Antognoni: “Roma poteva fare di più ma anche noi siamo calati. Peccato per Zaniolo”

Giancarlo Antognoni parla della partita contro la Roma, un’altra delusa da questo campionato

di Redazione VN

Il club manager viola Giancarlo Antognoni ha rilasciato una lunga intervista a Il Romanista. Eccone un estratto:

Ho vinto soltanto una Coppa Italia ma l’amore di Firenze nei miei confronti vale più dei trofei che avrei potuto alzare con altre squadre. Roma-Fiorentina? Due squadre che hanno fatto bene fino a un certo punto, poi sono calate. Noi ci aggrappiamo alla semifinale di Coppa Italia, in campionato c’è mancato qualche punto nell’ultimo mese: abbiamo infilato troppi risultati negativi, ma siamo una squadra giovane e ci può anche stare. Siamo giustificati, in un certo senso. La Roma era partita con ambizioni più importanti delle nostre, ha avuto vari problemi e adesso è in chiara difficoltà. Rivalsa dopo il 7-1? Troveremo una Roma molto arrabbiata e diversa da quella battuta in Coppa Italia. Sicuramente più in difficoltà e con un allenatore nuovo che sta cercando di cambiare qualcosa. Ma considerando il materiale che c’è a disposizione, la Roma può risollevarsi. Sarà una sfida tra due formazioni che non sono in un buon momento, per la Roma forse conta di più rispetto a noi che abbiamo comunque ancora una semifinale di Coppa da giocare. Compleanno Batistuta? Firenze è una città passionale, un po’ come Roma: un giocatore si sente amato. Batistuta ha fatto tanto per la Fiorentina e il popolo viola gli riconosce i giusti meriti. Dirigente viola? Ammetto che negli anni di lontananza da Firenze, pur avendo l’incarico in Figc con le squadre giovanili, la Fiorentina un po’ mi mancava. Da due anni sono di nuovo a casa. Zaniolo era a Firenze? Prima che arrivassi io. Quando sono tornato alla Fiorentina non c’era già più. Peccato. È un giocatore moderno, ha tutto per diventare un campione: è forte fisicamente, bravo tecnicamente e sa fare gol. È il giocatore ideale per il calcio di adesso. A 19 anni non ricordo di averne visti così. Gli auguro di restare umile e diventare un simbolo della Nazionale del futuro. Oggi è più difficile rispetto al passato.

Violanews consiglia

Caso Icardi, Curva Nord: “La società lo allontani” e Spalletti annuncia che domani sarà titolare

FOTO: Lindsey Vonn posa con la maglia della Fiorentina

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pepito4ever - 2 anni fa

    Antonio ti oglio bene, e voglio bene alla Rita, ma un tu mi poi dire che siamo giustificati, una squadra come la Fiorentina un pole arriare a fine campionato giustificata perchè lè giovane, via su un si pò sentire questa cosa che qui, si fa una squadra giovane ma esperta e con innesti di qualità come chioccia sennò ì prossim’ anno è lè la solita zuppa…….giustificati e in 30.000 allo stadio ma che ci pigliate pè le mele davvero?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy