Roma, che pasticcio con Diawara: rischia lo 0-3 a tavolino col Verona

Nella lista ufficiale dei 25 giocatori consegnata dalla Roma, il 23enne centrocampista è stato inserito negli under 22 e non tra gli “over”

di Redazione VN

Sul campo Verona-Roma è finita 0-0, per l’omologazione del risultato bisognerà però aspettare la sentenza del giudice sportivo. La partenza dei giallorossi, insomma, non è stata delle migliori e non solo per il tormentone delle punte (il passaggio di testimone tra Dzeko e Milik oramai a forte rischio), ma anche per il presunto pasticcio regolamentare in cui si ritrova il club di Dan Friedkin. A Verona, infatti, da regolamento Amadou Diawara non avrebbe potuto scendere in campo, in quanto nella lista ufficiale dei 25 giocatori consegnata dalla Roma (come ogni altro club) ad inizio stagione è stato inserito negli under 22 e non tra gli “over”.

I FATTI – All’inizio di ogni stagione, infatti, ogni squadra deve consegnare una lista di 25 giocatori, a cui aggiungere poi tutti gli under 22 che si vuole (soglia che è stata alzata di un anno nel 2018). E nella scorsa stagione Diawara era, appunto, in questa sorta di lista B, quella degli under 22, il che ha permesso alla Roma di liberare una casella in più per un altro giocatore con un’età maggiore del centrocampista guineano. Nel frattempo, però, il 17 luglio Diawara ha compiuto 23 anni e avrebbe dovuto scalare nella lista principale, come da regolamento. Cosa, però, che all’inizio di questa stagione non è stata fatta, con Diawara che è rimasto così nell’elenco degli under 22. E con questo status ha giocato a Verona, titolare nel centrocampo giallorosso insieme al francese Veretout. La Roma, ovviamente, aspetta ora di capire cosa succederà, perché il regolamento prevede la sconfitta a tavolino per 3-0 (esattamente come successo nel 2016 al Sassuolo, che si vide assegnare partita persa per aver fatto giocare Antonino Ragusa senza averlo inserito nella famosa lista dei 25). In caso il giudice sportivo dovesse esprimersi in tal senso, a Trigoria sono pronti però a fare ricorso. Questo perché l’errore c’è effettivamente stato, ma è un errore che è stato fatto in buonafede e non con l’intento del dolo o della frode. Nella lista dei 25 posti, infatti, la Roma ha ancora 4 slot liberi e avrebbe potuto inserire tranquillamente Diawara in uno di questi. E’ stata una svista, insomma, una dimenticanza. La tesi difensiva sarà sostanzialmente questa, con la Roma che farà leva sull’assoluta buona fede. Ma è una svista, comunque, che potrebbe costare ai giallorossi il punto conquistato sabato sera al Bentegodi.

NEL 2019 – La scorsa stagione Diawara, tra l’altro, con la Roma ha già giocato 5 partite dopo aver compiuto i fatidici 23 anni. A causa del Covid-19, infatti, il calendario del 2018/19 è stato spalmato oltre la sua naturale scadenza, con il guineano che – così – dopo il suo compleanno è sceso in campo in campionato contro Inter, Spal, Fiorentina e Torino, oltre alla sfida contro il Siviglia, negli ottavi di finale dell’Europa League. Per regolamento, però, fa fede lo status acquisito ad inizio stagione. Così anche se aveva già compiuto 23 anni, Diawara risultava a tutti gli effetti regolarmente come un under 22 anche nella parte finale della stagione. Ora, però, non più. E la Roma rischia di ritrovarsi subito a quota zero in classifica.

(Gazzetta.it)

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Albe_Lucca - 1 mese fa

    Partita persa a tavolino secondo me non ha senso.. così ci guadagnerebbe, senza alcun merito, il Verona.. io toglierei 3 punti alla Roma e via.. così il Verona resta a 1 e la Roma va a -2 !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. simuan - 1 mese fa

    …son curioso di vedere icche’ inventano ‘sto giro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ivo - 1 mese fa

    Nemmeno se lo vedessi con i miei occhi ci crederei

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Etrusco - 1 mese fa

    A furia di punti persi li buttassero in serie B come sarei contento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. strato57 - 1 mese fa

    …”a Trigoria sono pronti però a fare ricorso. Questo perché l’errore c’è effettivamente stato, ma è un errore che è stato fatto in buonafede e non con l’intento del dolo o della frode.”

    Fatemi capire; allora se non vengono sanzionati la roma è in buonafede mentre il Top Team Sassuolo era in malafede? Ma di cosa stiamo parlando?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Staffa - 1 mese fa

    e ora si vedrà quanto conta la capitale e che gabola troveranno per svangarla..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. dallapadella - 1 mese fa

    Petrachi sorride…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Orsito - 1 mese fa

    E adesso chi glielo spiega a Dan Friedkin?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy