Agroppi: “Fiorentina azienda allo sbando. Tranne Chiesa squadra modesta”

Agroppi: “Fiorentina azienda allo sbando. Tranne Chiesa squadra modesta”

Le parole di Aldo Agroppi sulla Fiorentina: “Nel calcio, prima di tutto, occorre una società presente tutti i giorni: occorre Diego, è lui il capo”

di Redazione VN

Intervenuto a Lady Radio, l’ex allenatore Aldo Agroppi ha parlato del presente e del futuro viola: “I Della Valle non hanno quasi mai avuto un buon rapporto con la Fiorentina e la città. Non ci sono grandi giocatori in questa squadra, è una Fiorentina modesta ad eccezione di Chiesa. La Fiorentina non vincerà mai niente: per lo Scudetto servono milioni e milioni, i Della Valle non sono disposti a spendere certe cifre. Nel calcio, prima di tutto, occorre una società presente tutti i giorni: occorre Diego, è lui il capo. La Fiorentina di oggi è un’azienda allo sbando. I tifosi devono avere pazienza, aspettare che il campionato finisca e poi contestare”.

Chiesa? “E’ l’unico giocatore di livello della Fiorentina. Ha un grande talento e una famiglia sana alle spalle, è destinato ad una grande carriera. Montella? Non capisco perché sia tornato. A Firenze ha fatto bene, ma è il passato. Adesso cosa succederà alla sua panchina?”

vnconsiglia1-e1510555251366

Tifosi a lavoro per una nuova proprietà: scattano i sondaggi agli imprenditori fiorentini

Roggi su Mazzoni: “Uomo di grande sapienza. Coppa Italia ’75 vinta grazie a lui”

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Dellone68 - 4 mesi fa

    Come sempre Agroppi ha centrato benissimo i problemi:
    – società inesistente e totalmente allo sbando;
    – squadra modestissima con l’eccezione di Chiesa;
    – mistero Montella: si è preso un rischio pazzesco a tornare. Io continuo a sperare che i fatti potranno dargli ragione, sarebbe un bene per tutti quanti.
    GRANDE ALDONE.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianni69 - 4 mesi fa

      ci mandò in b.il tuo aldone.grande una s…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Dellone68 - 4 mesi fa

        Purtroppo in B non ci mandò lui. Fu il buon Vittorio che cacciò Radice alla fine del girone d’andata; a Natale eravamo in seconda posizione. Aldone fece invece un gran campionato pochi anni prima centrando il quarto posto. Mi sa che non hai buona memoria. Ed ebbe anche il coraggio di tenere Antognoni in panca, e questo forse non gli è mai stato perdonato.
        Io cerco di giudicare tutto quello che ha fatto un allenatore, o un giocatore, che è passato da queste parti. E, complessivamente, ho un buon giudizio sulla sua esperienza fiorentina e non lo ritengo colpevole, se non in piccola parte, della retrocessione del 92.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy