Tre squadre di Serie A su Saponara: Corvino gli ha comunicato la cessione

Tre squadre di Serie A su Saponara: Corvino gli ha comunicato la cessione

Potrebbe concludersi a breve l’avventura di Saponara alla Fiorentina

di Redazione VN

Dovrebbe essere lontano da Firenze il futuro di Riccardo Saponara. Colpa, soprattutto, del 4-3-3 scelto da Pioli, modulo che non si addice alle caratteristiche dell’ex Empoli. All’interesse di Parma e Udinese, si è aggiunto anche quello della Sampdoria. Come scrive sampnews24.com, non c’è alcuna trattativa in essere perché la dirigenza blucerchiata desidera considerare ogni alternativa, ma strappare Saponara alla Fiorentina significa stipulare un accordo sulla base del prestito con diritto di riscatto a 9 milioni di euro, cifra versata nelle casse dell’Empoli. Inoltre, il classe ’91 trova riscontri positivi in Marco Giampaolo dopo l’esperienza vissuta insieme proprio in Toscana. Pantaleo Corvino, si legge sempre sul portale, gli ha già comunicato la decisione della cessione.

vnconsiglia1-e1510555251366

Pedullà: “Pessimismo su Pjaca e Pasalic non è notizia di oggi. Defrel? Ecco quanto costa”

 

 

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bitterbirds - 1 anno fa

    visto che anche le tartarughe giù in giardino conoscono la situazione viola c’è da aspettarsi un bell’incasso. non più contanti, non più cambiali ma soltanto un laconico “si vedrà”. d’altra parte abbiamo fatto scuola anche in tema di finanza creativa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Up The Violets - 1 anno fa

    Tutto giusto, non prendiamo nemmeno una lira dall’unico nostro esubero che potrebbe valere ancora due spicci. Poi se un Pasalic qualsiasi ci viene fregato da un’Atalanta qualsiasi (cosa che su altri siti danno già per ufficiosa, in attesa solo del comunicato) perché noi NONNO abbiamo il becco di un quattrino in tasca si può sempre dare la colpa ai mancati investimenti dei braccini, come se questa fosse una novità.

    Ah, questo Corvino, che fine stratega. Sono davvero curioso di sapere, al termine di questo che si preannuncia come l’ennesimo mercato disastroso della sua carriera, quali saranno le nuove motivazioni che il sempre più esiguo ma pervicace manipolo di suoi adepti addurrà per chiederne la conferma almeno fino a gennaio. Ché giustamente c’è da assicurarsi di leggere la targa in classifica alla poderosa Atalanta per il terzo anno di fila.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. vecchio briga - 1 anno fa

    Saponara è il classico giocatore da Sampdoria. Sono sicuro che lì farebbe bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Kewell - 1 anno fa

    Ma come diritto? piuttosto facciamo 5 ma intaschiamo subito che se poi vedono come gioca ce lo rimandano indietro e non si becca un euro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prof - 1 anno fa

      Per me invece era giusto puntare su di lui, e il grande Mister Pioli (che se non moriva Astori si rischiava di andare in B) vedremo con i suoi schemi tipo l’anno scorso che fine ci fa fare!
      Se non glieli cambi ala società gli schemi a metà anno ciccio tu ci portavi giù! Vaia vaia!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Sblinda - 1 anno fa

        Quindi alla fine dovremo ringraziare Astori per essere morto?
        Allucinante come il cervello di alcuni si avvicini alla materia per concimare la terra.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Lollo26 - 1 anno fa

    Ma i della valle invece quando lo danno l’addio? Se non si presentano in ritiro nemmeno quest’anno spero presto!
    È due anni non si vedono in ritiro, penso si sia l’unica società in A che ha un presidente che non ha tempo di fare visita alla squadra nemmeno 1 giorno in due anni.
    Ma poi almeno parlassero, comunicazione 0.
    Meno male c’e Mencucci ogni tanto che rassicura che sono sempre in contatto e ci tengono tantissimo! Perché sennò ci verrebbe il dubbio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dellone68 - 1 anno fa

      Lollo, se mi permetti ti dico come la penso io. Altro che dubbio! La Fiorentina è una società “commissariata” o se vuoi anche in “liquidazione”. I proprietari, ai propri dipendenti apicali (Cognigni e Corvino, gli altri non contano e non sanno nulla) hanno già manifestato il totale disimpegno dalla società Fiorentina. Ed il loro disimpegno si ripercuote inevitabilmente a cascata su tutto quello che ha a che vedere con il mondo Fiorentina ed addetti ai lavori. Tradotto: i procuratori sanno che i giocatori buoni non possono andare alla Fiorentina, sanno che la società è in vendita, sanno che i Della Valle ormai sono soggetti misteriosi e che non si interessano più della squadra, sanno che il progetto tecnico è in totale dismissione, sanno soprattutto che una proprietà fantasma non può essere presa in seria considerazione, nonostante gli sforzi che alcuni dirigenti, indubbiamente, cercano di fare. La Fiorentina, per gli addetti al mercato, è ormai una società di terza fascia, neanche di seconda. La terza fascia è quella in cui sono destinate le squadre senza alcuna ambizione e che lavorano tanto per restare nel massimo campionato. In una situazione come questa dobbiamo ringraziare buoni allenatori come Pioli, che stanno comunque qua, ed i giovani prospetti che vengono alla Fiorentina solo ed esclusivamente per la storia passata e recente. Ben sapendo che vengono qua solo per fare l’eventuale salto in altre società. In una situazione come questa nessun operatore serio può darti giocatori di media qualità (media qualità, non alta come riusciremmo ad avere in una gestione ordinaria in una piazza come questa. Chiedere a De Laurentiis, a Lotito, a tutti quelli che lavorano nelle rispettive società e credono in quello che fanno). Questa è la Fiorentina oggi, questo il nostro futuro prossimo, almeno fino a che non accada qualche evento ad oggi inimmaginabile, quale la cessione della Fiorentina a terzi.
      A proposito di Corvino: non perde tempo a comunicare le “cessioni”…ahhahahah mi viene da sorridere. Questa è l’unica cosa che sa fare. Vendere. Acquistare? Si certo, solo prospetti da Virtus Casarano o da stati balcanici. Se non ci fosse Freitas non saprebbe neppure dove sta l’Europa Occidentale che, mi risulta, abbia dei buoni campionati professionistici.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy