Di Michele a VN: “Gioco viola ideale per Simeone, non mi aspettavo che andasse in difficoltà. Sabato…”

Abbiamo parlato in esclusiva con David Di Michele, ex attaccante del Torino, prima della gara contro i granata

di Iacopo Nathan

Visto il momento di crisi per gli attaccanti di viola, abbiamo deciso di farci raccontare il punto di vista di David Di Michele, ex capitano e attaccante del Torino, anche in vista della prossima gara di campionato contro i granata.

Signor Di Michele, Torino e Fiorentina arrivano da due pareggi, come si presentano alla prossima sfida?

Sicuramente il Torino ha più da rammaricarsi per il risultato dell’ ultimo turno, sprecando un doppio vantaggio importante. La Fiorentina ha fatto una buona partita contro il Cagliari, anche se i sardi hanno avuto la possibilità di portarsi a casa il bottino intero, con quella grande parata di piede di Lafont che ha salvato i viola. Torino e Fiorentina sono due squadre che giocano molto bene a calcio, potrebbe essere una grande partita, anche se la classifica di entrambe le squadre è un po’ in deficit.

Un altro paragone tra le due squadre è relativo al momento difficile di Simeone e Belotti, come se lo spiega?

Simeone corre tanto e crea molte occasioni, spesso però questa grande produzione lo porta ad arrivare sotto porta stanco o meno lucido di come dovrebbe essere. Capita agli attaccanti di avere dei momenti di appannamento, in cui la palla non entra, anche se prima o poi il gol arriva. Belotti è nella stessa situazione, il Torino avrebbe bisogno di lui per fare la differenza, ma non sta riuscendo a sbloccarsi, e visti anche i risultati non brillanti, la squadra ne risente molto. 

Concentriamoci su Simeone, il gioco di Pioli può favorire l’attaccante a trovare la via del gol?

Il sistema della Fiorentina credo sia ideale per il gioco di Simeone. Accanto ha Chiesa, che è un grande giocatore, capace di servire ottimi palloni, può fare e far fare tanti gol. Inoltre anche Biraghi è una grande risorsa per l’attacco viola, visto che crossa benissimo. Simeone sta vivendo delle difficoltà che nessuno si aspettava, nemmeno lui probabilmente, l’importante in queste situazioni è continuare ad essere concentrati e lavorare tanto. Il Cholito ha preso da suo padre, non mi sembra uno che si arrende facilmente, mantenendo la giusta mentalità, prima o poi il gol arriva.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ivo - 2 anni fa

    Il lancio lungo è uno schema ottimale per un centravanti di 1 metro e 70?
    Poi Torino e Fiorentina il bel gioco lo vedono in tv, di certo non lo praticano. Ma questo ci è o ci fa?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy