La duttilità di Gerson al servizio di Pioli. Ma dove potrebbe giocare?

La duttilità di Gerson al servizio di Pioli. Ma dove potrebbe giocare?

In attesa dell’esterno sinistro titolare e del mediano che possa far tornare Veretout al suo ruolo originario, la Fiorentina scommette sulla polivalenza di Gerson

di Simone Torricini, @TorriciniSimone

È il nome più caldo, il primo degli innesti imminenti anticipati ieri mattina da Andrea Della Valle. Ex Fluminense e soprattutto Roma, che nell’estate del 2015 investì su di lui 16 milioni di euro quando non era ancora maggiorenne, Gerson è ad un passo dal vestire la maglia della Fiorentina. Lo hanno confermato in mattinata sia Di Marzio che Pedullà, a seguito di una indiscrezione rilanciata anche su queste pagine. Brasiliano di Rio de Janeiro, classe ’97, nell’ultima stagione con la maglia della Roma ha disputato 31 partite tra Serie A (24), Champions (6) e Coppa Italia (1), segnando le uniche due reti a Firenze ad inizio novembre. La formula sarà con tutta probabilità quella del prestito con diritto di riscatto.

Con Pasalic che pare ormai sfumato e Pjaca su cui aleggiano più ombre che schiarite, Gerson si candida ad innesto “bifunzionale” in grado di sopperire, potenzialmente, ad entrambe le caselle lasciate ad ora scoperte dai croati. Stando a quanto riferisce la Fiorentina, infatti, il brasiliano arriverebbe con l’etichetta di giocatore duttile, in grado – a differenza di Pasalic ed in parte di Pjaca – di ricoprire più di un ruolo nel 4-3-3 di Pioli. Proprio l’allenatore avrebbe espresso il suo gradimento per Gerson nella doppia veste di mezzala e di ala destra, le due posizioni che lo hanno visto maggiormente coinvolto durante la scorsa stagione. Il passo non è quello di chi è avvezzo agli uno-contro-uno e i numeri non sono incoraggianti neanche in termini di gol (appena quattro in carriera), ma da Roma viene descritto come un giocatore intelligente, ordinato, “di manovra” e con un buon piede.

Premessa l’evidenza, ossia che dovranno seguire almeno altri due innesti tra centrocampo ed esterni offensivi, la Fiorentina ha optato per mettersi in casa un giocatore duttile e le cui caratteristiche tecniche rappresentano un inedito nella rosa di Pioli. Rispetto a quelli di Benassi e Dabo, ma anche di Veretout, nel background di Gerson ha maggior peso il fattore precisione. In un’intervista a L’Ultimo Uomo di qualche tempo fa disse di guardare con grande ammirazione Nainggolan, («Spero di potermi avvvicinare a quel tipo di giocatore»), parole che suggeriscono verso quale posizione del campo sia orientato. In ogni caso, se la stagione iniziasse domani, sarebbe tanto il vice-Chiesa quanto il suo opposto quanto, ancora, un serio concorrente per Benassi e Dabo.

vnconsiglia1-e1510555251366

Calamai: “Gerson sarà un’alternativa. Su Pasalic non è ancora finita. Vlahovic…”

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Il Viola di Gallipoli - 2 anni fa

    Non dico che non ci sia materiale sul quale lavorare e che non possa diventare forte, ma questo ragazzo avrebbe bisogno di giocare con continuità, non può fare l’alternativa a Chiesa, difficilmente funzionerebbe.

    Anche a voler spostare Federico sulla sinistra, mettendo lui a destra, non so quante certezze garantirebbe.

    A mio parere non credo possa essere utile alla squadra o, quantomeno, non è il calciatore che ci serve in questo momento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. the.answer8_941 - 2 anni fa

    All’Atalanta, ecco dove giocherà. Tanto se si vogliono noi, li pigliano loro

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy