Bucchioni: “La Fiorentina non può fare colpi da 40 mln. Rocco sbaglia comunicazione”

Il giornalista ha commentato il ritorno di Commisso e l’attualità di casa Fiorentina

di Redazione VN
Bucchioni

Enzo Bucchioni ha parlato a Radio Bruno Toscana:

La Fiorentina non può permettersi di spendere 30-40 milioni per ogni acquisto, rischierebbe di fallire visto che non raggiunge 100 milioni di fatturato. Commisso fa degli errori di comunicazione, non può dire che nessuno ha la sua stessa voglia di vincere e poi dichiarare che qualificarsi per l’Europa League equivale ad una vittoria. Rocco è un imprenditore e va aiutato. Manca un attaccante da 20 reti, visto che in attacco oltre a Ribery ci sono tanti giovani. Chiesa non ha mai detto di voler andare via, è un giocatore di talento, ma il calcio ormai è diventato un business. Se arriva una pretendente che gli offre un ingaggio triplo e la possibilità di giocare la Champions perchè non dovrebbe andare via? Sono cambiate le cose. Adesso c’è un progetto di crescita che prima non c’era

 

TUTTE LE NOTIZIE DI CALCIOMERCATO DELLA FIORENTINA

21 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. SOLOROGER - 1 mese fa

    Aspettiamo la fine del mercato prima di dare sentenze! È probabile che Chiesa esca e li vedremo se entra qualcuno di spessore! Questa squadra è costruita nella speranza che Riibery regga un altro anno a buoni livelli e senza infortuni. Se Ribery non va saremo a lottare con il Verona e questo gruppetto di squadre. Se Ribery regge possibile raggiungere l’ottavo o il nono posto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Midi - 1 mese fa

      Gran bel nick

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paolo - 1 mese fa

    Io credo proprio che tanti tifosi, dicendo la loro opinione, dimentichino una cosa fondamentale, ossia il fair play finanziario.

    Ebbene, il fair play finanziario non permette a nessuna società di calcio di superare nelle spese per gli acquisti, ingaggi ed altri esborsi di gestione (almeno oltre un certo limite) i ricavi conseguiti nella stagione calcistica precedente per cui, anche se volesse, in tale situazione Commisso non può investire dei soldi suoi per potenziare la squadra.

    Ora, come tutti sappiamo, purtroppo nei mesi scorsi c’è stato il lockdown a causa del Covid-19 che fino al periodo attuale compreso ha impedito a tutte le società di calcio di fare gli incassi dovuti ricavati dagli abbonamenti e dalla vendita dei biglietti.

    Questa situazione non ha coinvolto soltanto la Fiorentina, ma addirittura società come Juventus e Inter che, nonostante gli incassi dovuti alla qualificazione per la Champions League, adesso si trovano nella condizione di dover vendere qualche loro giocatore (anche importante) per poi poter reinvestire il ricavato nell’acquisto di altri giocatori.

    Certo è che questa situazione non potrà durare né a lungo termine né tantomeno in eterno, ma quando la Fiorentina avrà conseguito dei ricavi superiori a quelli dello scorso campionato (speriamo prima possibile) allora si potranno investire molti più soldi anche per l’acquisto di giocatori di prima fascia.

    Per adesso l’importante è che prima possibile gli stadi tornino a riempirsi (anche se gradatamente) e, per quello che riguarda la Fiorentina, si faccia nel più breve tempo possibile il centro sportivo di Bagno a Ripoli ed uno stadio di proprietà: con tutte queste condizioni la Fiorentina potrà sicuramente avvicinarsi ai ricavi delle big del campionato e competere (speriamo) ad armi pari (o quasi) con loro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. giusetex7_9905901 - 1 mese fa

      Probabilmente non essendo laureato in economia mi perdo qualche pezzo. Questo fantasmagorico stadio di proprietà fatto fuori città cosa porterebbe di concreto nelle nostre casse? Tifosi non credo perché lo stadio è sempre abbastanza pieno e dubito che i turisti prendano un mezzo per andare a vedere la Fiorentina perdendosi i monumenti nella loro permanenza. Sempre gli stessi turisti dubito che alloggino nell’hotel vicino lo stadio e comprino nel centro commerciale vicino lo stadio. Qui si continua a mentire. Il fair play attualmente per noi non esiste in quanto le coppe le stiamo vedendo col binocolo e quindi potremmo avere ribery, Ronaldo e messy e nessuno ci potrebbe dire nulla. Ci sono tre anni per rientrare di eventuali debiti quindi un mercato virtuoso potrebbe portare a compravendite mirate senza essere richiamati da nessuno. Visto che Prade cita sempre l’atalanta ricordo che il loro acquisto più oneroso è stato Muriel l’anno scorso che noi ci permettevamo in regime di autofinanziamento. Quest’anno pur facendo la Champions hanno preso giocatori a cifre contenute e venduto per esempio Castagne a quasi 30 milioni, un titolare fisso. In difesa giocano con Toloi, Palomino e Caldara. Nessun nazionale. Se vuoi continuo? Non prendiamoci in giro con il Fair play perché è uno specchietto per le allodole. Ps per la cronaca io faccio questo ragionamento nonostante penso che si sia sulla strada giusta in quanto la squadra rispetto allo scorso anno è migliorata, ma certe bugie ripetute all’infinito non vanno bene.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Dellone68 - 1 mese fa

    Via ragazzi, ma per piacere, qualcuno può credere ancora alla ragionevolezza? Al di là della politica di comunicazione istituzionale, che il Bucchio contesta a Rocco, “the President” sta facendo discorsi sensati senza prendere nessuno per il sellino. Come si fa a non accettarli? A me pare incredibile. Rocco sta trattando i fiorentini con semplicità e schiettezza. Prima che si incavoli. Io dico sono una cosa: speriamo che duri. La verità fa sempre bene, anche se può non piacere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. MAU - 1 mese fa

    O cicala, ma untunnistai mai zitto!
    Intanto non ne indovini una…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. 29agosto1926 - 1 mese fa

    Se ci sono persone che non capisco sono i colleghi giornalisti del Prof. Bucchioni. Dice sempre “Club della bistecca”, “i trombettieri”, oppure “quelli che raccontano balle”. Evidentemente si riferisce ai suoi colleghi giornalisti che sono colpevoli di NON SAPERE TUTTO COME SA LUI. E loro? Zitti é mosca. I casi sono due o Bucchioni li ore de per il c… o, oppure lui non è della categoria. Quello che fa rabbia È CHE NESSUNO GLI DICE QUESTE COSE.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. bobosmdg - 1 mese fa

    Giusto, una società con un presidente che ha un patrimonio personale di 9 MILIARDI di euro non può permettersi colpi da 40 MILIONI (pari allo 0,44% del suo patrimonio)

    In proporzione è come se uno con 10 mila euro in banca non possa permettersi una spesa da 44 (quarantaquattro) euro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Zinigata - 1 mese fa

      Purtroppo non funziona così semplicemente come dici te.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bobosmdg - 1 mese fa

        Se non funzionasse come dico io chiunque potrebbe fare il presidente della Fiorentina, anche un barbone che vive sotto i ponti, tanto se deve fare un mercato in autofinanziamento non ha bisogno di avere i miliardi in banca.
        E non si capisce il motivo per cui PSG, Manchester City, Chelsea hanno cominciato a vincere solo da quando sono state comprate da magnati e sceicchi, prima erano squadrette di periferia

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. jackfi1 - 1 mese fa

          Questa è una estremizzazione per cercare di rimediare ad un discorso in cui hai torto marcio. Il barbone può anche gestirla ma quando dovrà andare ad immettere capitali non potrà farlo perché non ha soldi. Con il sistema attuale non c’è differenza tra un proprietario che ha un patrimonio di 4 mld e uno che ne ha uno di 500 mln perché entrambi possono investire fino ad un certo limite di spesa.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. bobosmdg - 1 mese fa

            Dici? Deve essere per quello che il bilancio della Juventus è al terzo anno di fila in deficit, quest’anno addirittura di 71,4 milioni, perchè oltre un certo limite di spesa non possono investire, vero?
            Oppure deve essere grazie al limite di spesa che il PSG si è potuto permettere l’acquisto di Neimar (222 milioni) e Mbappe (180 milioni), vero?

            Mi piace Non mi piace
          2. jackfi1 - 1 mese fa

            Non ti ho detto che non puoi maturare debito. Noto con piacere che continui a travisare. Puoi accumolare debito fino ad un certo tot. che viene poi ricalcolato con quello che è il tuo fatturato annuo. Se la Juve che ha fatturati di 330 mln si presenta con debiti di 70 mln é leggermente diverso rispetto ad una fiorentina che con un fatturato di 100 mln si presenta con debiti ad oggi di un 30 mln mi pare ma se ci metti anche gli acquisti da 40 come vuoi fare te arriviamo tranquillamente pure noi a 70.mbappe e neymar sono operazioni che squadre di vertice come psg possono permettersi perché con la vendita del merchandising rientrano quasi del tutto della cifra. Se noi si compra mbappe massimo si vende le magliette a poggibonsi. Giusto per farti capire che il tuo ragionamento non sta in piedi. Sai chi è il presidente più ricco? Carlos Slim del Real Oviedo. Con un patrimonio di 45 mld mi aspetterei di vedere giocare con la maglia del real Oviedo messi, mbappe, neymar, Cr7 e compagnia, però ad oggi il real Oviedo stanzia nelle serie minori. Secondo te per quale assurdo motivo? Infine ti chiedi come hanno fatto chelsea e man.city o psg ad avere così tanto successo in pochi anni? Magari perché sono società che hanno un bacino d’utenza 10 volte il nostro. Il calcio inglese inoltre vanta introiti da sponsorizzazioni che la serie a si sogna. In tutto questo una cosa però ti fa onore. Questo ragionamento probabilmente lo facevi anche con i Della Valle e quindi non sei diventato un esperto di finanza in un anno per difendere Commisso come circa il 90% dei tifosi qui dentro

            Mi piace Non mi piace
          3. Midi - 1 mese fa

            Scusa se mi intrometto, non conosco il presidente del Real Oviedo e sarà sicuramente come dici te il più ricco di tutti. Vorrei solo capire la perversione dello straricco che compra una squadra per tenerla ai margini delle classifiche se non peggio. Per quanto riguarda il fair play, tecnicamente il tuo ragionamento non fa una piega, se non che l’applicazione, come nella maggior parte dei casi viene valutata ad personam ( vedi Manchester City ) che se la cava con una sanzione da 10 mln… per ricominciare a non rispettare le regole. Capirai di conseguenza che Rocco se volesse, specie al primo vero anno di serie A, forse qualche soldino in più potrebbe tirarlo fuori, anche perchè non facendo coppe, qualcosa possiamo sgarrare. Altrimenti parliamo di un Della Valle 2, e mi aspetterei a breve lenzuola fino a New York.

            Mi piace Non mi piace
        2. Mario - 1 mese fa

          L’hanno fatto a Genova con ferrero

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. andrea_fi - 1 mese fa

    Prima no. Adesso si. Bha! Io non vedo molte differenze con la precedente proprietà. Il progetto di crescita al momento esiste solo nelle parole di Bucchioni. Il progetto di crescita c’è, quando la crescita si determina. Altrimenti sono solo opinioni. Chi ha espresso pareri contro i Della Valle e dì contro a favore di Commisso pur di dimostrare di avere avuto ragione registrerà ogni fatto e questione raccontandola in modo comunque da giustificare la nuova proprietà. Anche senza volere. A mio giudizio conteranno solo i fatti oggettivi. Non le opinioni. Perciò le partecipazioni in Europa e i piazzamenti nel campionato e in coppia Italia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. vecchio briga - 1 mese fa

    Commisso parlerebbe inglese, quindi le sue dichiarazioni in italiano andrebbero sempre un po’ soppesate..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. simuan - 1 mese fa

      …venvia…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. vecchio briga - 1 mese fa

        Sarebbe meglio se parlasse in inglese, ci sarebbero meno fraintendimenti. Non penserete mica che uno che ha creato un impero con le TV in America non sappia come si comunica.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. jackfi1 - 1 mese fa

          Il mondo della mediacom è molto diverso da quello del calcio. Che in ambito di affari sia in grado di comunicare non lo metto in dubbio. Nel calcio però ci sono già un paio di uscite fuori luogo. Definire esuberi dei giovani che per la fiorentina sono la risorsa principale é fuori luogo. Dire che non è un problema portare a scadenza chiesa é sempre un errore perché magari non sarà un problema per lui che ha 4 mld ma lo è per noi che fatturiamo 100 mln. Oggi quella che per la fiorentina è una vittoria andare in Europa league. Fosse la prima ti darei ragione ma siccome siamo almeno già alla terza se fosse come dici te mi aspetterei che qualcuno in società glielo facesse notare in modo che possa rettificare successivamente o parlare in inglese. Però siccome mantiene sempre lo stesso modo di esprimersi mi viene logico pensare che non ci sia più spazio al fraintendimento

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. 29agosto1926 - 1 mese fa

          Quindi vorresti sostenere la tesi che sbaglia a dire i concetti?
          Come si dice in Italiano “I soldi non sono un problema?” oppure “La nostra vittoria è entrare in Europa”. Penso che tu stia scherzando.

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy