Maggio al Lecce, Corvino: “Ho messo davanti il nostro rapporto dei tempi della Fiorentina”

Pantaleo Corvino parla di Maggio che aveva già avuto alla Fiorentina

di Redazione VN

Il Lecce dell’ex viola Pantaleo Corvino ha presentato Christian Maggio, giocatore che il dirigente ha avuto tanti anni fa proprio alla Fiorentina.

Il suo arrivo mi inorgoglisce molto. Si tratta di un calciatore che conosco molto bene per le sue caratteristiche tecniche. Oltre ad essere un grande calciatore è anche una grande persona. Quando si parte per un nuovo ciclo è importante avere a che fare con calciatori così. Maggio ha le caratteristiche tecnico-tattiche che richiede mister Corini. Quando l’ho chiamato l’ho messo in difficoltà, mettendo davanti il nostro rapporto che ci ha visti insieme alla Fiorentina. Mi sento orgoglioso per averlo convinto a scegliere Lecce, lui di questa squadra sapeva già di tutto e di più.

Da parte sua, l’esterno ha detto:

Arrivo qui a Lecce con grande entusiasmo e questo al di là dell’età. È una sfida ambiziosa, a me le scelte ambiziose piacciono molto. È una società seria che sta investendo molto sui giovani, penso che sia un punto di partenza importante.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-2073653 - 1 mese fa

    Quest’uomo non può farci la grazia di non nominarci più? Secondo me porta pure iella…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ilRegistrato - 1 mese fa

    Maggio fu una topica clamorosa di Prandelli. Io quando seppi che la Fiorentina lo dava via mi arrabbiai moltissimo, era un calciatore dalle grossissime potenzialita’ che era stato frenato da degli infortuni. Un terzino destro decente poi non si e’ piu’ rivisto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. SoloViola - 1 mese fa

    Christian Maggio (oltre a Quagliarella, Ujfalushi, Riganò, Pazzini, Montolivo, Dainelli, Bernardeschi a 10 anni, ecc.) fu portato a Firenze da un certo Giovanni Galli… grazie anche al suo collaboratore e talent scout Ilario Saturni.
    Conoscendo il tipo in questione, questo magari poi si vanta anche di averlo portato lui a Firenze e non sarebbe la prima volta… ai leccesi glielo ha detto di sicuro, o glielo ha fatto capire, tanto nessuno li lo può smentire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy