Batistuta e un aneddoto sui suoi esordi: “Ho imparato l’umiltà quando…”. E dichiara amore a Firenze

Batistuta e un aneddoto sui suoi esordi: “Ho imparato l’umiltà quando…”. E dichiara amore a Firenze

Parla il Re Leone

di Alessandro Lilloni, @AleLilloni

Gabriel Batistuta si racconta. E svela al pubblico presente al Tuscany Hall un aneddoto che vi riportiamo grazie al nostro inviato:

I miei genitori mi hanno insegnato a stare sempre coi piedi per terra e a portare rispetto a tutti. Ho capito di dover essere umile quando sono arrivato a Rosario, ero un campioncino, ma eravamo 700 ragazzi e io ero il peggiore. Dovevo cominciare a correre… C’è sempre qualcuno che sa più di te.

Io e Irina siamo arrivati a Firenze in 2 ce ne siamo andati in 5.
Mi ci è voluto tempo all’inizio per adattarmi a Firenze ma alla fine ne è valsa la pena. Ora posso dire di Amare Firenze ed i fiorentini, quando si invecchia è più facile parlare dei propri sentimenti.

Brovarone: “Serviva un segnale a una squadra triste, invece si è adagiata”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy