Toni: “Che fatica la trattativa tra Palermo e Fiorentina, Corvino non voleva spendere”

Toni: “Che fatica la trattativa tra Palermo e Fiorentina, Corvino non voleva spendere”

Le parole dello storico centravanti viola e della nazionale italiana

di Redazione VN

Luca Toni grande protagonista del pomeriggio gigliato. L’ex attaccante ha partecipato ad una diretta Instagram sui canali ufficiali della Fiorentina. Tanti i temi trattati tra curiosità ed aneddoti:

La trattativa che mi ha portato in viola? Ricordo che arrivai a Firenze dopo due anni importantissimi al Palermo. Parlai con Corvino e Prandelli che mi convinsero a lasciare la Sicilia per la Fiorentina. Fu una trattativa lunghissima. Perinetti per cedermi chiedeva tantissimi soldi ma Corvino non voleva spendere. Alla fine per fortuna tutto si è risolto anche grazie all’insistenza di Prandelli.

Rapporto con Firenze? Firenze è una città bellissima, una piazza che mi piaceva. Fin da subito si era creato un gran gruppo. Le cene di gruppo erano frequenti. Credo che sia stato quello il vero segreto per raggiungere tutti i risultati che raggiungemmo in quel periodo.

Ribery? A Monaco eravamo inseparabili, siamo sempre stati grandi amici anche fuori dal campo. Dopo il mancato rinnovo con il Bayern aveva voglia di mettersi in gioco ed ho pensato subito a Firenze. Giocare una volta a settimana, piazza calda, tifosi e città stupendi tutto perfetto per lui. Firenze ha la fortuna di avere un campione ed un leader nello spogliatoio, e dire che tutto era iniziato per gioco. Sono sicuro che anche i giovani della rosa miglioreranno molto con lui accanto.

La Fiorentina di Commisso? Indubbiamente era necessario un cambiamento. Comunque mantengo un ottimo rapporto con la famiglia Della Valle. Meritano rispetto per aver riportato la Fiorentina in Serie A. Poi ovviamente, come spesso accade, il tempo logora le cose. L’equilibrio si era rotto ed era necessario un cambio. Questa proprietà ha molto entusiasmo e una mentalità molto più europea. C’è grande voglia di investire sulle infrastrutture.

Il ritorno nel 2012? La società aveva puntato su Berbatov, ma sappiamo tutti come è andata a finire. In quei giorni mi confrontai con Daniele Pradè e parlammo a lungo. Per me accasarmi alla Fiorentina per la seconda volta è stato come tornare a casa. L’inizio della mia seconda carriera che è proseguita con molti gol a Verona.

 

Attenta Fiorentina: anche una big di Serie A su Belotti

 

 

 

 

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. IachiniNoo - 2 mesi fa

    Da centrocampo in avanti puo essere cosi castrovilli amrabat ribery ibra chiesa vlahovic.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dejan - 2 mesi fa

      Secondo me manca una punta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Etrusco - 2 mesi fa

      Ibra per farci cosa?

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy