Sconcerti: “Perché litigare sul calcio? Assemblea di domani non conta nulla, decisione spetta al Governo”

Sconcerti: “Perché litigare sul calcio? Assemblea di domani non conta nulla, decisione spetta al Governo”

Le opinioni del decano del giornalismo

di Redazione VN

Mario Sconcerti ha parlato a Stadio Aperto, in onda su TMW Radio:

“Ci sono 19 società che hanno deciso di anticipare una giornata a cui l’Inter, in collisione con la Lega, non si piega perché vorrebbe giocare prima con la Sampdoria come da calendario. Facciano quello che credono, sono prove di organizzazione, ma l’8 marzo ci sarà sempre il Governo che decide se si può giocare o meno. Che senso ha da parte del presidente Zhang dare del pagliaccio a Dal Pino? Bisognerebbe chiederlo a lui. C’è una società che non accetta tutto questo. Parliamo di calcio e tutto questo dipenderà dal Governo, non dalla politica del calcio. Stiamo vivendo su regole che limitano la nostra libertà, perché dobbiamo metterci a litigare sul calcio? A me sembra che si passi un limite quando Zhang dà del pagliaccio al presidente della Lega, non si può lavorare insieme se ci si offende. Il campionato è falsato come è falsata la nostra vita da due settimane fa. Non mi aspetto nulla dall’assemblea di domani, non contano niente. Possono mettersi d’accordo sul calendario, ma l’ultima parola spetta al Governo. Se il regolamento prevede che ci debba essere l’unanimità, siamo al punto di partenza. Bisogna aspettare la vera grande notizia, che stanno diminuendo i contagi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy