Ora tocca a Saponara: il futuro è adesso

Ora tocca a Saponara: il futuro è adesso

Il fantasista è in odore di convocazione. Perché non puntare anche sulle sue risorse per provare a rivitalizzare una squadra sempre più incartata su se stessa?

di Alessio Crociani, @AlessioCrociani

Quella contro la squadra di Delneri doveva essere l’ultima con la maglia dell’Empoli dopo tante gare vissute da protagonista e metà stagione a dir poco deludente, poi l’infortunio alla caviglia ha fatto sì che il saluto al Castellani fosse rimandando alla prima da ex con la maglia viola addosso. C’è senz’altro l’Udinese nel destino di Riccardo Saponara, almeno in questo inizio 2017. Il fantasista di Forlì, messi alle spalle i guai fisici, è finalmente in odore di convocazione per la sfida di domani al Franchi proprio contro i bianconeri.

A darne timida conferma è stato Paulo Sousa in sala stampa: “Saponara è arrivato con un infortunio, si sta integrando. Insieme a Kalinic ha fatto tutti gli allenamenti col gruppo ed è possibile che vengano convocati entrambi”. Una buona notizia anche per chi coltiva le residue speranze europee della Fiorentina in questa stagione. Perché se è vero che l’acquisto del numero 21 è mirato principalmente alla prossima stagione e che a destare le preoccupazioni maggiori è il reparto difensivo, lo è altrettanto il fatto che le trame viola d’attacco abbiano bisogno di un tocco d’imprevedibilità.

E allora, senza voler addossare al giocatore responsabilità ingiustificate, perché non puntare anche sulle sue risorse per provare a rivitalizzare una squadra sempre più incartata su se stessa? Magari a partire da domani, in caso di convocazione, con uno scampolo di partita se la situazione sul terreno di gioco dovesse mettersi per il verso sbagliato (o particolarmente bene).

Per Saponara parlano i sei mesi con Sarri e la stagione passata agli ordini di Giampaolo, oltre che gli innumerevoli attestati di stima. Uno in particolare era arrivato solo qualche mese fa e guarda caso porta la firma di un grandissimo ex Udinese ed ex Empoli, Totò Di Natale: “Il vero numero 10 in Serie A? Saponara. E’ maturato, sa lanciare le punte, si inserisce in zona gol, tira, ha classe e qualità. E soprattutto fantasia”. Se lo dice lui, forse, c’è da fidarsi.

 

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. EGIDIO - 3 anni fa

    Questo è il giocatore che ci voleva alla Fiorentina….son sicuro che insieme a Bernardeschi faranno grandi cose lì sulla trequarti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. EGIDIO - 3 anni fa

    Questo è il giocatore che ci voleva per la Fiorentina….son sicuro che insieme a Bernardeschi faranno faville….lì sulla trequarti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. franco55 - 3 anni fa

    Tanto non lo farà giocare, se no si vince e lui non vuole che si vinca e i meriti sono di altri, ecco perché fa giocare molti in ruoli non proprio adatti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Barsine - 3 anni fa

    Lo mette a fare il terzino basso a sinistra … Li farà sfracelli!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Antonio Capo d'Orlando - 3 anni fa

      Quello capace di far uesto e’……

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy