Cutrone si avvicina: si aspetta la cessione di Pedro

Cutrone si avvicina: si aspetta la cessione di Pedro

Prestito (oneroso) fino a giugno e riscatto obbligatorio all’inizio della prossima stagione per un totale di 15 milioni: dovrebbe essere questo l’accordo per Cutrone

di Redazione VN

Oltre che sul campo, La Nazione si concentra anche sul mercato. Capitolo attaccante. L’accordo per Patrick Cutrone (SCHEDA) avrebbe già dei paletti ben definiti: prestito (oneroso) fino a giugno e riscatto obbligatorio all’inizio della prossima stagione per un totale di 15 milioni. Il Wolver potrebbe provare a rialzare la cifra e portarla vicino ai 17 milioni e la Fiorentina, forse proprio per evitare di correre questo rischio, ha fatto sapere di essere comunque nella scia di altri giocatori per il reparto offensivo e che comunque, anche il sì definitivo a Cutrone non potrà arrivare prima del via libera alla cessione di Pedro. Oggi o domani, comunque, le parti torneranno a mettersi in contatto e nel gioco degli incastri di queste ore, sbloccandosi il passaggio di Cutrone, la Fiorentina dovrebbe accendere i riflettori anche su altre situazioni di mercato, come appunto il futuro di Pedro e verificare se esiste la possibilità che accanto alla punta che ex Milan che tornerà in Italia, rimangono percorribili altre manovre per il reparto. Petagna (Spal), Borini (Milan) e Zaza (Torino) sono giocatori sui quali Pradè si è diretto nelle settimane scorse e qualcosa (assolutamente a sorpresa) potrebbe accadere.

Calciomercato invernale – La lista aggiornata delle operazioni concluse in Serie A

Cutrone, la formula e le cifre del possibile trasferimento. Gli ultimi aggiornamenti

22 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Niko74 - 2 mesi fa

    È strano che un presidente puntualizzi pubblicamente come il DS deve procedere all’acquisto dei calciatori. Si vede che per via ordinaria le sue indicazioni sono state più volte disattese. Questa sessione di mercato ci dirà molto sulle reali intenzioni di Commisso e sulle capacità di di Pradè.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Andy82 - 2 mesi fa

    Pedro probabilmente e’ rotto. Non c’e’ altra spiegazione per una situazione del genere. Simile a quando Pepito recuperava dall’ ultimo infortunio. Non era ufficialmente “infortunato”, ma i medici sapevano che poteva saltargli il ginocchio da un momento all altro. Quello che e’ strano e’ che ci sia la fila per prenderlo. Non sarei piu di tanto sorpreso se lo vendessero e non passasse le visite mediche.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. 29agosto1926 - 2 mesi fa

    Io altero quando sento dire da altri tifosi che siamo troppo critici verso questa situazione. Sinceramente non riesco a capire come non potremmo esserlo, cosa c’è che ci può far pensare che qualcosa, in questa situazione, va bene e, se qualcuno lo vede o riesce ad individuare una sola cosa che è stata indovinata ce lo faccia sapere che ne abbiamo anche bisogno.
    Si potrebbe stare qui a descrivere tante ma tante scelleratezze che sono state fatte e nessuna cosa buona (Lasciamo stare il centro sportivo che con la classifica non c’entra niente).
    Sono anche d’accordo nell’assolvere Rocco da tante responsabilità che, invece, qualcuno, sta cominciando ad attribuirgli perché ci sono troppe componenti ambientali che lo fanno assolvere da queste responsabilità. E’ tutto vero, diamo tempo alla persona, abbiamo pazienza ma una cosa Rocco la deve aver intravista ed è la necessità di circondarsi di UOMINI DI CALCIO non di figure che sono brave persone o erano stati grandi giocatori ma di calcio non capiscono un tubo.
    Rocco deve capire che per costruire qualcosa ci vogliono buone fondamenta e che queste vanno gettate prima dei muri e del tetto ed invece, anche adesso, stiamo cercando di fare il tetto senza avere le mura.
    Bisogna RIVOLUZIONARE TUTTO in società altrimenti ritorniamo all’era Cognini-Corvino con l’aggravante che, questa volta, sembra, che non ci sia autofinanziamento (anche se pero ora siamo andati avanti in questa maniera).
    Io spero di salvarci e se così fosse dalla prossima stagione bisogna fare le cose sul serio altrimenti, caro Presidente, l’entusiasmo, la simpatia, la passione non basteranno più!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. pamarell_193 - 2 mesi fa

    È la nazione, sveglia!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Xela - 2 mesi fa

    Cutrone, ottimo giocatore da area piccola… il problema è che noi un ci s’avvicina nemmeno a quella grande!

    La vicenda Pedro però è davvero inquietante. Considerato fenomeno da tutti tranne che da noi. Capisco che loro vedano gli allenamenti ma ci sono giocatori che hanno bisogno delle motivazioni per giocare bene. Se non scende mai in campo come fa a motivarsi? Almeno 2-3 partite da titolare per capire cosa è… Invece nulla. incredibile!

    Sinceramente continuo a pensare che la rosa valga molto di più di quello che dimostra però non riesco veramente a capire cosa ci sia che non funzioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Niko74 - 2 mesi fa

      Secondo me il problema sono i giocatori che non vanno bene per i moduli 352 e 433. Per il 352 ci manca il quinto di centrocampo a sx e una vera seconda punta. Chiesa potrebbe fare l’esterno a sx ma poi bisogna prendere una seconda punta vera. Con il 433 ci mancano due terzini decenti. In entrambi i casi ci manca un regista capace e una mezz’ala a destra. È una squadra incompleta e fatta male. E poi tecnicamente alcuni giocatori sono mediocri, vedi Dalbert.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. giusetex7_9905901 - 2 mesi fa

      A mio parere la squadra in versione titolare vista tra la terza e la settima giornata vale dal settimo al decimo posto in classifica. Con ribery a pieno servizio, chiesa senza broncio e badelj in versione partita contro il Milan. Al netto della mancanza di un attaccante di esperienza, di terzini che sappiano difendere, di centrali difensivi che sappiano impostare e di un’incompatibilita’ evidente nel centrocampo. Abbiamo giocato alla pari di juve, Napoli ed Atalanta e meglio del Milan dunque lo si può fare. Appena manca qualcuno, in particolar modo ribery che è l’unico che può dare fantasia, allora è buio ed emergono i difetti. Con alcune riserve giovani entrati in una spirale emotiva negativa è difficile uscirne. Le barricate viste ieri non penso siano la soluzione ai nostri problemi. A livello di mercato la gestione degli attaccanti è di Pedro in particolare mi pare rappresenti la nota stonata più grossa. Prendere un crack destinato al Real Madrid e non dargli tempo vorrebbe dire non credere alle scelte fatte. Anche in questo caso Cutrone non mi pare possa essere la soluzione. Mi ricorda un po’ la sostituzione di pepito rossi dopo l’infortunio con matri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Luca50 - 2 mesi fa

    Cutrone si avvicina? Capperi, che colpo!!!
    Solo dopo aver venduto Pedro? Controcapperi, altra grande notizia!!!
    Nel mercato di gennaio difficile trovare squadre che ti cedano giocatori validi che servano a loro e convincere buoni giocatori a venire in una squadra che rischia la retrocessione (non di vincere qualcosa) ma se siamo ridotti a dover far cassa con Pedro per prendere Cutrone siamo messi proprio male.
    Se Rocco vuole spendere (cosa di cui ormai dubito assai assai) e non vuole giocatori per solo sei mesi, provi a comperare un paio di giocatori esperti e validi in Europa (un attaccante che realizzi molto e un centrocampista di qualità, tipo Berge ad esempio) che potrebbero essere anche degli investimenbti e un paio di giocatori dello stesso ruolo ma collaudati in Italia (tipo Cutrone), utili nel caso i primi abbiano problemi di adattamento.
    Ma considerare Cutrone sia la soluzione al problema dell’attacco sia un investimento per il futuro significa, a mio parere, rischiare forte, volare basso (anche per le aspirazioni future) e spendere tanto in cambio di poco.
    Prendere Cutrone con “obbligo” di riscatto e “vendere” Pedro mi sembrano altre due scelte scellerate. Il primo sarebbe solo una scommessa da verificare e quindi da prendere con “diritto” di riscatto e il secondo da mandare in prestito in Italia o in Europa.
    Venderlo senza averlo mai provato è autolesionistico e certifica sia che Pradè è da cacciare sia che abbiamo necessità di incassare per poter fare acquisti (e non certo di qualità). Ergo: money is a “big” problem.
    Servono fatti e non parole, altrimenti la credibilità evapora come nebbia al sole.
    Rocco serve sincerità perchè l’entusiasmo fa presto a trasformarsi in rabbia!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Burlamacchi - 2 mesi fa

      Non va mai bene nulla. Capperi che “tifoso”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. bati - 2 mesi fa

    Borini è totalmente diverso per caratteristiche agli altri due che sono simili. Figurine Panini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. bitterbirds - 2 mesi fa

    ma è mai possibile che tutti gli anni si debba arrivare a gennaio con l’acqua alla gola per rimediare a una squadra costruita male, non sarà per caso che nel viale fanti fa buca ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Up The Violets - 2 mesi fa

    Ma sì, aspettiamo pure, che tanto il calendario delle prossime è OKKEY e la squadra ancora di più…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Burlamacchi - 2 mesi fa

    Mah. Mi sembra strano.
    Pedro non ha fatto bene, ma non ha avuto neanchè grandi chances. Quanti minuti ha giocato? Non può esser giudicato su pochi scampoli di partita.
    Per me avrebbe più senso un prestito e mi auguro sia così.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Cosimo de' Medici - 2 mesi fa

    “Abbiamo risorse illimitate”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Barsineee - 2 mesi fa

    Oggi si torna a lavorare quindi pochi fronzoli per il calcio ma … Pedro è arrivato dopo la cessione di Simeone (prestito con OBBLIGO anche se qua tanti dicono diritto), Lirola è arrivato dopo aver ceduto Hugo, Pulgar dopo la cessione di Veretout. Forse d’estate non c’era stato il tempo di immettere nuova liquidità nella viola ma adesso? Si aspetta di vendere per comprare? Quindi il nuovo centrocampista arriverà con i soldi di Dabo e Cristoforo? Money is not a problem mi sembra come quelle persone che dicono che non hanno paura di nulla e poi sono le prime che scappano di fronte ad ogni problema. Happy transfer market to everyone!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. redellamaratona - 2 mesi fa

    Ma cosa si aspetta?Il solito Prade mai deciso,mai sicuro se vuoi qualcuno e hai, come dice Rocco, disponibilità lo compri e basta.A Luglio sempre così ha aspettato di vendere Simeone per acquistare Pedro all’ultimo tuffo,non prendendo Cutrone o altre opportunità sul mercato.Ragiona da provinciale,prima vendere è poi comprare gli scarti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. violasplendor - 2 mesi fa

      La disponibilità è un problema. Il sospetto che dietro l’acquisto della Fiorentina si celi un tentativo di speculazione immobiliare o qualche magheggio finanziario è sempre più forte.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. folder - 2 mesi fa

    Ora l’incompetente capo cercherebbe anche Borini:un c’è che dire…azz……che
    squadra mercato!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. massilotti - 2 mesi fa

    Money is not a problem…. only a big concern

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Staffa - 2 mesi fa

    ma siamo sicuri che questo commisso non abbia una maschera alla mission impossible e sotto un ci sia uno dei DV???? perche se si deve aspettare di vendere x comprare allora unnè cambiato nulla…e non parlatemi di fairplay finanziario vi prego…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Powerfons - 2 mesi fa

      Ahahahah fantastica questa!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Violante - 2 mesi fa

    Ditemi che è uno scherzo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy