Beccantini ammette: “Juve spesso alle corde, la Fiorentina avrebbe meritato di più”

Beccantini ammette: “Juve spesso alle corde, la Fiorentina avrebbe meritato di più”

“Magari questa non è la vera Juventus, ma ho molti dubbi che questo non sia il vero livello del nostro campionato…”

di Redazione VN

Il giornalista di fede bianconera Roberto Beccantini si è pronunciato sulla prova della Juventus a Firenze sulla sua pagina facebook:

Magari questa non è la vera Juventus, ma ho molti dubbi che questo non sia il vero livello del nostro campionato – ha spiegato -. Magari. E’ stata una partita brutta, ispida, che è girata sugli episodi. La Fiorentina non ha avuto fortuna: le manca un rigore, ha colpito un palo con Gil Dias, ha costretto Buffon – con Théréau – a una paratona.
Togliamoci subito il dente. Bene aveva fatto, Guida a concedere il penalty: Chiellini era distante (da Benassi) e, dunque, il braccio punibile. Viceversa, sul fuorigioco di Benassi e il tocco di Alex Sandro o il fallo di Simeone, male ha fatto a fidarsi dell’uomo Var, Fabbri, invece di dare una sbirciatina al video. Non so cosa avrebbe deciso, ma toccava a lui. Chi scrive, propende più per la complicità di Alex Sandro. Ma sono attimi, sono secondi, come su altri fronti possono essere centimetri.
Contro il Napoli, Higuain. Contro la Roma, Benatia. Contro la Fiorentina, Bernardeschi: e chi se no? Dura lex, sed l’ex: non è nuova, ma non è colpa mia. Di Bernardeschi mi è piaciuta la serenità nella tempesta. Di Chiesa, l’altro Federico, gli strappi: non molti, ma sufficienti per farne ammonire tre.
Due tiri due gol, la Juventus. La punizione di Bernardeschi e il contropiede di Higuain. Mai padrona, spesso alle corde – un po’ come Cassius Clay a Kinshasa contro Foreman: ho esagerato? – capace di trasformare in stampelle persino le barricate più grevi. Pure in assenza di Matuidi, Allegri aveva confermato il 4-3-3. Marchisio, più leggero, è un’altra cosa.
Lo scarto è esagerato. Meritava di più, la Fiorentina. Non teneva una palla, la Juventus. Le ha dato una mano Douglas Costa. Ma un gol preso in 16 partite, coppe incluse, spiega molto: anche se per molti giustifica troppo.
E adesso, il Tottenham. Un’altra storia, se sarà un’altra Juve.

Violanews consiglia

Chiesa: “Sono cresciuto, ma devo migliorare tempi e… il sinistro. Credo nel progetto Fiorentina”

Sconcerti su Bernardeschi: “E’ un campione. Fiorentina, che fatica per tirare. Il Var…”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. viola47 - 2 anni fa

    mi piace il suo commento che penso corretto indipendentemente dalla fede.Comunque il calcio in Italia andra’ a morire per eccessiva potenza finanziaria della famiglia sommata alle capacita’ della struttura. Troppi giovani emergenti sotto opzioni,troppe societa’ satellite , quindi la FIGC si inventi qualcosa, vedi usa, oppure niente da fare x il futuro. Non ci saranno piu’ i Berlusconi e i Moratti e pertanto i tifosi delle altre squadre s’inventeranno altri passatempi x le domeniche magari non targati Agnelli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy