Fiorentina splendida, ma leggerina là davanti. Ecco una possibile soluzione

La Viola non può rinunciare ad un vero finalizzatore per concretizzare la grande mole di gioco che crea ogni partita

di Alessandro Bracali, @alebracali9

Lo 0-0 ottenuto contro la Juventus non ha rappresentato soltanto il primo punto del nuovo campionato, il primo dell’era Commisso: la classifica, finalmente, si è smossa e diversi sono stati gli elementi emersi al termine di una partita preparata perfettamente da Vincenzo Montella. Innanzitutto, l’equilibrio e la solidità difensiva che la squadra ha dimostrato, dopo aver subito sette reti tra Monza, Napoli e Genoa. I Campioni d’Italia hanno avuto soltanto una vera palla gol, ad una manciata di minuti dalla fine, con Khedira. In questo momento la Fiorentina non può permettersi molti fronzoli dietro e la scelta di Montella di puntare sulla difesa a tre è attualmente la soluzione ideale, anche considerando l’indole offensiva dei due terzini titolari, Lirola e Dalbert  (in particolare il brasiliano, che a tratti ieri è stato una vera e propria spina nel fianco per gli uomini di Sarri). Se a tutto questo aggiungiamo che l’Aeroplanino ha più volte affermato che non vuol rinunciare ai tre centrocampisti centrali, l’unico sistema possibile è appunto quello visto contro i bianconeri, il 3-5-2.
Gli allenatori spesso ripetono che i moduli contano fino ad un certo punto, ma se vogliamo continuare in questo giochino, prendendo in considerazione tutti questi aspetti, si può muovere un’unica critica alla squadra vista ieri: il poco peso offensivo. Questo, nonostante la sublime prestazione di Franck Ribery ed il grande lavoro di Federico Chiesa su tutto il fronte d’attacco. La Fiorentina non può prescindere da questi due giocatori, entrambi devono giocare sempre e comunque, condizione fisica del francese permettendo. Una soluzione potrebbe essere quella di allargare Chiesa sulla destra, in un ruolo che ha già fatto (e bene) sotto la gestione tecnica di Stefano Pioli, lasciando una casella libera in attacco per i due enfant-prodige Pedro/Vlahovic, oppure per Boateng. A saltare in questo caso sarebbe Lirola, un giocatore inseguito a lungo da Pradè durante il mercato e che il prossimo anno costerà non poco al club gigliato considerando il riscatto obbligatorio da versare al Sassuolo. Una provocazione? In dodici, del resto, non si può giocare. La stagione è lunghissima, tutti potranno avere lo spazio che meritano ma in questo momento la squadra ha bisogno di certezze e dei suoi giocatori più forti in campo.

La Fiorentina ha un nuovo gladiatore: benvenuto Martin!

34 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. johan14 - 1 anno fa

    Scusate, ovviamente volevo dire Alessandro Bracali, non Rialti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. andrea - 1 anno fa

    Chi chiedeva una punta nella partita di ieri guardi i cartoni animati. Se abbiamo annullato il gioco della squadra più forte d’Italia, è stato proprio perché abbiamo chiuso le loro fasce e preso pjanic appena entrava in possesso di palla. Qualsiasi altra soluzione avrebbe sicuramente coperto maggiormente la testa ma avrebbe inevitabilmente lasciato scoperti i piedi. Prima di poter aggredire la Juve cercando d’imporre il nostro gioco ci vorrà qualche anno. Bravo Montella che hai dimostrato di non essere un talebano tatticamente parlando, e bravo Pradè che in pochi giorni sei riuscito a dare una squadra completa e facilmente modificabile nei dettami tattici, partita per partita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. johan14 - 1 anno fa

      Chi pensa di vincere le partite giocando senza neanche un centravanti di ruolo vada a vedere le comiche di Stanlio e Ollio. Caro Andrea, per la prima volta mi trovo d’accordissimo con Alessandro Rialti e quindi in disaccordo con te.
      Far giocare Chiesa più largo al posto di quel nanerottolo (che presto si accomoderà in panchina, vedrete), ed inserire uno davanti a scelta tra Boateng, Vlahovic, Riganò o LeBron James (sceglilo pure te) non avrebbe alterato gli equilibri ma soltanto risposto ad un elementare principio cardine del gioco del calcio (e della vita). Ad ognuno il proprio compito. In questa squadra chi ha il compito di finalizzare? E non mi rispondere con la solita zolfa degli inserimenti da dietro, altrimenti sei te che devi andare al cinema a vedere Rocco Siffredi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Geigei - 1 anno fa

    Se s’era preso Ibra……..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. CippoViola - 1 anno fa

    Premesso che il modulo migliore resta sempre e soltanto l’indiscusso 5-5-5 della iena del Tavoliere.. considerati i discorsi di Montella sulla adattabilità dei suoi giocatori mi pare di capire che opterà per il 352 o 343 secondo le esigenze.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Outsider - 1 anno fa

    La miglior formazione tipo è non averla, avere un gruppo di 15-16 giocatori intercambiabili e capaci di adattarsi a moduli diversi. L’unica certezza ad oggi pare la difesa a 3, anche perché i nostri esterni non sono grandi difensori, vanno meglio in fase di spinta. In altre parole, adattarsi partita per partita perché oltre agli 11 di ieri, giocatori come Vlahovic, speriamo anche Pedro, Montiel, Boateng e Zurkowski debbono essere considerati titolari aggiuntivi.
    Infine, non dare certezze e diventare camaleontici crea sempre problemi agli avversari.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Axel - 1 anno fa

    Soluzione folle. Non tanto perché Chiesa perderebbe molto del suo potenziale in quella posizione ma perché si sputtanerebbe un intero mercato. Lirola fuori, Ghezzal inutile, sottil inutilizzabile. Abbiamo una squadra che deve giocare con gli esterni. Secondo me il punto fisso deve essere uno, e cioè pulgar-badelj davanti alla difesa e non pulgar mezzala. Su questo poi si potranno costruire diverse modalità di gioco. Non è vietato ripetere, in determinate gare, il 3-5-2, così come si potrebbe pensare ad un 4-2-3-1 con un Caceres messo al posto di uno dei due terzini. In assenza di Caceres potrebbe passare Milenkovic in quel ruolo. O giocare con due terzini più offensivi in determinate gare…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Up The Violets - 1 anno fa

      E beccare inevitabilmente gol dalla parte dell’altro terzino che non si chiama Caceres, sia esso Lirola o Dalbert. Il mercato (fatto senza molto criterio) è un conto, le esigenze del campo sono altre. E le esigenze del campo, confermate dalle DISUMANE difficoltà della squadra contro Monza, Napoli e Genoa soprattutto sulle fasce, ora dicono che questa squadra potrebbe avere anche trecento esterni ma dalla difesa a tre non può prescindere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. michelesozi_672 - 1 anno fa

    Difesa a tre: Milenkovic a dx, Pezzella centrale, Caceres a sx. Esterno dx Chiesa, esterno sx Dalbert. Centrocampo a tre: a dx Benassi o Zurkowsky, Pulgar centrale, Castrovilli a sx . In attacco Vlahovic o Pedro e Ribery.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. michelesozi_672 - 1 anno fa

    Difesa a tre: Milenkovic, Pezzella, Caceres. esterno dx chiesa, esterno sx dalbert. Centrocampo: Benassi o Zurkowsky a dx, Pulgar centrale, Castrovilli a sx . Punte : Vlahovic o Pedro e Ribery.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. ottone - 1 anno fa

    Boh continuate pure a dare i numeri del lotto, tanto qui il problema è sempre il solito dai tempi di Rossi Giuseppe e Kalinic prima edizione: chi fa i gol, Milenkovic? Montella non è meglio di Pioli su questo. Speriamo di aver azzeccato il fenomeno Pedro perché se no tra non molto i nodi vengono al pettine. Elogi tanti ma punti pochi. Partiamo dal fatto che Juve o non Juve ad oggi siamo terz’ultimi e vediamo di ripetere la prestazione di ieri (con gol) contro Atalanta, Samp e Milan. Poi se ne riparla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Up The Violets - 1 anno fa

    La difesa a 3 non si tocca, è l’unico modo che abbiamo per non prendere caterve di gol contro ogni avversario; il 3-4-3 sarebbe la soluzione migliore ma Montella ha già detto di non volere rinunciare ai tre centrocampisti.

    Ergo, come si scrive nell’articolo l’unica soluzione è confermare il 3-5-2, mettendo Chiesa a destra al posto di Lirola (che tanto, pur essendo un terzino, è totalmente incapace a difendere, oltre a essere inferiore in fase offensiva rispetto a Chiesa) e davanti Pedro appena sarà possibile, senza aspettare un secondo di più. Arrangiandosi con Boateng e Vlahovic finché il brasiliano non sarà pronto. Lirola potrà comunque giocare quando Ribery dovrà rifiatare, e a quel punto Chiesa verrà avanzato al posto di FR7.

    Detto ciò, credo che alla prossima rivedremo la formazione di ieri. Dopotutto, anche se si giocherà in campo neutro, sarà pur sempre l’Atalanta in trasferta e la priorità sarà quella di evitare una sconfitta che cancellerebbe quasi tutto ciò che di buono si è visto ieri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alessandro Bracali - 1 anno fa

      d’accordo in tutto, saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Axel - 1 anno fa

        Non è la difesa a tre che ti ha aiutato a mettere sotto la juve ma il sopravvento preso a centrocampo. Puoi giocare anche con 10 difensori, se il centrocampo non filtra sei destinato a perdere. Nel 3-4-3 immagino tu non intenda togliere Castrovilli, o sbaglio? Il solo Pulgar dovrebbe reggere l’impatto del centrocampo avversario? Castrovilli è fortissimo, ma è un trequartista che sta modificando il suo ruolo. A livello di copertura, pur correndo moltissimo, è carente.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Up The Violets - 1 anno fa

          Sbagliato.

          Il centrocampo è lo stesso delle altre partite. Nelle quali invece era stato più o meno brutalmente sopraffatto da quelli avversari, perfino da quello del Monza. La differenza l’hanno fatta, nell’ordine:

          1) l’assetto tattico. Giocare a tre permette ai laterali di difesa, nella fattispecie Milenkovic e Caceres, di essere aiutati dai raddoppi difensivi di Lirola e Dalbert e a loro volta di supportare la spinta offensiva dei due esterni a tutta fascia, coprendoli e mascherando così le loro lacune difensive. Cosa che il centrocampo, tanto nelle persone delle due ali (poco propense ai rientri difensivi) tanto in quelle dei due mediani, assai poco dinamici, NON era mai riuscito a fare, nelle circostanze precedenti.
          2) CACERES. Spero non ti siano sfuggiti i contorni tattici e soprattutto caratteriali della partita giocata dall’uruguaiano, nel caso ti consiglio di riguardarla con maggiore attenzione perché sono stati veramente importanti. Così come invece ti sconsiglio di levarlo dall’undici titolare, a meno che tu non voglia ribeccare la valanga di gol stupidi che hai preso tra Monza, Napoli e Genoa. Anche perché, al di là della duttilità, dell’esperienza e del carattere, l’uruguaiano è nettamente il nostro miglior difensore, molto più dei vari Milenkovic e Pezzella che negli ultimi mesi di partite ne hanno mandate diverse a gallina per loro errori, nazionali comprese.

          Nell’ipotesi di 3-4-3 palesemente sarebbe Badelj a lasciare il posto a Castrovilli (e qua mi duole sottolineare che sei rimasto un po’ indietro, dacché Castrovilli già nella Primavera del Bari faceva la mezz’ala a tutti gli effetti). Il regista, Pulgar, lo avresti ugualmente, grazie ai tanti doppioni comprati un po’ a caso da Pradè, e avresti una linea di centrocampo ugualmente tecnica ma molto più dinamica e aggressiva, soprattutto se supportata dai due esterni di centrocampo a formare una vera e propria linea a quattro a ulteriore protezione dei tre centrali.

          In ogni caso è ovvio che si stia parlando del sesso degli angeli, se è vero che chi effettivamente allena la Fiorentina non è intenzionato ad abbandonare la formula a tre centrocampisti. Ma pensare, soprattutto dopo ieri sera, di rinunciare alla difesa a tre quando hai seicento centrali (uno dei quali si chiama Caceres, specialista di questo modulo) e una serie di terzini tendenzialmente incapaci a difendere sarebbe una bestemmia calcistica di proporzioni disumane anche rimanendo nell’alveo di un semplice discorso fra tifosi medi. Finché rimaniamo ai tavolini del bar sport va tutto bene, ma spero che Montella non cada in quest’errore che sarebbe a dir poco madornale.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. alessandrot - 1 anno fa

    Dragowsky

    Milenkovic Pezzella caceres

    Lirola badelj ribery
    Castrovilli pulgar

    Pedro chiesa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Up The Violets - 1 anno fa

      Pulgar terzino sinistro, certo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. alessandrot - 1 anno fa

      Dragowsky

      Milenkovic Pezzella caceres

      Lirola Castrovilli badelj pulgar ribery

      Pedro chiesa

      Lirola e ribery larghi a centrocampo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Up The Violets - 1 anno fa

        Peggio mi sento.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. alessandrot - 1 anno fa

          Vedremo…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Up The Violets - 1 anno fa

            No, questa roba qua speriamo davvero di non vederla mai.

            Mi piace Non mi piace
  12. Gian - 1 anno fa

    Soddisfazione per non aver perso contro la più forte, ma io avrei voluto vedere in campo una punta centrale. Tante mezze occasioni ma nessuna parata miracolosa da parte del gobbo. Chiesa è un tuttofare, tranne che far goal. L’occasione più chiara è stata su rimpallo. Per esempio, l’Atalanta oggi ha giocato con Zapata, Ilicic, Papu e Muriel.
    Confido … nell’aeroplanino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Elmauri - 1 anno fa

    E con il 352 cosa ce ne facciamo di tutti quegli esterni offensivi? Torno a ripetere: se il modulo base prevedeva una difesa a 4, perché è stato fatto un mercato simile? Siamo incompleti sia per giocare a 4 che a 5. Terzini che non difendono, esterni offensivi a iosa, pochi difensori centrali affidabili… che confusione, caro Pradé! Una soluzione potrebbe essere giocare a 3:e mezzo dietro con Caceres terzino bloccato (a destra con Dalbert in campo o a sinistra con Lirola titolare), i tre a centrocampo e davanti Chiesa, Pedro e Frank…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. ilRegistrato - 1 anno fa

    VA bene bellissima Fiorentina ieri, va bene l’ottimo punto contro un avversario che non ne lascera’ tanti per strada, e davvero un bel viatico per il morale questo pareggio. Zero punti dopo tre partite, sebbene dopo aver giocato con le due migliori squadre del campionato, qualche strascico l’avrebbero lasciato. Da domani pero’ basta, la stagione e’ appena all’inizio e contro l’Atalanta bisognerebbe non fare il passo del gambero come la Fiorentina ha fatto contro il Genoa. Dunque concentrazione, lavoro, e dare tutto in campo come Ribery insegna. A fine ottobre faremo un primo bilancio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Violaviola - 1 anno fa

    Ecco anche io l’avrei definita così, splendida

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Lusoviola - 1 anno fa

    Salve, ieri ho fatto i complimenti a tutti x il punto fatto e lo confermo, sulla critica x non averla provata a vincere io lá vedo che Ribéry ieri é stato molto disciplinato tatticamente, quando é entrato boateng si é persa lá disciplina in quella zona senza guadagnare in pericolositá, infatti lá juve, che stava subendo e molto, si é ripresa e anche con entrata di cuadrado, sopratutto a destra é diventata pericolosa, ora non só quanto Vlahovic sia capace di applicarsi in fase”di contenimento” ma la domanda resta questa: dall’ uscita obbligata di Ribéry lá scelta sua Vlahovic si poteva fare, boateng non ha portato copertura ne pericolo, e Vlahovic? Resta questo il dubbio se Montella abbia fatto tutto giusto o no.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. vecchio briga - 1 anno fa

    Io mi farei meno problemi e giocherei con due punte classiche, centravanti e seconda punta, a seconda di chi sta meglio. Ribery di certo non le giocherà tutte, ma in alcuni casi potrebbe essere letale entrando a partita in corso. Chiesa comunque non è ancora lui..ci sono Pedro e Vlahovic, c’è Sottil.. Troviamo lo schema più equilibrato e poi ci sarà spazio per tutti..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. ginox - 1 anno fa

    5-5-5 e siamo perfetti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. fiorenzosacc_8838853 - 1 anno fa

    3-4-3 Dragowsky; Milenkovic, Pezzella, Caceres; Lirola; Pulgar, Castrovilli, Dalbert; Chiesa, Boateng, Ribery.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fiorenzosacc_8838853 - 1 anno fa

      25 commenti negativi. sarei curioso di saper il perché.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Ottavio - 1 anno fa

        …..mi sa che non gli piace Boateng.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. davidebaso@gmail.com - 1 anno fa

    Montella sembra già aver capito una cosa poco chiara a Pioli o a Sarri: un giocatore, anche se bravo non deve per forza giocare 36 partite ogni campionato, può aiutare parecchio anche con 27 o 25 partite, se la tua panchina è all’altezza (la nostra lo è qiluest’anno) si ottiene anche imprevedibilità nel gioco. Se Montella farà un grande lavoro quest’anno abbiamo la potenzialità di fare molto bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. 29agosto1926 - 1 anno fa

    Caro amico giornalista la soluzione più probabile è congeniale è il 3.4.3. In quanto a essere leggeri a davanti con la Juve doveva giocare così da domenica si cambia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. The Count of Tuscany - 1 anno fa

      non ci si muove dai 3 centrocampisti , lo ha detto montella. Quindi se vogliamo giocare con un centravanti ( come sarebbe normale , visto che non siamo il barcellona ) o salta lirola , o dalbert o Caceres. Si possono fare tutti i giri di parole che vogliamo , ma poi si gioca in 11, e io purtroppo lo avevo previsto che l’acquisto di Lirola avrebbe creato problemi. Se adesso troviamo l’equilibrio con Chiesa laterale destro alla Cuadrado , Lirola diventa un esubero o al massimo la sua riserva. Non può certo fare il sostituto di Milenkovic.
      Non so se ieri qualcuno ha colto le parole di Montella ( .. a FINE mercato ho deciso di passare alla difesa a 3.. ) , nella squadra con la difesa a 3 non esiste il terzino destro e non ci sono le ali , e noi abbiamo speso 15 per il terzino destro e sulle ali abbiamo giocatori importanti da non snaturare ( ribery chiesa sottil montiel ghezzal )

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy