Spaccatura in Lega, la Fiorentina sta con le big. Galliani: “Ce ne andiamo”

Spaccatura in Lega, la Fiorentina sta con le big. Galliani: “Ce ne andiamo”

Fiorentina, Juventus, Roma, Napoli, Inter e Milan hanno lasciato l’assemblea di Lega

di Redazione VN

Altra fumata nera nella quarta assemblea elettiva della Lega Serie A e Adriano Galliani ha spiegato il perchè a nome di sei ‘big’ tra cui la Fiorentina (in rappresentanza di cui c’era Sandro Mencucci): “C’è un’insanabile frattura. Le sei che vedete, Napoli, Inter, Milan, Juventus, Fiorentina e Roma, che rappresentano l’80% dei tifosi italiani hanno deciso di andarsene. E’ impossibile, allo stato attuale, trovare una soluzione. La Governance è una foglia di fico, il problema è come al solito la ripartizione dei diritti televisivi. Vadano avanti i 14 club rimasti al tavolo, se andranno avanti… Di certo non potranno decidere su questioni economiche, che sono preponderanti, perché ci vogliono 15 voti” ha detto Galliani.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. marchino - 2 anni fa

    Lo sto sostenendo da tempo e la redazione sicuramente ha i miei vari commenti dove dico che il problema del calcio italiano(oramai alla fine)sono i diritti tv.Si danno tanti soldi alla juve in modo che sia nelle prime posizioni e i suoi tifosi la seguono abbonandosi alle varie tv a pagamento.E’ risaputo che il 50% dei tifosi bianconeri segue la squadra solo se vince.Scoperti i vari trucchetti che gli hanno permesso di primeggiare c’era da trovare una soluzione abbastanza legale ed ecco che dargli un enorme quantità di soldi risolve la situazione.Secondo i parametri regolamentari prende 120 milioni contro i 65 che dovrebbe percepire.A tutti va bene cosi a fronte di ricatti piu o meno evidenti…..non ti faccio fallire,roma,inter….ti faccio spalmare debiti,lazio…..ci inventiamo dei finti cinesi in modo da non farti fallire.A questo si aggiungono mancate radiazioni per calcioscommesse.Quando leggo di tifosi che criticano della valle mi verrebbe voglia di fargli provare un presidente come Zamparini,Preziosi o mille altri che gestiscono squadre tenendole fisse a metà classifica incassando tot soldi dalle tv e spendondone la metà per il monte ingaggi.Imformatevi bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tato - 2 anni fa

    Però è vero che potresti fare un po’ da ago della bilancia, cercando di strappare qualcosina in più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Il Viola di Gallipoli - 2 anni fa

    E’ un bruttissimo segnale vedere che le squadre di serie A basino la quasi totalità del proprio bilancio sui diritti tv.

    Vedo piani di marketing, per la maggior parte, veramente ridicoli e che denotano pigrizia e non solo imperizia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. acidbee - 2 anni fa

      È un bruttissimo segnale anche che la Fiorentina sia l’ago della bilancia nella disputa tra 5 “big” e tutte le altre- E lo sia a favore delle prime. E dire che quelle 5 squadre prendono tutte dai 100 mln in su all’anno: noi ne prendiamo 45, avremmo tutto l’interesse a supportare una redistribuzione più equa (modello inglese). Fossimo davvero tra i privilegiati, uno capirebbe. Direbbe: è sbagliato, moralmente fa un po’ schifo, ma ci conviene.
      E invece no, nemmeno quello.
      Puro servilismo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. marchino - 2 anni fa

        Ti ricordo che i Della Valle appena entrati nel calcio, una volta tornati in serie A hanno provato a fare una cordata con altre squadre per combattere questa ingiustizia,se ti ricordi bene ci siamo trovati l’anno successivo con 19 punti di penalizzazione facendo credere alla gente che eravamo coinvolti nello scandalo di calciopoli facendo passare il mano di zauri,le espulsioni di genova e l’incredibile 1-1 con il Messina come errori a nostro favore

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. acidbee - 2 anni fa

          “Male non fare paura non avere”.
          È inutile piangere miseria e giustificare l’assenza di risultati sportivi con il bacino di utenza e il market pool e i 45-48 mln di diritti serie A se poi quando c’è la possibilità (concreta) di cambiare le cose ti allinei con Agnelli e Galliani. Agnelli e Galliani che prendono una cifra nell’ordine di grandezza dei 100 mln (e non dei 10) di diritti tv, e hanno tutto l’interesse (la moralità non l’hanno mai avuta, lo sappiamo) a mantenere lo status quo.
          Del resto da che parte sta la ragione lo vediamo, basta vedere la strafottenza e l’arroganza delle parole di Galliani. E se può dire quelle cose è grazie a noi.
          Che stiamo sotto a raccattare le briciole.

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy