Calamai: “Per Milenkovic arrivata offerta da 35 milioni. Corvino? Merita la sufficienza”

Calamai: “Per Milenkovic arrivata offerta da 35 milioni. Corvino? Merita la sufficienza”

Le parole del giornalista de’ La Gazzetta dello Sport: “Era folle pensare di avere una squadra di fenomeni prima, così come è folle buttare via tutto ora”

di Redazione VN

Luca Calamai de’ La Gazzetta dello Sport ha parlato a Radio Blu:

“Non mi soffermerei sulla partita di ieri, è finita male, ma non doveva finire così. L’assist di Chiesa e il gol di Simeone mi sembrano un bello spot per il prossimo campionato. Era folle pensare di avere una squadra di fenomeni prima, così come è folle buttare via tutto ora. Che Dragowski non abbia convinto è evidente, su Sportiello qualche dubbio c’è ancora. Voto alla stagione? Tutto ciò che ha accompagnato il momento drammatico di Astori è da 10.

Parlando di campo, la Fiorentina ha creato delle basi buone, ci sono giovani di grandissimo talento, ora l’importante sarà trovare due elementi nel cuore della carriera per fare un ulteriore salto di qualità. Milenkovic? È arrivata in sede un’offerta da 35 milioni. Corvino merita la sufficienza, non ha fatto cose galattiche, ha investito 70 milioni di euro ma il valore dei giocatori presi è già abbondantemente oltre i 100″.

 

Violanews consiglia

PAGELLONE VN: Veretout il migliore, bene Chiesa e Simeone. Delusioni Thereau e Saponara. Pioli…

Il Pallone Viola di Violanews 2017/18 alla memoria di Davide Astori

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. lor29 - 2 anni fa

    A parte che l’offerta vorrei vederla, ma il risultato della squadra quale è stato? Io a Corvino do un bel 4 di incoraggiamento. Squadra modesta, allenatore modesto. Continuiamo pure così, tra 3 /4 anni lo stadio sarà vuoto, ma le casse dei DV piene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. unial5_122 - 2 anni fa

    Parte l’attacco dei leccator cortesi per i quali “tutto va bene madama la marchesa”, che cercano di mettere in giro la barzelletta che con 1 massimo 2 acquisti si fa uno squadrone. La cosa importante per loro e far risparmiare “il divin signore”. Ecco il nome o i nomi appetiti con l’intento di far capire che se uno rifiuta certe cifre ha per le mani qualcosa di prezioso che risolve tutti i problemi. Se non ricordo male Pioli, invece, ha chiesto giocatori pronti due per ruolo, quindi si deve cercare un altro Veretout, non venderlo. Quest’anno vorrei, prima di fare qualsiasi abbonamento arrivare a Firenze, calciatori degni di tale nome e non brocchi o mezzi brocchi scartati da altri. Come si dice “prima il grano poi vedere cammello”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. woyzeck - 2 anni fa

    Caro Calamai se stessimo parlando di un broker forse avresti anche ragione ma qui stiamo parlando di un DS che doveva costruire una squadra di calcio in grado di lottare per i traguardi che gli competono e che invece ha fallito completamente e continuamente; in qualsiasi altro lavoro sarebbe stato cacciato, mentre da noi gli si rinnova addirittura il contratto, e questo perchè in fondo ha fatto quello che interessa ai DV, un po’ di plusvalenze a casaccio…! Avete avuto il coraggio di criticare gente che ci ha quasi portato alla CL e invece continuate a sostenere un dirigente che è stato disastroso per i risultati sportivi… complimenti, voi non amate veramente la Fiorentina…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-2073653 - 2 anni fa

    Fatti un nome, piscia a letto, e diranno che hai sudato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Dellone68 - 2 anni fa

    Signori giornalisti, ma come fate a dare sei a Corvino? Veramente sono sorpreso, sono senza parole, sono attonito, a bocca aperta, fate voi. Ci raccontate quello che noi comuni mortali non possiamo sapere e non osiamo neppure immaginare? Perché per giustificare ancora Corvino con l’osceno balletto del budget, delle plusvalenze e delle amenità contabili bisogna avere almeno fatto indigestione.
    Allora, ecco lo “storytelling” di alcuni grandi giornalisti sportivi della nostra città (in questo momento Calamai e spesso, ahimè, l’ottimo Marione Tenerani ed anche il mitico Guettone):
    1) nessuno può chiedere lo scudetto (e va bene, accettiamo serenamente);
    2) la coppa Italia è una coppetta di perdenti, quindi se non la vinciamo non ne vale neanche la pena (già, chissà che cosa la facciamo a fare, intanto negli ultimi anni l’hanno vinta Roma, Lazio, Inter, Napoli, Juventus, noi ci siamo andati vicini ma ovviamente, quando arriviamo in una finale, c’è sempre qualche curioso evento che ci impedisce di vincere e, allo stesso tempo, ci fornisce l’alibi giusto per ingoiare tonnellate di fiele. Quando ci mandarono ad Avellino ce la prendemmo con l’UEFA, con la Federazione, con tutto il mondo. Oggi, a distanza di trent’anni penso che noi sappiamo solo piangere e non siamo abituati a vincere, neanche quel poco che ogni tanto ci capitava);
    4) la supercoppa è un torneo che non esiste, è una partita secca, non sa di nulla, non si nomina neppure;
    5) in campionato ci sono almeno sette squadre più forti di noi (ma forse anche otto o nove perché il Torino e la Samp forse ci possono addirittura sopravanzare);
    6) in Europa League era assurdo andarci con i preliminari perché non erano convenienti. I giocatori si stancano, si deve fare la preparazione anticipata, e soprattutto si fanno incassi che ripagano appena i viaggi e le trasferte (ma allora che cosa lo facciamo a fare il campionato?);
    7) ah dimenticavo, altra prodezza dialettica: in Champions non possiamo andarci altrimenti riparte il monte ingaggi e se per un anno non ci torniamo, riparte anche il buHo di bilancio;
    8) si vuole mandare via i Della Valle. Ma chi ci viene qua? Risposta: comprala te.
    Ma se questi signori avessero anche l’1% di ragione (per me hanno lo 0% di ragione) che cosa iscrivono a fare la Fiorentina al campionato italiano? Per dare lo stipendio a Corvino? Meglio il campionato dilettanti perché questa è la dimensione che un certo gruppetto di giornalisti forse un pò distratti o, nella migliore delle ipotesi, un pò sfiduciati, ci propala tutti i giorni. Guai infatti a contrariare i foulardati, gli gnigni ed i corvini di turno.
    Calamai, come fai da dare sei a Corvino? Guarda, provo a fare un commento carino: forse è meglio se appendi la penna al chiodo. Magari l’inchiostro è finito. Io non compro più la Gazzetta della Fuffa da almeno trent’anni, a stento riesco a guardarne la prima pagina in un bar del centro, con queste dichiarazioni la Gazzetta della Fuffa dovrebbe scomparire da Firenze.
    Queste cose fanno solo INxxxxxRE crudelmente, e mi riferisco all’idea che si debba accettare l’inaccettabile, ovvero che qua non si ha più diritto a sognare di vincere alcunché perché altrimenti offendiamo i padroni. In realtà questi discorsi offendono lo sport, offendono i tifosi ed offendono tutti coloro che sperano che si possa tornare a vincere qualcosa. E con una stampa così dovremmo trovare giovani tifosi? Il tifo fiorentino morirà per consunzione. Basta vedere ormai i frequentatori dello stadio Franchi. I ragazzi che stanno crescendo in questo momento non tiferanno mai più Fiorentina, non si ricorderanno neanche che a casa loro, un tempo, c’era una squadra di calcio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Kewell - 2 anni fa

    Ecco il re dei leccatori in azione… Cmq visto gli altri in rosa, visti i tanti giocatori da comprare e lo scarso budget, Milenkovic a 35 lo venderei subito, ma dubito sia vera questa offerta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-10858591 - 2 anni fa

    35 mi? ???va venduto dubito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. 1926 - 2 anni fa

    Sei senza vergogna caro Luca

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Elmauri - 2 anni fa

    Dubito sia vero, ma se l’offerta fosse reale potrebbe essere lui il sacrificato per finanziare il mercato (perché se pensate che i soldi possano metterceli i DV siete degli illusi). Certo, è molto promettente, ma è tutto da verificare sul lungo periodo, dieci partite non sono sufficienti per valutarne l’affidabilità. Con una quarantina di milioni ci prendi l’esterno offensivo (Berardi, Perotti o Papu), il portiere (Perin) e il centrocampista (Sensi).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. AntonioViola - 2 anni fa

      Con una quarantina di milioni ci puoi anche prendere una decina di pippe che poi non sai a chi rivendere l’anno prossimo. Se ce n’è uno buono va tenuto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. massimo_383 - 2 anni fa

    A te Calamai do invece l’insufficienza per avere sempre sopravvalutato la squadra e l’allenatore. Un campionato modesto che ha visto una bella reazione emotiva alla tragedia Astori, ma che non cambia il valore tecnico assai modesto della squadra. I soldi di Corvino spesi molto male per andare in Europa ci vuole ben altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy