Un vertice senza decisioni. Cosa nasconde l’immobilismo?

Un vertice senza decisioni. Cosa nasconde l’immobilismo?

Il vertice straordinario nella sede milanese della Tod’s non ha portato decisioni immediate

di Saverio Pestuggia, @s_pestuggia
Diego-della-valle

La crisi della squadra che non vince ormai da troppo tempo e sta scivolando verso una posizione insostenibile ha portato Diego Della Valle a convocare un vertice nella sede milanese della Tod’s nonostante la giornata di festa. Fra presenze in persona e collegamenti telematici, proprietari, dirigenti e comparto tecnico hanno discusso sui motivi delle continue debacle con un occhio soprattutto su cosa dovrà essere fatto nella prossima stagione.

Se Montella, arrivato da poche settimane e quindi assolutamente fuori dai giochi, non era in discussione, l’indice dei Della Valle si è puntato verso l’operato di Pantaleo Corvino, padrone assoluto del comparto tecnico. Sono troppi tre anni senza Europa e con una tendenza preoccupante al ribasso ed è logico che la proprietà non sia soddisfatta del lavoro fatto.

Certo, il compito primario di Corvino, quando è stato richiamato, era di abbassare il monte ingaggi mantenendo una struttura solida. Il primo compito è perfettamente riuscito, il secondo no. Certamente le classiche “nozze con i fichi secchi” non sempre riescono perfettamente ed è per questo che Corvino finora ha resistito al suo posto anche abbastanza saldamente. Ma adesso cosa succederà? Cosa si nasconde dietro la “non decisione” di ieri?

Certezze non ne ho, non voglio millantare una mia opinione facendola passare per indiscrezione. Però è giusto che la esponga: ci sono diverse ipotesi, la prima porta ad una dilazione di tempo concessa a Corvino per avere nel breve un piano tecnico di rilancio. Altrimenti, ed è l’ipotesi che prediligo, l’immobilismo potrebbe nascondere la trattativa con un nuovo personaggio contattato per sostituire il dg di Vernole o per affiancarlo con compiti operativi e non di secondo piano come Carlos Freitas destinato comunque a lasciare Firenze a fine anno. Corvino potrebbe avere una parte importante dal lato economico, mentre il nuovo DS potrebbe occuparsi della nuova squadra in sintonia ovviamente con Montella. Questa ipotesi comporta una sorta di declassamento senza licenziamento di Corvino che finora è sempre stato abituato ad avere carta bianca ovunque sia andato. Ma il tempo passa per tutti e una società come la Fiorentina che al momento non ha a disposizione denaro per comprare chi vuole deve dotarsi di un settore scouting di primo livello e non affidarsi ai soliti procuratori che ovviamente devono fare il loro lavoro e piazzare non solo i pezzi pregiati, ma anche le seconde scelte della scuderia.

Sono scelte che non possono essere affrettate, ma neanche arrivare a giugno quando il mercato ha già sistemato i pezzi prelibati al costo migliore. Attendiamo dunque il pronunciamento dei Della Valle nella speranza che intanto la squadra dia qualche segnale positivo perché, anche se Montella ha chiaramente detto che “con il Sassuolo abbiamo toccato il fondo”, l’esperienza mi porta a dire che al peggio non c’è mai fine.

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Barsineee - 6 mesi fa

    e ci potrebbe anche essere la terza opzione. Che lasciano Corvino a vendere tutti. Da Chiesa fino all’ultimo ragazzino della primavera, non prendendo Traoré perchè costa ma vendendo anche Muriel, Vlahovic, Montiel, i vari ragazzi in prestito … tutti VENDUTI. SOLD OUT. Tutto venduto. TUTTOFUORI. E poi una bella serie B nella parte bassa e via in Lega Pro. Finalmente LIBERI. FINALMENTE LIBERI IN LEGA PRO!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Sitrombapoho - 6 mesi fa

    Se Corvino fa “di conto” così come mastica ‘l’italiano”, siaml messi bene. Nb .. dopo l’affare Bojinov e il figlo procuratore pii, dai contanti lo terrei proprio lontano….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ilRegistrato - 6 mesi fa

    Vabbe’ cerchiamo di mettere daccordo tutti. L’anno prossimo Corvino vende i giocatori e fa cassa, che e’ quello che gli riesce meglio, e il nuovo DS, che si intende di calcio, sceglie i giocatori da comprare e spende quello che Corvino gli mette a disposizione. Puo’ funzionare? Io penso proprio di no.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Antonio da Papiano - 6 mesi fa

    Non sanno che pesci pigliare. Hanno una squadra da serie B e se vendi Chiesa, Milenkovic e Veretout la indebolisci ulteriormente. Per sostituirli e soprattutto sostituire tutti gli altri ci vuole un mega investimento che ovviamente i proprietari non vogliono sostenere. Non gli resta che vendere al miglior prezzo possibile che ovviamente non fanno loro ma l’eventuale acquirente. Possono vendere i migliori ma anche qui a un prezzo più basso di quello atteso (è il vero motivo che rende furibondo Della Valle) viste le continue prestazioni di scarso livello. Per queste ragioni secondo me non decidono. Sono in un vicolo cieco. A maggior ragione se lasciano la coppia Co&Co (Cognigni – Corvino). E’ evidente che avranno ZERO ABBONATI. A quel punto a che serve proseguire ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Barsineee - 6 mesi fa

      un bel campionato di fascia bassa in serie B e poi Lega Pro. A che serve proseguire? Devono riportarci dove ci hanno trovato. Non siamo felici?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. bitterbirds - 6 mesi fa

    nasconde poche idee ma confuse

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Filippo - 6 mesi fa

    Ma come si fa a dire che Corvino ha fatto le nozze con i fichi secchi se proprio su questo sito si diceva che ha speso 150 milioni in tre anni (http://www.violanews.com/stampa/il-triennio-di-corvino-oltre-150-milioni-spesi-e-sempre-fuori-dalleuropa/).
    Ora 150 milioni son diventati fichi secchi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Saverio Pestuggia - 6 mesi fa

      Bisogna vedere quanto ha incassato nel triennio e quanto ingaggio può offrire ai giocatori

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bamby - 6 mesi fa

        l’ estate del 2017 incasso’ 110 milioni circa e ne spese 75 per pacchi storici come saponara ( 9 milioni) e altri mezze sole ..gli unici discreti Pezzella e Veretout . Rimane da esempio la campagna acquisti del 2012 quando si vendette Nastasic e Berhami ma si fece una squadra da terzo posto(rubato) finendo in attivo. Ma se era bravo che arrivava a quasi 70 anni a fare il general manager solo di lecce casarano bologna e fiorentina!?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user - 6 mesi fa

    Senz’altro.Corvino che viene affiancato da un altro ds.Corvino si occupa di conti e il nuovo ds fa il mercato…nemmeno nei migliori film di fantascienza….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy