Cinquini: “A Commisso serve tempo. Un mio ritorno? Non mi ha chiamato nessuno”

L’ex dirigente viola è intervenuto a Radio Bruno, confermando che, almeno per il momento, non è stato contattato dalla Fiorentina

di Redazione VN

Oreste Cinquini, direttore sportivo viola all’epoca della presidenza Cecchi Gori ed attualmente allo Zenit San Pietroburgo, ha parlato a Radio Bruno Toscana:

Rocco Commisso ha bisogno di tempo per costruire la nuova società, sicuramente il passaggio relativo alla posizione di Pantaleo Corvino è molto importante. Vedremo se l’attuale d.g. gigliato verrà sostituito o affiancato. L’entusiasmo che si respira in città? Sono felice, Firenze merita una squadra importante, specie dopo un’annata come quella appena conclusa. Con Antognoni ho un rapporto fantastico, abbiamo condiviso cinque anni di gestione, ma credo che, se avessero pensato alla mia figura, mi avrebbero già contattato. Stanno circolando molti nomi, sicuramente la nuova proprietà farà il meglio possibile. Scolari o Gandini come a.d.? Sono entrambi grandi professionisti, per quanto riguarda invece il comparto sportivo il discorso diventa ancora più complesso. Il primo nodo da sciogliere per quanto riguarda la squadra sarà quello relativo a Chiesa ovviamente: ricordiamoci anche che Giancarlo (Antognoni, ndr) con suo papà Enrico ha un bel rapporto. I Della Valle hanno fatto tanto per la Fiorentina, adesso tocca a Commisso, ma, ripeto, ci vuole tempo per comprendere ed affrontare tutte le componenti e situazioni.

Violanews consiglia

Incontro tra Corvino e Commisso: conferma o addio?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy