 forti, forti davvero, a me non farebbe del tutto schifo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BlandoTifoso - 1 anno fa

      Beh, vero se lo vende Bene ma propiro bene da 80 in su e fa un mercato scoppiettante non credo che ci si strapperebbero le lacrime, Chiesa da solo è una cattedrale nel deserto pressano e stanno addosso tutti a lui, con la mediocrità assoluta che aveva accanto quest’anno soprattutto a centrocampo da serie B.. non poteva fare molto, con tutto l’affetto per chiesa venderlo per 3-4 bei giocatori non sarebbe poi sbagliato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy