Bonaventura: “Ho fatto la gavetta. Prandelli è come in Nazionale, la Samp e il record…”

Bonaventura si racconta in un’intervista anche sui temi extra campo

di Redazione VN

Giacomo Bonaventura, in un’intervista esclusiva ai canali della Lega Serie A, si è raccontato a cuore aperto tra passato, presente alla Fiorentina e futuro:

“È un onore essere, insieme a talenti come Ilicic e Quagliarella, nella lista dei giocatori che hanno segnato almeno un gol nelle ultime dieci stagioni di Serie A. Io sono un centrocampista, quindi arrivare in zona gol per me è anche un po’ più difficile. Cerco sempre di essere presente quando si attacca e di aiutare la squadra anche in fase di realizzazione. Non so se ci vorrebbero più centrocampisti tuttofare come me nel campionato. Ognuno ha il suo percorso e la sua storia. Il mio è stato caratterizzato anche dalla gavetta, che mi ha aiutato molto. Il sacrificio nelle esperienze passate mi ha fortificato tanto, soprattutto a livello caratteriale. Mi ha permesso di essere pronto per sfide difficili che ho incontrato in massima categoria. Non riesco a pensare ad un grande giocatore che non abbia fatto fatica per arrivare a grandi livelli. Il mio primo principio è stato sempre questo, anche se con il tempo le qualità di un giocatore vengono sempre fuori spontaneamente.

Sono un appassionato di musica, anche perché viaggiando con la squadra spesso in pullman o in aereo mi metto le cuffie. Se dovessi scegliere una canzone da associare ad ogni mia avventura per l’Atalanta direi “Born to Run” di Bruce Springsteen. L’inizio è stato molto faticoso ma mi ha dato grandi soddisfazioni. Il Milan è una grandissima società. Giocare in uno Stadio fantastico come San Siro mi ha regalato tantissime emozioni. La canzone giusta credo sia “Don’t stop me now” dei Queen. Sicuramente avere lo stadio pieno dà una energia in più. anche quando sei stanco e non ti reggi più in piedi. Mi manca tantissimo. Il calcio perde molto senza tifo, quasi tutto. “I migliori anni della nostra vita” di Renato Zero non posso che dedicarla invece alla Fiorentina. Una canzone italiana storica, che racchiude le mie emozioni qui.

Con Prandelli mi trovo bene. Non è cambiato molto rispetto a quando allenava la Nazionale. È una persona molto intelligente. Quando è arrivato ha tentato di cambiare il nostro modo di pensare e di andare in campo. C’è voluto un po’ di tempo, ma la strada intrapresa credo sia quella giusta. Gara di andata con la Samp? È stata una partita un po’ rocambolesca. Abbiamo regalato qualcosa e i blucerchiati sono riusciti a portare a casa i tre punti. Oggi noi siamo un’altra squadra e ce la giocheremo in maniera diversa. Ho sempre giocato sfide combattute con il club di Genova. Ho dei gran bei ricordi, soprattutto per i gol realizzati. Affronteremo una squadra in salute ed ostica, per vincere servirà una buona prestazione”.

EX DS PARTIZAN: “MILENKOVIC PRONTO PER TOP CLUB, VLAHOVIC LO SARA’. ECCO QUANTO VALGONO”

GERMOGLI PH: 23 GENNAIO 2021 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI SERIE A FIORENTINA VS CROTONE NELLA FOTO GOL ED ESULTANZA DI BONAVENTURA

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy