“Un punto per la salvezza”; “Mercato fallimentare e buco di bilancio”: Fiorentina, bentornata nel 2012

“Un punto per la salvezza”; “Mercato fallimentare e buco di bilancio”: Fiorentina, bentornata nel 2012

Così si era ridotta la Fiorentina nella primavera 2012. Vi ricorda qualcosa?

di Redazione VN

Bentornati al 2012. Abbiamo rispolverato un paio di articoli di 7 anni fa e, se non ve lo avessimo detto, si potrebbe tranquillamente pensare che si tratta di stia parlando della situazione di oggi. Il comune denominatore è la presenza di Pantaleo Corvino come responsabile dell’area tecnica

“Ancora un punto, quello che manca per centrare la salvezza, poi scatterà la rivoluzione. Diego e Andrea Della Valle hanno capito che nel calcio è pericoloso concedere deleghe in bianco. E’ bastato «distrarsi» un attimo per ritrovarsi con un buco nel bilancio di 30 milioni, due allenatori esonerati e tre sessioni di mercato che hanno prodotto operazioni fallimentari”. (Gazzetta dello Sport, 5 maggio 2012)

“Pessimi pensieri. Siamo a zero. Solo Firenze si è salvata. Cercavamo tutti qualcosa di bello da prendere a volo in mezzo a mesi e mesi di niente. Uno stadio vero. La Fiesole che è la Fiesole. E poi? Poi la peggiore umiliazione di sempre. La fotografia impietosa della paura, della stupidità e della mediocrità. Alla fine tutto viene a galla. La presunzione e l’arroganza di tanti e l’egoismo di giocatori mediocri che ormai pensano a un futuro lontano da qui. Un tecnico solo e in confusione con una squadra che vale poco e una panchina che vale pochissimo. Adesso tutti devono pensare a reagire per salvare la Fiorentina dal tracollo. Di tutto il resto da salvare non c’è più niente. La faccia è persa. E questa è una ferita profonda. Che fa male. Troppo male”. (La Repubblica, 17 marzo 2012 post Juventus-Fiorentina)

Cosa successe allora è noto a tutti, con la proprietà capace di chiudere quel ciclo e ripartire con nuovi dirigenti e nuovi protagonisti sul campo, costruendo un triennio di alto livello. E oggi cosa accadrà?

 

vnconsiglia1-e1510555251366

L’intoccabile

Calamai: “Pensare alla retrocessione è meno grave di quanto sta accadendo in società”

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ottone - 4 mesi fa

    Allora fu una caduta dopo l’era Prandelli, imputabile magari ad errori di valutazione dei DV. Ma che la voglia c’era ancora lo si vide subito. Oggi non c’è più. E non c’è più da almeno 3-4 anni. Se non se ne prende atto sarà solo peggio per noi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-2073653 - 4 mesi fa

    Solita situazione, solito artefice. Perché nel 2012 fu messo alla porta, ed oggi no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Claudio50 - 4 mesi fa

    Di questa situazione e’ responsabile Corvino, oltre che pioli. E’ una brutta gatta da pelare e solo Corvino dovra’ rimediare a questo sconquasso che ha combinato. Pertanto Corvino restera’ e tutto girera’ intorno a lui col consenso di Montella almeno si spera. I giocatori non sono tutti da buttare. Montella deve cambiare quel c…o di non gioco di Pioli con continui passaggi all’indietro e sterilita’ in attacco. Resteranno quelli piu adatti con qualche rinforzo in difesa centrocampo e attacco. E’ inutile sognare il cambio di proprieta’ in questa situazione non troveranno mai un compratore. Ilicic non si e’ meravigliato della situazione a Firenze perche’ conosce, L’AMBIENTE.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alan1971 - 4 mesi fa

    Avete rispolverato articoli che precedevano gli acquisti di Mario Gomez e Pepito Rossi, per non parlare di Cuadrado, Savic, Ilicic….

    Per me c’entrano molto poco con la situazione attuale… c’è forse in programma un “rilancio” che prevede investimenti di quel tipo?…

    Tra l’altro, in quegli anni, con 10 milioni prendevi Pepito (reduce da infortuni), con 20 Mario Gomez e Ilicic con 9…. adesso con 9 ti viene un Hugo qualsiasi, un qualcugo (cit. Lillo & Greg), con 18 El Brocco Supremo, con 14 un normalissimo Benny Benassi…

    E tra l’altro quella “stagione di rilancio” durò lo spazio di un anno, perchè terrorizzati dalle spese e dagli infortuni accaduti, gli scarpari tirarono i remi in barca vendendo pure il rame delle grondaie, per questo siamo arrivati dove siamo ora.
    Ossia nello scarico, in attesa che qualcuno tiri lo sciacquone.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone Bargellini - 4 mesi fa

      Il senso era un altro, cioè che le conseguenze della “gestione Corvino” sono le medesime, non gli scenari futuri. Quello lo possiamo solo sperare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Dellone68 - 4 mesi fa

    Purtroppo temo che non accadrà nulla. Avevo sperato in Montella, ci spero ancora, spero di essere totalmente smentito e che la proprietà rilanci. Ma siccome questo significa sognare ad occhi aperti, spero altrettanto che trovino un compratore e che il nostro destino calcistico si separi da questi signori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. I'Generale - 4 mesi fa

    La storia si ripete, ciclicamente, in tutti i campi… non solo nel calcio. Quello che le persone possono fare è NON DIMENTICARE, perchè dagli errori fatti si deve imparare qualcosa per non ripeterne di uguali o peggiori in futuro. Purtroppo, da noi, non è così… non ci era bastata la fine di un ciclo ai minimi storici di calcio e con le pezze al sedere per le caxxxte fatte. Ci risamo ricaduti, esattamente come sette anni fa’, dando il potere a coloro a cui era stato tolto perchè erano stati artefici di un disastro…….
    Non è più tempo di piangere sul latte versato, ormai quelllo che è stato RI-sbagliato, non si può cancellare…
    Oggi, come allora, serve una scossa.
    Vediamo cosa succederà……..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Il Viola di Gallipoli - 4 mesi fa

    Cosa succederà?
    Che in tanti chiederanno la cessione e, “per non trattenere giocatori poco motivati”, queste richieste saranno accolte.

    Uno è già in un’altra squadra da almeno 3 mesi e tanti altri, che fino a qualche settimana fa non ci pensavano nemmeno, faranno la stessa cosa.

    In questo quadro, credo sarà improbabile trattenere Chiesa anche se i DV volessero farlo.

    Sarà l’ennesimo nuovo ciclo, che solo a nominarlo mi sta venendo l’orticaria!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Barsineee - 4 mesi fa

    Ha ragione Antonio da Papiano! Vendere tutto, recuperare tutti i soldi, incassarli il prima possibile e poi lasciare la squadra al comune (visti i commenti dei sindaci sullo stadio non c’è che sperare in bene!). Dai che manca poco. Altro che Gubbio. Un bel futuro di vittorie viola senza i Della Valle ci aspetta!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Antonio da Papiano - 4 mesi fa

      SCRIVILO CHIARO E FORTE : SEI UN TIFOSO CHE GODE A TENERSI LA PEGGIORE PROPRIETA’ DI TUTTI I TEMPI !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Barsineee - 4 mesi fa

        Ma neanche a darti ragione ti si fa contento. Vuoi saperlo veramente? Io mi auguro di fare veramente un po’ di bella lega pro così primo vediamo quanti tifosi vanno allo stadio e secondo vediamo quanti giornalisti parleranno di un Fiorentina Lucchese! Facile dire io voglio io voglio. Bene vediamo quanti sono pronti a barattare Della Valle con Lega Pro. Io pur di non leggervi più ci sto. Tu? Ah lega pro senza della valle ovviamente! Via i della valle in cambio di ripartire dalla lega pro. Tu ci stai?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Antonio da Papiano - 4 mesi fa

          Preferisco la lega pro. Poi vediamo chi arriva e come gestisce il club.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. glover_3713546 - 4 mesi fa

    Dove passa Attila (Corvino) non cresce più l’erba… Bologna, Firenze 1, Firenze 2, ecc

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-2073653 - 4 mesi fa

    Corvino santo subito! DG eterno come Kim il Sung!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Antonio da Papiano - 4 mesi fa

    NON SUCCEDE NULLA PERCHE’ NON SANNO CONCRETAMENTE COSA FARE. POSSONO VENDERE I MIGLIORI GIOCATORI, INCASSARE LE PLUSVALENZE, VENDERE IL CLUB AL MIGLIOR PREZZO POSSIBILE E ANDARSENE. QUESTO POSSONO FARLO RECUPERANDO BUONA PARTE SE NON TUTTI DEI FAMOSI 200 MILIONI DI INVESTIMENTI (CHE SONO STATI SPALMATI SU 18 ANNI…GIUSTO PER RICORDARLO).

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy