Agroppi: “Fiorentina allo sbando senza un padrone. Se non c’è società non c’è squadra”

Il commento dell’ex tecnico sulla situazione attuale in casa Fiorentina

di Redazione VN

L’ex tecnico Aldo Agroppi è intervenuto in collegamento ad Anteprima Pentasport a Radio Bruno Toscana:

“La Fiorentina  non è una grande società e nemmeno una grande squadra. In ogni società lavorativa la pedina più importante è il presidente e in Fiorentina tale figura è assente da tempo. C’è Andrea che ci mette passione ma il titolare dovrebbe esser presente quotidianamente. Guardate la Juventus: ogni domenica è presente tutto l’organigramma societario ad assistere alla partita. Una squadra forte per me è forte dalla testa, dal padrone. In Fiorentina il padrone non c’è mai. Andrea Della Valle, cosi come Corvino o Antognoni non fanno presa sul gruppo. Quando è il momento di farsi sentire con personalità non c’è nessuno. Se non c’è società non c’è squadra.

Escluso Chiesa la Fiorentina non ha nessun altro grande giocatore. Non c’è un centravanti vero e proprio da 25 gol. Muriel ha una media di un gol ogni 4,5 partite. E’ inutile contestare purtroppo, la situazione è questa.

Lo screzio Pioli-Cognigni  ha dimostrato la mancanza di potere tecnico, amministrativo e dirigenziale di questa società. E’ inutile chiamare Montella. Non vince l’allenatore ma vince la società ambiziosa, i giocatori che hanno fame e vogliono lasciare il segno in questo sport. Ultimamente questa società appare allo sbando.

Il grande Milan che ha vinto tutto vinse tutto perchè c’era Sacchi? Assolutamente no. Dopo il Milan quante batoste ha preso il signor Sacchi? Facile vincere con un’organizzazione, una disponibilità economica e con grandi giocatori come aveva quel Milan ai tempi”.

 

Violanews consiglia

 

 

La Fiorentina a testa in giù: perfettamente in linea con il “progetto”

Orrico: “Flop Fiorentina era prevedibile. Pensano di essere troppo furbi”

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Gasgas - 2 anni fa

    Noi abbiamo una super società, se non fosse per l’allenatore… Super dirigenti, maghi del mercato, grandi comunicatori… Ci frega l’allenatore, altrimenti che arcobaleni…
    Naturalmente primo colpevole l’allenatore, poi, dopo averli considerati autentici fenomeni per omaggiare il DG, i giocatori, che se non coronano gli arcobaleni diventano lavativi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. claudio.godiol_884 - 2 anni fa

    Condivido Aldo. In questi anni assenza completa della proprietà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-2073653 - 2 anni fa

    Anche io è un pezzetto che dico che su Muriel qualche riflessione andrebbe fatta, ma vogliamo mettere in discussione le qualità di Pantaleone nello scoprire punte??? Santo subito!!!!! Contratto a vita!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. filippo999 - 2 anni fa

      ok…ma per lo meno sa giocare a pallone , lo sa stoppare , sa dettare
      una triangolazione…di questi tempi non è poco

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy