Oliveira: “Edmundo come Hulk. Il mio rapporto con Bati”

L’ex attaccante viola racconta di come lo accolse a Firenze Batistuta e un aneddoto su Edmundo

di Redazione VN

Venerdì, nel corso del terzo appuntamento con “Taca La Marca” (in onda su Radio Musica Television), è intervenuto Luis Oliveira che a proposito della Fiorentina ha rilasciato le seguenti dichiarazioni

Su Edmundo

Vi racconto un aneddoto su di lui. Tutti i giovedì facevamo la partitella con la Primavera, e a lui piaceva sempre dribblare perché aveva questo estro dentro di sé. Ha dribblato un primo giocatore, poi un altro, mentre il terzo è arrivato in ritardo e gli ha dato una botta che l’ha fatto cadere per terra. Edmundo si alzò, prese al collo il ragazzino e un tifoso gridò dagli spalti “Ma perché te la prendi col ragazzino? Prenditela con me!”. Edmundo voleva uscire, saltare oltre il muretto e andare a picchiare davvero quel tifoso. Era così, un po’ “folle”: in campo si trasformava in un’altra persona, fuori dal terreno di gioco era completamente diverso. E quando si arrabbiava diventava Hulk”.

La Fiorentina e Batigol

Ho vissuto un’esperienza bellissima a Firenze. Il mio primo impatto con Bati non era stato bellissimo, perché tra brasiliani e argentini c’è sempre quel pizzico di rivalità. Ricordo che al mio arrivo venni accerchiato dai giornalisti per le domande di rito, passò lui dietro e gli dissero “Guarda, c’è Lulù Oliveira”: non mi considerò neppure. Nel corso delle settimane poi ho guadagnato la sua fiducia, perché ho cercato sempre di costruire un grande rapporto con chi giocava accanto a me. Tutte le volte, in allenamento, gli chiedevo come voleva la palla, che movimenti voleva fare ecc. Così abbiamo creato un grande rapporto dentro e fuori dal campo: siamo tuttora grandi amici e questo mi rende molto felice.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Gasgas - 2 mesi fa

    Grandi attaccanti…che bei tempi. Edmundo tecnicamente è uno dei più grandi che ho visto in maglia viola, peccato per la testa…
    Bati sarà per sempre il mio campione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mediacom Corporation - 2 mesi fa

    Oh ma tutti quelli che descrivono Bari ci mettono sempre il carico di qualche comportamento da prima donna. Il Bati era il Bati comunque pazienza se non fosse un buono caratterialmente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BVLGARO - 2 mesi fa

    Sono affezionato più al mitico Lulù che ad un campione come Batistuta, uno pensa col cuore, l’altro col portafoglio

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy