FOCUS – Parola alla difesa, Malusci a VN: “Milenkovic intoccabile. Pezzella? Siamo al capolinea”

L’analisi sulla difesa del futuro della Fiorentina con Alberto Malusci

di Gabriele Moschini

In questo periodo di sosta forzata, Violanews.com ha deciso di fare una panoramica sulla rosa attuale della Fiorentina, analizzando i vari reparti con ex giocatori viola. Ecco, in esclusiva, la prima intervista di questa mini-rubrica ad Alberto Malusci, che analizza le potenzialità della difesa con lo sguardo proiettato al futuro di una grande Fiorentina.

In generale come valuta il livello attuale della difesa viola?
E’ difficile in questo momento di difficoltà ripercorrere un po’ il passato. In generale comunque è un’ottima difesa, sicuramente qualcosa dovrà essere sistemata visto che qualcuno partirà. In questo momento ci sono poche squadre con la difesa migliore della Fiorentina, il livello attuale la colloca tra le prime 5-6 posizioni del campionato. Con questo organico la squadra può stare tranquillamente in zona europa.

Cosa può arrivare dal mercato per far fare il salto di qualità e colmare il gap con le grandi del nostro campionato?
Per quello che ci ha fatto captare Commisso questo è stato, anche se è una brutta definizione, un anno di transizione. Dal mercato ci vogliono sicuramente degli elementi importanti già dalla prossima sessione. Il Presidente ha promesso una grande squadra e sono convinto che mattoncino dopo mattoncino sarà una Fiorentina all’altezza dei grandi palcoscenici.

Parlando un po’ di singoli: dopo la stagione altalenante di cui si è reso protagonista, confermerebbe Pezzella al centro della difesa?
E’ un calciatore che a me piace molto, ma in questo momento credo che la Fiorentina abbia progetti diversi. La situazione è al capolinea, ho la sensazione che al termine della stagione le due strade si separeranno. E’ un buon difensore e ha dato tanto per la maglia viola, ma in questo momento la società cerca altro.

Mentre parlando di Milenkovic, può diventare un top player? Di fronte a grandi offerte come si comporterebbe?
Milenkovic è un ragazzo che è veramente cresciuto tanto, dopo i due campionati da titolare inamovibile, la Fiorentina se vuole fare il salto di qualità dovrà provare a tenerlo. Affianco a lui serviranno difensori di fascia altissima, anche perchè Caceres che sicuramente darà molta esperienza all’interno dello spogliatotio, comincia ad avere un’età importante.

E sugli esterni: riscatterebbe Dalbert? Igor, invece, può essere un difensore su cui puntare per il futuro?
Per Dalbert molto dipenderà da quale sarà l’allenatore della prossima stagione e dal tipo di gioco che vorrà attuare. Nell’ipotesi di una difesa a 5 come quest’anno, Dalbert è una pedina molto importante, mentre se vuoi giocare a quattro fai fatica perchè a livello difensivo non dà le stesse garanzie. Però se dovessi prendere una decisione adesso, Sì, lo riscatterei. Igor invece è sicuramente un ottimo acquisto, perchè può giocare sia da centrale che da esterno, ma sicuramente i calciatori che fanno fare il salto di qualità sono altri.

Per concludere, in quale giocatore della rosa attuale si rivede il “Giovane” Malusci?
I giovani della Fiorentina sono venuti fuori alla ribalta alla grandissima. Castrovilli è stata una sorpresa ma la continuità che ha avuto lo rende già uno dei punti fermi della squadra. Vlahovic, Sottil sono tutti ottimi giovani di grande prospettiva. Se devo scegliere, scelgo Vlahovic. La rosa della Fiorentina è molto importante, ha giovani che si stanno affermando circondati da “anziani” che possono farli crescere nel migliore dei modi. La squadra ha buone possibilità di fare una stagione importante già dal prossimo anno.

 

Lezzerini a VN: “L’esordio in viola un’emozione difficile da dimenticare. Salah? Andava il doppio degli altri”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy