Il gioco c’è, i cambi no. Ma chi segna in questa Fiorentina?

La Fiorentina ha sempre il solito problema: segna troppo poco e gli uomini a disposizione di Prandelli sono pochi

di Saverio Pestuggia, @s_pestuggia
Dusan-vlahovic

Molti opinionisti e commentatori non hanno capito il mancato uso della panchina da parte di Prandelli che in effetti ha aspettato un po’ troppo ad impiegare soprattutto Callejon. In effetti gli uomini della panchina viola non erano adatti a ribaltare una situazione come quella venutasi a creare. L’unica punta centrale a disposizione di Prandelli era Kokorin che per sua stessa ammissione non è ancora pronto e chissà quando lo sarà. Poi in bella mostra troviamo Eysseric e Montiel autore di due gol in Coppa Italia. Decisamente pochi dunque i proiettili a disposizione del Mago di Orz che ha dovuto rinunciare per la seconda settimana consecutiva a Franck Ribery che non è certo un goleador, ma che con la sua classe è capace di mandare in porta qualsiasi compagno.

Detto questo c’è un altro fattore non da poco da considerare. Ricordate quando a Montella veniva rimproverato che la sua Fiorentina (atto secondo) non era molto pronta in zona gol? La sua risposta fu molto chiara: “Contate i gol in Serie A dei giocatori che ho a disposizione e traete le conclusioni“. E non aveva torto l’aeroplanino, ma la stessa situazione la sta vivendo Prandelli visto che la Fiorentina al netto dell’ultima giornata ha veramente poche cartucce da sparare in questa classifica che vede in coda il Crotone e lo Spezia rispettivamente con 35 e 51 gol che arrivano dagli attaccanti, ma dobbiamo considerare che sono squadre raramente o mai presenti in Serie A fino ad ora. A seguire troviamo il Parma (78) e la Fiorentina che vanta un totale di 86 reti delle quali però ben 64 sono state segnate da Callejon che praticamente non gioca mai. Poco sopra troviamo l’Udinese con 88 gol.

Ben oltre 100 marcature tutte le altre squadre in lotta per non retrocedere: si parte dai 148 gol del Benevento per salire ai 160 del Cagliari; troviamo poi Bologna (172), Torino (177) e Genoa (184). E qui ci fermiamo perché tutte le altre vantano numeri ben superiori. Deduzione che traiamo: i numeri non sono tutto, ma un certo peso ce l’hanno e forse qualcuno anche in possesso del fiuto del gol anche se arrugginito avrebbe fatto comodo accanto a Vlahovic al quale auguro di non infortunarsi mai fino al termine della stagione altrimenti sarebbero dolori… ma veramente grossi.

22 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. 29agosto1926 - 2 settimane fa

    E’ inutile andare sempre a cercare le solite colpe e responsabilità o evidenziare qualcosa che oramai è consolidata da una situazione che tutti possono toccare con mano. Oramai anche i sassi sanno quali sono i problemi di questa società, problemi che non potranno essere risolti se non con una rivoluzione profonda di tutta la società dalla parte tecnica a quella organizzativa. Abbiamo avuto “in regalo” (secondo molti) il centro sportivo, BENE! Adesso mettiamocelo alle spalle e non usiamolo come giustificazione di altri madornali errori fatti. Una cosa fatta bene non ne nasconde 10 fatte male.
    La società si sta muovendo? Si stanno gettando le basi per il prossimo anno? La giustificazione, anche in questo caso, che potremmo retrocedere non regge. La paura c’è ma, in fondo, qualcuno ci crede?
    LE SQUADRE SI FANNO A MARZO, questa è una regola imprescindibile alla programmazione che secondo Rocco non è mancata e che, anche questa, ci è stata raccontata come una favola.
    A questa squadra manca prima di tutto un DS. Cosa si aspetta? Cosa ci fa Pradè al suo posto? Che compiti deve svolgere da qui a Giugno? Fate un po’ queste domande cari giornalisti invece di esaminare quello che tutti sanno.
    Ci mancano due esterni difensivi e due esterni alti, ci manca un regista, ci mancano due attaccanti, la Presidenza si rende conto di tutto questo? Cosa aspettiamo? Aspettiamo un altro Ribery o un altro Callejon?
    Se Rocco ci dice che la programmazione non è mancata è l’ora di non dirlo più ma di dimostrarlo! Okkei!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Larry_Smith - 2 settimane fa

    Un uomo con una certa dimestichezza con il gol lo abbiamo ed è anche in un buon momento di forma: Bonaventura (45 gol in serie A, qualcosa non torna…). Cerchiamo di sfruttarne le doti favorendone gli inserimenti in area. Molto dipende dal tipo di gioco che uno decide di adottare. Proviamo anche ad aprire varchi sulla fascia destra, ad esempio, con uomini come Callejon (anche lui 64 gol in serie A, ma senza contare quelli segnati in Spagna…) e Malcuit che sanno sovrapporsi e servire palloni pericolosi (lo si è visto anche nel brevissimo spezzone finale contro la Samp). Finché quella fascia è occupata da difensori come Venuti e Caceres gli avversari possono stare tranquilli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Saverio Pestuggia - 2 settimane fa

      Come ho scritto nell’articolo ho preso in considerazione solo gli attaccanti, ruolo non di Bonaventura.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Larry_Smith - 2 settimane fa

        Ok, non l’avevo notato. Mi parrebbe comunque più indicativo estendere la statistica a tutta la squadra. Alla fine un gol è un gol a prescindere dal ruolo di chi lo segna. Purtroppo noi facciamo pochi gol anche con i centrocampisti e i difensori

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. johan14 - 2 settimane fa

    Spero che questa fissazione di Prandelli su Vlahovic sia finalizzata alla cessione del bidone a giugno per ricavare il più possibile. Altrimenti ci aspettano altri campionati come questo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 2 settimane fa

      I tifosi bidoni come te che non capiscono di calcio dovrebbero essere ceduti e senza aspettare Giugno. I N C O M P E T E N T E

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Tagliagobbi - 2 settimane fa

    Io vorrei sapere perché Montiel non gioca MAI nemmeno per sbaglio. Quando gli è stata data una chance l’ha sempre sfruttata al meglio però non lo fanno nemmeno alzare dalla panchina… Kouamé invece lo mette sempre dentro e sembra che giochi con i pattini… mah.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. simuan - 2 settimane fa

    …interessante notare la differenza di trattamento subita da Montaella e Prandelli alla luce del problema comune…al primo feci da tutti (giornalisti e tifosi) e ad ogni occasione, al secondo giustificazioni a nastro (sempre da parte di giornalisti e tifosi). Ma e’ la scoperta dell’uovo sodo…basta vedere come sono stata trattata la precedente proprieta’ rispetto all’attuale o il precedente ds rispetto all’attuale…chiunque o qualsiasi cosa deve prima di tutto essere gradita ai giornalisti…se c’e’ il gradimento dell’elite dei pensatori allora tutto diventa lecito e giustificato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. pino.guastell_9534945 - 2 settimane fa

    Ciao Direttore penso che c’è troppa diffidenza del signor Prandelli e della stampa nei confronti di Montiel. Stanno sbagliando tutti a emarginato a mio parere è più forte di Vlahovic e di Kouame’. Penso che Prandelli fissandosi con Kouame’ Eysseric e Vlahovic stia penalizzando la Viola che segna col contagocce e sbaglia sotto porta tanti goal.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. pino.guastell_9534945 - 2 settimane fa

    Caro Direttore non condivido la tua opinione su Montiel. Se tutto gli allenatori non lo fanno giocare come fa Montiel fare goal? La verità è che Prandelli predilige i nomi di vecchi campioni anziché le nuove leve. Ieri al posto di Kouame’ avrebbe dovuto far giocare Montiel che nè sono

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. adrian sbrodi - 2 settimane fa

    Diciamo le cose come stanno: quando ribery gioca e e’ nei suoi cenci siamo una squadra che puo’ aspirare a un nono-decimo posto, quando non c’e’ si diventa una squadra da lotta salvezza. Primo acquisto del prossimo anno: prendere subito una seconda punta / trequartista che prenda il posto di frank che senno’ si va da poche parti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alexbat - 2 settimane fa

      Ma guarda caso con Chiesa era la medesima situazione o sbalio .
      E allora perche’ non ci habbiamo pensato prima ?
      La programmazione di Rocco?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. bati - 2 settimane fa

    Mi sembra un terreno minato direttore. Una bella fetta di tifosi insieme alla dirigenza viola pensa di avere il nuovo Batistuta e in attesa della sua consacrazione da due anni stiamo rinunciando ad un reparto offensivo degno di questo nome. Se qualcuno prova a dirlo si prende delle infamate. Guai a chi tocca il giovane Dusan. Gli altri attaccanti acquistati negli ultimi due anni sono stati prima fatti accomodare in panchina e poi venduti o marginalizzati per non disturbare, togliere spazio o alitare sul collo a Vlahovic. Il fatto è che continuiamo da due anni ad avere il peggiore attacco del campionato. Sul problema dell’attacco sono saltati Montella, poi Iachini e prima o poi arriverà il turno di Prandelli. Chiunque sa che solo i goal fanno vincere le partite e se non ne fai o li fai col contagocce non vinci mai. Non solo non segniamo mai ma neanche tiriamo in porta. Anche ieri avevamo avuto buone occasioni intorno all’area di rigore avversaria, ma problemi di controllo della palla, precisione nei passaggi, frenesia di movimenti, goffaggine e alla fine gli attaccanti non tirano seriamente mai. (Kouame altro patetico). I difensori sono andati vicini al goal, Quarta ha colpito il palo interno e Milenkovic due volte di testa è stato pericoloso. Bonaventura vicino due volte. Questa squadra e lo dico da almeno due anni ha bisogno di una prima punta vera, e non parlo di Bati, Toni o Pepito Rossi che non esistono, ma di uno Zapata o di un Manzukic che qualche goal lo fanno ma soprattutto si fanno giocare la squadra intorno, oppure di un Riganò, un pò rozzo ma fortissimo fisicamente che si porta a zonzo due difensori e la palla in qualche modo la butta dentro spesso. Non è accettabile che una dirigenza che ne indovina due su dieci continui imperterrita a vivere sempre e solo di speranze. Alla fine contano solo i goal, che significano vittorie, che si traducono in punti e che decretano il successo sportivo e la validità dei dirigenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Ghibellino viola - 2 settimane fa

    Gli attaccanti buoni costano. Questo è il nostro problema.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. mannuccigabriele7_14377276 - 2 settimane fa

    Ormai lo abbiamo capito tutti che così come composta, questa non diventerà mai una vera squadra di calcio. Come potrebbe esserlo dopo tre allenatori in nemmeno 2 anni con giocatori comprati e rivenduti nel mercato successivo alcuni mai neanche provati sul serio in campo. Se chi vede i giocatori tutti i giorni non riesce a capire se possono essere utili alla causa o no, dato che si lotta per retrocedere e stop, facciamo tutti festa chiudiamo bandone che è meglio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. dallapadella - 2 settimane fa

    Secondo questo criterio (gol segnati in A) Romelu Lukaku vale meno di Cyril_Théréau. Ho detto tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. andrea333 - 2 settimane fa

    I dirigenti della Fiorentina erano a conoscenza di questo problema se Montella lo disse alla stampa figuriamoci se non fece la stessa cosa con i dirigenti viola .Se non sono intervenuti per risolvere il problema la colpa è loro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. giusetex7_9905901 - 2 settimane fa

      Lo disse in conferenza stampa. Presero Cutrone che lui aveva lanciato al Milan dopo l’esonero. A gennaio diedero indietro Pedro e andò via pure Boateng. Fu il capro espiatorio di un progetto tecnico fallimentare e i tifosi abboccarono considerando che fino al rientro dal covid iachini fece meno punti di lui.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. giovanni.zanatta9_14296080 - 2 settimane fa

    Io capisco tutto, su questo sito che leggo da anni non ho mai commentato, nonostante volessi ma ora sono stufo. Io voglio veder giocare Montiel, perchè Cllejon non è il giocatore giusto per entrare 10 min in una partita difficile, è un giocatore da mettere dentro al 60/70 per provare a cambiare le carte in tavola in situazione di parità o vittoria in sofferenza. Se devi provare qualcosa in extremis per portarla a casa vorrai ben provare qualcuno che venderebbe il cuore al diavolo per giocare, per me quel giocatore è montiel, se non scresce fisicamente gli insegni a sfruttare il poco peso per buttarti quando ti toccano il giusto, ma sono due anni che voglio vederlo giocare. Non me ne vogliano gli altri tifosi ma almeno capire se può dare qualcosa o no, penso lo vorremmo tutti!! SFV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. iG - 2 settimane fa

    C’è il gioco?
    Si dell’ oca

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Viola-in-rete - 2 settimane fa

    Ottima analisi, molto interessante! Aggiungo una curiosità e una riflessione: se contassimo il rapporto tra gol fatti diviso per il numero di partite fatte in A, come saremmo messi? Ho la sensazione che su questo Vlahovic sia meglio di tanti altri (pur non essendo io un fan sfegatato di Vlahovic, anzi). Questa era la curiosità, c’è mica qualche amante delle statistiche che sa ritrovare questa informazione? La riflessione, invece: e se ci concentrassimo sul rapporto tra gol fatti e minuti giocati quest’anno…sbaglio o va a finire che Montiel diventa uno degli attaccanti più prolifici, tra quelli a nostra disposizione? Siamo sicuri che non meriti una chance in più? Non dico di metterlo titolare, ma almeno una manciata di minuti, nel secondo tempo, mi piacerebbe vederlo, di tanto in tanto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Gasgas - 2 settimane fa

    Mah io di gioco ne vedo poco. Occasioni da goal idem.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy