Morabito a VN: “Salah ha mostrato la sua vera natura“

“Chi si comporta così difficilmente si afferma nel mondo del calcio. Il Chelsea? Non credo darà un risarcimento ai viola”

di Redazione VN

In casa Fiorentina continua a tenere banco la vicenda Salah. La società ha iniziato l’iter burocratico per tutelare i propri diritti e Violanews.com ha contattato in esclusiva l’agente Fifa Vincenzo Morabito che ha detto la sua sul caso:

 

Morabito, la Fiorentina sta vivendo una vicenda molto delicata con Salah…

Nelle valutazioni di un giocatore non conta solo l’aspetto tecnico, ma anche e soprattutto quello umano e comportamentale. Salah ha enormi doti tecniche ma i suoi modi di comportarsi e quelli di chi lo contorna mi lasciano molti dubbi. Quando si ha il desiderio di diventare campioni si deve far parlare il campo e basta. I giocatori che arrivano a disputare 400/500 partite tra i professionisti sono quelli che hanno anche valori umani e disciplinari.

 

 

Fiorentina o giocatore, chi ha maggiori colpe in questo caos?

Gli errori stanno da tutte e due le parti, non entro nel merito ma se l’operazione era complicata e la Fiorentina aveva capito che altri club si stavano muovendo avrebbe dovuto muoversi diversamente. Non credo che il Chelsea darà un risarcimento ai viola sotto forma di giocatore perché il danno l’ha fatto Salah e non la società inglese.

 

A suo avviso ci sono società che hanno fatto pressing sul calciatore?

Sì, sicuramente qualcuno si è mosso dietro di lui. Credo che Milano, sponda nerazzurra, possa essere una futura destinazione. In questi casi servirebbe una sorta di patto di onore tra le società, bisognerebbe evitare di fare queste azioni di disturbo. Al di là di questo credo che ad essere punito dovrebbe essere Salah, il vero protagonista del misfatto.

 

A tal proposito la Fiorentina andrà per vie legali per tutelare i propri diritti

E’ una scelta giusta e comprensibile. Il massimo che può ottenere è una sanzione per il ragazzo che certo non risolverà totalmente il danno subito. Certamente non si può immaginare che l’egiziano indossi ancora la maglia viola, non lo sopporterebbero nemmeno i tifosi che sono anche coloro che vivono peggio queste vicenda. Da parte dei viola servirà anche fare autocritica perché evidentemente qualcosa non ha funzionato nel loro lavoro.

 

STEFANO ROSSI

Twitter @StefanoRossi_

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy