Prandelli: “Non alleno perché non ho un procuratore. Adesso passo il tempo facendo il contadino”

Prandelli: “Non alleno perché non ho un procuratore. Adesso passo il tempo facendo il contadino”

Prandelli parla del fatto che non trova una panchina e della sua vita privata

di Redazione VN

L’ex allenatore della Fiorentina Cesare Prandelli ha rilasciato un’interessante intervista a Calciomercato.com. Ecco alcuni passaggi:

Io non ho mai avuto e non ho tutt’ora un agente che mi rappresenta. Mi è piaciuto sempre fare tutto da solo. Oggi il mondo del calcio, esattamente come quello di tutti i giorni, è cambiato profondamente. Se non stai in vetrina, anzi se nessuno provvede a mostrarti in vetrina e a pubblicizzarti non vai da nessuna parte. Di sicuro io non mi metto ad andare in giro bussando alle porte. Una questione di dignità e di correttezza verso tanti colleghi. Post Genoa? Zero. Forse il fatto di essere stato commissario tecnico della nazionale mi ha estromesso dal giro dei club. Oggettivamente sono un disoccupato. Ma a differenza di quelli che tribolano perché non hanno un lavoro sono un grande privilegiato. Non ho bisogno, come si dice. E allora intanto faccio la spola tra Firenze e Brescia dove c’è ancora la mia mamma che vado a trovare tutte le settimane e poi mi sono inventato un nuovo lavoro molto serio e impegnativo. Alleno, per usare un’immagine calcistica, gli ulivi della fattoria che ho acquistato nella campagna vicina a Firenze dove ho messo in piedi un oleificio che mi sta dando un sacco di soddisfazioni. Così, quando non sono in autostrada per raggiungere Brescia o per tornare in Toscana, trascorro le mie giornate sul trattore a lavorare i campi. Del resto io, che sono nato a Orzinuovi provengo da una famiglia di contadini, ho realizzato che forse preferisco il silenzio della campagna e i profumi della terra al frastuono spesso esagerato degli stadi.

Allenare mi piace ancora, specialmente i ragazzini. Leggo ancora un poco di sport sui giornali, ma distrattamente. Non sono minimamente social e non mi interessa diventarlo. In questo momento sono davvero molto felice. Le passioni? Mia moglie, mia figlia, mio figlio e i miei due nipotini ai quali se ne sta per aggiungere un terzo. L’unica preoccupazione seria è per mia figlia. Lavora per l’Onu come operatrice umanitaria e in questo momento si trova a Mogadiscio dove vive come tutti i suoi colleghi in un camper. La Somalia è una dei Paese africani più caldi per via di una guerra infinita e del terrorismo. Proprio pochi giorni fa c’è stato un attacco ad un convoglio di militari italiani. Lei è una ragazza in gamba e coraggiosa, ma ogni volta che suona il telefono in orari un po’ strani, il cuore comincia a ballarmi la rumba nel petto. Mi pare normale per un padre.

Purple Rain – “E’ nata una stella. Montella, anche Napoleone promuoveva solo i generali fortunati”

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. 29agosto1926 - 1 mese fa

    Una persona troppo normale per un mondo marcio come quello del calcio e di tutti i suoi annessi e connessi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. RambaldoMelandri - 1 mese fa

    Grande Cesare!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. dallapadella - 1 mese fa

    Tranquillo Cesare, il calcio non ti merita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. kamagra - 1 mese fa

    TROPPO SPESSO HANNO ABUSATO NEL MONDO DEL CALCIO IL TERMINE GRANDE UOMO UOMO DI VALORI MA NEL CASO DI PRANDELLI NIENTE DI PIU VERO

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy