Commisso: “Con Mediacom siamo in forma, con la Fiorentina no. Viola contagiati stanno bene”

Commisso: “Con Mediacom siamo in forma, con la Fiorentina no. Viola contagiati stanno bene”

Un intervento del presidente viola dall’America

di Redazione VN

“L’Italia sta vivendo una situazione critica” afferma Rocco Commisso all’inizio del suo intervento nella trasmissione radiofonica americana CBS Sports Radio.

“Ci sono stati 80mila casi, oltre 8000 morti, comparando con gli Stati Uniti 86mila contagiati e 1300 morti. Ho comprato la Fiorentina nel giugno 2019 e adesso non giochiamo, ma quello che preoccupa è la salute delle persone, della Fiorentina e di tutta Italia. Abbiamo avuto tre giocatori contagiati e alcuni membri della famiglia Fiorentina che sono stati all’ospedale: adesso grazie a Dio stanno bene.

Penso che inizialmente sia stato sottovalutato il problema e di conseguenza avremo gravi ripercussioni sull’attività economica. Per una città turistica come Firenze può essere una cosa seria. Una settimana fa abbiamo iniziato una raccolta fondi che ha avuto grandi e piccole donazioni dall’Italia ma anche dagli USA: voglio ringraziare l’intero business delle televisioni e dei media, perché abbiamo ricevuto grandi aiuti dagli States”.

La forza economica della Fiorentina viene dalla mia grande società, la Mediacom. Probabilmente se avessi avuto solo la Fiorentina, avrei avuto più problemi in questo momento. Abbiamo ridotto i nostri ricavi, questi di solito vengono dallo stadio, dalle attività del MatchDay e dei diritti televisivi. Qualcosa succederà anche per i diritti tv perché questo è un problema del calcio, non solo della Fiorentina, ma di tutta Europa, e sarà così anche qui negli Stati Uniti, dove non comandano i soldi. Se tutti stiamo a casa, oltre a cibo e medicine è importante l’intrattenimento che Mediacom può offrire. Un sacco di clienti si affidano alla nostra banda larga e al servizio via cavo su internet. Per quanto riguarda il business americano siamo in gran forma, per quanto riguarda la Fiorentina no”.

Lirola gioca a FIFA e racconta: “Castrovilli amico vero, Chiesa non mi salta mai. Gli avversari più forti…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy