Arriva Della Valle, vuole conoscere Pjaca e gli altri. Occasione per chiarire con i tifosi. E domenica…

Arriva Della Valle, vuole conoscere Pjaca e gli altri. Occasione per chiarire con i tifosi. E domenica…

L’ultima volta che Andrea era stato a Firenze era in occasione di Fiorentina-Cagliari

di Redazione VN

Anche Stadio parla del ritorno di Andrea Della Valle a Firenze. Il patron è atteso in città nella giornata di oggi, e probabilmente varcherà i cancelli del centro sportivo in concomitanza con l’allenamento della squadra. Vuole stare con la sua Fiorentina e conoscere i nuovi arrivati: da Marko Pjaca fino all’ultimo arrivato Edimilson. E vuole farlo subito, prima che la stagione cominci. L’ultima volta che Andrea era stato a Firenze era in occasione di Fiorentina-Cagliari. Adesso tornerà nel centro sportivo intitolato a Davide Astori e trascorrerà qualche ora con i giocatori, con i big blindati e difesi dagli assalti di mercato e pure con le promesse da scoprire strada facendo.

Magari potrebbe essere questa anche l’occasione per cercare di porre fine alle polemiche infinite con una parte della tifoseria (che anche ieri sera ha contestato la proprietà durante l’amichevole ad Arezzo), già che le diplomazie sono al lavoro per cercare di ridurre distanze e polemiche. Nei giorni scorsi era stato il presidente esecutivo Mario Cognigni a trascorrere qualche tempo con i giocatori ed il comparto tecnico: è volato anche in Germania, per l’amichevole dal sapore d’Europa contro lo Schalke 04, ed ha assistito al lavoro del gruppo guidato da mister Stefano Pioli. Adesso sta per arrivare il patron, che farà di tutto per essere presente anche domenica, in occasione della partita col Chievo Verona. INTANTO NEI GIORNI SCORSI HA PRESO LA PAROLA CORVINO

Violanews consiglia

Della Valle a Firenze, il patron atteso a breve in città

Novellino: “Non capisco le critiche alla Fiorentina, difficile trovare presidenti come Della Valle”

21 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. JUVEMERD@ - 1 anno fa

    Qualcuno deve chiarire qualcosa quando ha degli interlocutori che possano avere un equilibrio che gli permetta di valutare i chiarimenti. Cosa deve chiarire con certa gente? Assolutamente niente. Quando si ha un confronto con qualcuni lo si ha sulla base di dati di fatto di quelli che possono essere gli obiettivi concreti delle nostre azioni non siulla base di sogni pindarici di investimenti che non ci saranno mai o di giocatori da 4 milioni l’anno di stipendio.
    Quelli che hanno capito non hanno da chiarire niente, quelli che non hanno o non volgiono capire, come ce ne sono tanti su questo sito, non capiranno mai.
    Inutile stare a ripetere dati sui quali si deve ragionare, inutile portare le ragioni che squadre del nostro livello, in confronto con altre, devono far valere, inutile dire che i migliori sono rimasti perché uno di questi soggetti con il quale Andrea dovrebbe chiarisi gli direbbe che era bene vendere un big e comporarne 3 buoni, non succederà perché se fosse successo la stessa persona avrebbe imputato alla società di vendere i migliori giocatori.
    Io li lascio scrivere e non li leggo nemmeno, io vado allo stadio e tifo fiorentina non tifo per perdere per mandare via i Della Valle.
    Potremmo avere di meglio? Certo, c’è sempre il meglio di qualcosa ma un proverbio diceva che chi lascia la strada vecchia per quella nuova………..
    Vai gufate e andate allo stadio con due obiettivi. Il primo è perdere ed allora siete contenti perché potete scrivere di tutto, il secondo è vincere e allora sarete scontenti perché vi tocca stare zitti.
    Chiarire? Mandarli tutti a quel paese questa gente!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio62 - 1 anno fa

      Ci basta vincere! Più partite si vince e meno questi grulli verranno qui a pontificare! Il che concide perfettamente con l’amare la Fiorentina..io spero si vinca spesso quest’anno così gli si secca lo stagno in cui vivono!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. alesquart_774 - 1 anno fa

      Già dal Nick ti distingui, perché da ciò si capisce che sei “contro” qualcosa e non “a favore”. Spero tu abbia capito, se non l’hai capito vuol dire che non sei in grado. Quello che vedo è che per te conta solo quello che dici tu o meglio quello che dicono coloro in cui credi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. JUVEMERD@ - 1 anno fa

        Se non sei CONTRO LA JUVE non sei Fiorentino e credo proprio che tu non lo sia se difendi LEI. Ciaooooo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. alesquart_710 - 1 anno fa

          Certo che sono contro la Juve, ti rendi conto come può vivere un ragazzino di 6 anni negli anni 60 non piemontese che tifa Viola a Torino? Facendo a botte un giorno si, l’altro pure. E ho pianto nell’82 quando ci rubarono lo scudetto (oramai i tempi delle scazzottate per me erano lontani ricordi) ma comunque non sono un anti..io sono a favore della Viola. L’essere contro non deve prevalere sulla propria fede

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. JUVEMERD@ - 1 anno fa

            Puoi portarmi tutte le giustificazioni che vuoi, io non sono CONTRO nessuno ma la Juve è la mia accezione!

            Mi piace Non mi piace
    3. alesquart_948 - 1 anno fa

      Io vorrei un giornalista che facesse queste domande a Della Valle.
      1)Come mai ADV disse che Cuadrado era il regalo per Firenze e poi lo vendette a gennaio?
      2) Come mai Cognigni (che è il loro esecutore) disse che i soldi per il riscatto di Salah sarebbero comunque stati comunque immediatamente reinvestiti nel mercato e ciò non fu fatto, ma addirittura fu venduto Savic?
      3) perché non ha mai smentito a dicembre 2015 le parole di Cognigni sul fatto che la Fiorentina in CL avrebbe determinato un pericolo per via del tetto ingaggi e ciò determinò un mercato di gennaio penoso con giocatori quasi mai utilizzati e addirittura comprati rotti?
      3) Come si sono potuti permettere acquisti come quello di Toledo che secondo Cognigni era da riscattare a 30 milioni di €? (Mai più sentito)
      4) come mai la Società continua a rimandare i termini di presentazione del progetto Stadio. In poche parole lo vogliono fare veramente?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. JUVEMERD@ - 1 anno fa

        Prova a sentire Pestuggia.
        E’ leggittimo chiedere.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Saverio Pestuggia - 1 anno fa

          Hai ragione ma sono domande che potrebbero essere fatte durante una normale conferenza stampa che là dirigenza e la proprietà non fanno da anni limitandosi a veloci chiacchierate per strada magari in mezzo ai tifosi. Credimi non è facile fare tutte queste domande neanche per il più bravo dei giornalisti

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. JUVEMERD@ - 1 anno fa

            Prof. Non si tratta di essere migliori o meno nel proprio mestiere si tratta che, purroppo la comunicazione dell’AC Fiorentina è lo ZERO ASSOLUTO. I manager cambiati e ricambiati in questi anni, le incomprensioni (figuriamoci se un dirigente dice SERIAMENTE che andare in CL comporta un maggior esborso di denaro) dimostrano di quanto sia carente e lo stesso presidente invece di dire “lottiamo per il settimo posto” avesse detto “lottiamo per l’EL (che è uguale nel 99,99% dei casi)” tutto avrebbe una dimensione più accettabile. Il fatto è che la comunicazione è il tallone d’Achille di questa società.

            Mi piace Non mi piace
          2. vecchio briga - 1 anno fa

            Infatti dovreste anche chiedergli come mai non fanno più conferenze stampa..:)

            Mi piace Non mi piace
  2. folder - 1 anno fa

    “L’ultima volta che Andrea era stato a Firenze era in occasione di Fiorentina-Cagliari”
    Infatti portò la consueta scarogna!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. unial5_875 - 1 anno fa

    Se fossi un giornalista gli farei una domanda secca: quando?. Mi potrebbe rispondere quando cosa? Quando ve ne andate? Loro sanno che entro il 31.12 dovranno dare una risposta, del dentro o fuori, per cui sanno qual’è la loro data di uscita. Basta insistere uscirà. IL mercato di quest’anno è stato improntato in funzione di una imminente vendita. Mantenere determinati giocatori è stata una necessità non un atto lungimirante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. folder - 1 anno fa

      Ci sta anche che abbiano già trovato il nuovo acquirente che gli abbia imposto di trattenere i migliori(pena la decadenza dell’affare) e che ufficializzino la vendita della società al momento in cui diventi ufficiale la possibilità della costruzione dello stadio!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Fantero - 1 anno fa

        Speriamo……

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Staffa - 1 anno fa

    che vòi che chiarisca…un sè chiarito in 16 anni…vuoi che cominci ora????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. lo spernacchiatore - 1 anno fa

    Contento se vincesse il Chievo è?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. violaebasta - 1 anno fa

    Occasione per chiarire con i tifosi? Per me è tutto chiaro, con loro i conti saranno sempre apposto, per loro l’importante è partecipare ma di vincere qualcosa o giocare il martedì o il mercoledì non gli passa nemmeno nell’anticamera del cervello.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Valdemaro - 1 anno fa

    Viene a controllare le future due plusvalenze e tutti quei bei prestiti dalle grandi squadre che non gli sono costati zero.
    Un pó di frasi fatte (una sicura è quella della squadra giovane ci vorrà pazienza bla bla) ai giornalisti proni, leccavalliani che si bevono l’ennesimo progetto farsa e poi arcobaleni viola per tutti!
    Poi se non si vince con il Chievo non vorrei essere lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio62 - 1 anno fa

      “Poi se non si vince con il Chievo non vorrei essere lui!” Chissà come ci godresti eh! Io invece se si vince (col Chievo e con chi vuoi tu) godo il doppio pensando a come di gratti la rogna tu! Forza viola per davvero!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. 65viola - 1 anno fa

    madonna che palle domenica mi tocca andare allo stadio……

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy