Tottenham, la denuncia di Rose: “Non vedo l’ora di lasciare il calcio per il razzismo”

Tottenham, la denuncia di Rose: “Non vedo l’ora di lasciare il calcio per il razzismo”

Il calciatore è stato vittima di un episodio razzista durante la gara tra Montenegro e Inghilterra della scorsa settimana

di Redazione VN

«Ne ho davvero avuto abbastanza e tutto quello a cui penso adesso è che mi restano ancora cinque o sei anni nel calcio e non vedo l’ora di arrivare alla fine. Vedendo come vanno attualmente le cose e tutta la politica che c’è all’interno del calcio, voglio solo uscirne». Parola di Danny Rose, giocatore del Tottenham e della Nazionale inglese che, in un’intervista al Mirror, ha sbottato contro il razzismo e le dinamiche del mondo calcistico. Non solo l’episodio di Kean, ma anche quello avvenuto durante la gara tra Montenegro e Inghilterra della scorsa settimana, quando Rose, Sterling e Hudson-Odoi sono stati vittima di ululati razzisti. «Quando le nazioni vengono semplicemente multate per i cori razzisti – ha concluso il terzino – e devono pagare quello che probabilmente io spendo se esco una sera a Londra, cosa ti aspetti? È un po’ una farsa, ma è dove siamo arrivati adesso nel calcio e fino a quando non ci saranno punizioni più severe, non possiamo aspettarci niente di diverso».

Violanews consiglia

Sentite Gamberini: “Affascinato dal progetto della Fiorentina. Liverani? Sa di calcio”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14134146 - 6 mesi fa

    Almeno problemi di soldi non ne ha, pensa a quelli che non riescono ad arrivare a fine giornata e in più vengono maltrattati loro sono i veri sfortunati

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy