Di Gennaro: “Balotelli? Non è più lui da sei anni, prenderei Inglese. Milan in difficoltà”

Di Gennaro: “Balotelli? Non è più lui da sei anni, prenderei Inglese. Milan in difficoltà”

L’ex viola Di Gennaro su Milan-Fiorentina e sulla suggestione Balotelli

di Redazione VN

Antonio Di Gennaro, ex Fiorentina e Milan, ha parlato a Lady Radio:

Milan-Fiorentina? L’ambiente a Milano non è dei migliori, anche vista l’uscita dall’Europa League, visto i tanti giocatori non a disposizione di Gattuso. Anche Higuain non sta attraversando un periodo magnifico, in più c’è anche la questione con l’Uefa: insomma non proprio un periodo roseo per i rossoneri. La Fiorentina ha bisogno di trovare consistenza in trasferta: una prestazione importante o un risultato importante potrebbe cambiare la stagione; credo che sia una test veramente determinante per la Fiorentina di Pioli. Andare a giocare contro queste grandi squadre e in questi grandi stadi è veramente un grande stimolo. Mirallas? Si è dimostrato un vero professionista, ha aspettato in panchina e poi ha fatto le prestazioni. Pjaca purtroppo deve lasciare spazio, nonostante il suo grande talento. Pioli ha proposto una finta difesa a tre, con Biraghi che si sgancia sul fondo. Mirallas così ovviamente si accentra e si propone maggiormente in area, dando sostegno a Simeone. A Milano puoi andare a fare una bella gara, anche alla luce dei tre gol a Sassuolo e i tre gol all’Empoli. Sabato io ci conto su una prestazione importante. Il Milan ha dei punti deboli che hanno notato tutti, ma attenzione all’orgoglio e al senso di appartenenza di Gattuso. La Fiorentina deve approfittare delle difficoltà del Milan: il centrocampo dei rossoneri sarà deficitario; la Viola se avrà spazio potrà essere veramente pericolosa. Mercato? Balotelli è dal 2012 che non è più lui: è una suggestione che non tiene, anche sul piano economico. Uno come Inglese non sarebbe male per la Fiorentina. Serve un esterno che faccia gol, Sansone è un giocatore interessante, anche se forse serve qualcuno più fisico in quella zona del campo. Simeone ha bisogno di una strigliata, magari proprio di un sano antagonismo: è per quello che prenderei un attaccante vero. Bisogna capire anche che cosa vuole la società viola e che obiettivi vuole raggiungere: vedendo le difficoltà che hanno anche le altre squadre di A, con quattro acquisti cambieresti molte prospettive per questa stagione…

Violanews consiglia

Una forza rossonera a Firenze: dai figli di Thereau e Mirallas a… quel ragazzino di nome Nikola!

Sindaco Campi: “In un anno potremmo mettere la prima pietra, il comune è molto contento”

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. nisci - 12 mesi fa

    Ma qualcuno che ricordasse ai milanisti che adesso possono guardarsi don matteo in Tv c’è?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Antani - 12 mesi fa

    Anche solo con due giocatori neanche quattro si potrebbe fare un bel salto, ma credo che i DV non abbiano tale aspirazione purtroppo. Un regista e una punta e sarebbe tanta roba. Pjaca è cmq da aspettare il suo è un problema di testa e riadattamento cervello corpo dopo brutti infortuni ci vuole un po’ di tempo e si può sbloccare da un momento all’altro. Penso che la concorrenza gli farà bene anche da questo punto di vista.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Antani - 12 mesi fa

    Grande Antonio uno dei più lucidi e competenti commentatori di calcio. Mai sopra le righe e sempre spunti interessanti di analisi. Non fa troppo parlare la gente quindi in questo mondo di social non viene apprezzato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy